Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 704

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 712

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 722

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 703

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 731

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 730

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 727

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 717

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 709

Cinema

Venezia 76: il ruggito del pagliaccio e l'abbraccio della famiglia
Il numero "76" la Mostra del cinema di Venezia lo custodirà stretto a sé; un’edizione che le rimarrà impressa per sempre, come un tatuaggio sulla pelle. Perché questa edizione, partita tra sorprese, solite polemiche (si pensi all'inutile diatriba tra la presidente di giuria Lucrecia Martel e la presenza in concorso del nuovo film di Roman Polanski, “L’ufficiale e la spia”) e rivoluzioni, ha chiuso con un ruggito sotto forma di risata: “Joker”, il film su cui il direttore Alberto Barbera aveva puntato tutto, alla fine si è rivelato il vincitore assoluto portandosi a casa il Leone d’Oro. Ride il pagliaccio…
Venezia 76: "Joker" di Todd Phillips vince il Leone d'Oro. Tutti i premiati di questa edizione
Con la cerimonia di premiazione svoltasi il 7 settembre, la settantaseiesima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia entra, a suo modo, nella Storia: il più importante riconoscimento del festival, il Leone d’Oro al Miglior Film, è assegnato a "Joker", diretto da Todd Phillips, con Joaquin Phoenix nei panni di colui che diverrà la famigerata nemesi criminale di Batman. È dunque la prima volta che un film ispirato ai fumetti di supereroi (per quanto anomalo rispetto ai consueti cinecomics) si aggiudica un premio così importante, preludio forse ad una non meno clamorosa vittoria ai prossimi Oscar. Ma altri e…
Locandina Biografilm Festival 2019
Tempo di bilanci per il Biografilm Festival, a pochi giorni dalla fine della 15esima edizione che ha avuto luogo come usanza fra i cinema bolognesi dal 07 al 17 giugno. International celebration of lives il sottotitolo del festival che celebra i documentari e le biografie raccontate sul grande schermo. L’edizione di quest’anno ha avuto particolarmente successo, come confermano i numeri: oltre 20.000 presenze in sala e più di 120.000 ingressi al Biografilm Park, lo spazio esterno alle sale cinematografiche che al Parco del Cavaticcio fa risuonare musica, incontri, convivialità. Non solo cinema dunque, per quello che si conferma essere ancora…
Beautiful Boy - una biografia a due voci sulla drammaticità privata della tossicodipendenza
Chiudi gli occhi, non temereIl mostro se n'è andato, sta scappando e tuo padre è qui Magnifico, magnifico, magnificoMagnifico ragazzo (…) Prima di attraversare la strada afferra la mia manoLa vita è ciò che ti accade mentre sei intento a fare altri progetti (…)  Se John Lennon scrive la canzone Beautiful Boy (Darling Boy) nel 1980 per suo figlio Sean, nel 2008 il giornalista e scrittore americano David Sheff ne trae ispirazione, o meglio, ci trova quello stesso amore e senso di protezione che prova per il figlio, Nic, e ne fa il titolo del suo libro: Beautiful Boy: A…
Il ritratto cupo e sferzante di una società alla deriva: “Parasite” di Bong Joon-ho
Le opere d’arte più belle e significative hanno il raro dono di racchiudere in sé lo spirito del proprio tempo e, in parallelo, di esprimere dei concetti esistenziali che travalicano i confini del presente e che si rispecchiano tanto nel passato quanto nel futuro. È questo il caso di Parasite del regista sudcoreano Bong Joon-ho, un film di straordinario pregio per l’efficacia con cui scandaglia i conflitti sociali della nostra epoca e per il modo arguto e coerente con il quale costruisce una narrazione ricca di sorprese, dai riflessi grotteschi e che suscita nello spettatore delle risate assai amare.La vicenda…
X-Men: Dark Phoenix, l'implosione di un successo
C’è qualcosa di profondamente ingiusto nell’assistere alla conclusione di una saga come quella di X-Men senza salti sulla poltrona, con la bocca chiusa e gli occhi mai sbarrati in un’espressione di sorpresa. Il pubblico, quello cresciuto a pane e mutanti, esce dalla sala a testa bassa, non completamente appagato e con pochissima adrenalina in corpo, conscio di aver assistito a un flebile ricordo di quella che è stata la saga degli X-Men in tutte le sue sfaccettature, da quella originale, al suo reboot, alla versione animata, sino alla striscia dedicata al mutante per eccellenza: Wolverine. Ripercorrendo il percorso minato segnato…
Il Traditore di Marco Bellocchio: due opinioni a confronto
I nostri due collaboratori Valeria Verbaro e Alessio Tommasoli, hanno visto per noi "Il traditore" di Marco Bellocchio. Il film è stato presentato in concorso a Cannes lo scorso 23 maggio, in concomitanza con il ventisettesimo anniversario della strage di Capaci, e accolto da tredici minuti di applausi.La storia di Tommaso Buscetta, “boss dei due mondi” e pentito di Cosa Nostra, si intreccia indissolubilmente con quella del magistrato Giovanni Falcone, altro silenzioso ma potente protagonista del film di Bellocchio.A metà degli anni Ottanta, in seguito all’arresto in Brasile e all’estradizione in Italia, Buscetta diventa il primo collaboratore di giustizia ufficiale…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM