Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 683

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 673

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 674

Cinema

Mission Impossible: Fallout - Tom Cruise e la formula segreta del cinema action
Lo scorso 29 agosto ha debuttato nei cinema di tutto il mondo l’ultimo capitolo della saga cinematografica ormai più che ventennale “Mission: Impossible”. Era il 1996 quando esordiva, con record al botteghino, la prima avventura cinematografica di Ethan Hunt, interpretato da un giovane Tom Cruise (in realtà, già allora trentaquattrenne) e diretto da un hitchcockiano Brian De Palma. Si trattava di quello che oggi, comunemente, definiamo un “reboot”, da una celebre serie anni ’60. Ironico che lo stesso film si sarebbe trasformato presto in un franchise seriale di altrettanto, anzi maggiore successo.Oggi la saga conta 6 pellicole, per 5 registi…
Non-Fiction: arriva a Venezia la nuova commedia di Assayas
Finalmente arriva al Festival di Venezia anche una ventata di leggerezza tipica dello humor francese. Non-Fiction si apre sulle parole di una conversazione tra il composto editore Alain (il sempre più bello Guillaume Canet) e il timido e impacciato scrittore Léonard (Vincent Macaigne) riguardo la pubblicazione del suo ultimo libro. Sviluppandosi attorno a una lunga serie di cene tra amici con calici di vino rosso, sciarpe di cotone e qualche candela per creare un’atmosfera accogliente e rilassante, Olivier Assayas ci diverte con dispettosa ironia a soli due anni dal suo inquietante quanto sensuale Personal Shopper. Dimentichiamo sms da sconosciuti e…
Il fascino del male: "Suspiria" di Luca Guadagnino a Venezia75
Già dal trailer era chiaro che con il suo Suspiria - in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2018 - Luca Guadagnino volesse discostarsi dal cult di Dario Argento. I colori desaturati in morbide tinte pastello e i grigi densissimi, agli antipodi rispetto al caleidoscopio di colori fluorescenti dell’originale, erano già garanzia di una presa di distanza, nonché dell’approfondimento di una ricerca cromatica avviata da tempo. Quello che non si poteva ancora immaginare era quanto oltre si fosse spinto il regista. C’è la RAF (Rote Armee Fraktion), il gruppo terroristico di estrema sinistra responsabile di più di 30 omicidi,…
Venezia 75, The Favourite di Yorgos Lanthimos
Inghilterra, primi anni del ‘700. La regina Anna, ultima regnante Stuart e prima sovrana del Regno di Gran Bretagna dopo l’annessione della Scozia, si trova a regnare durante una guerra contro la Francia che non è in alcun modo in grado di gestire. Lontana dai campi di battaglia e dai morti provocati dalla guerra, Sua Maestà – interpretata da Olivia Colman – si aggira incerta e zoppicante nel suo palazzo anche a causa della gotta di cui soffre e lascia che a tenere le fila del regno sia la sua dama di compagnia e intima confidente Sarah Churchill, duchessa di…
Venezia 75, Roma di Alfonso Cuarón
Sembra non aver dimenticato del tutto lo spazio, Alfonso Cuarón, dopo il suo premiatissimo Gravity presentato proprio a Venezia in anteprima mondiale nel 2013: siamo alla periferia di Città del Messico o forse sulla luna nel suo Roma, già considerato tra i possibili vincitori del Leone d’Oro 2018. La pellicola prende il nome dal quartiere della sua infanzia in Messico, così come i personaggi e gran parte delle vicende sono personalmente tratti dalla sua storia e dalle vicende della sua famiglia: il 1971, infatti, è l’anno in cui suo padre abbandonò moglie e figli, ma anche quello del massacro del…
Agadah – il ritorno di un classico della letteratura nell'ambizioso adattamento di Alberto Rondalli
Agadah, nel linguaggio cabalistico, significa “narrare”. Ed è proprio alla narrazione e ai suoi labirinti che pare inevitabilmente connesso il film di Alberto Rondalli, libero adattamento del Manoscritto trovato a Saragozza di Jan Potocki. Sono infatti storie che si accumulano l'una sull'altra quelle che il regista de Il Derviscio mette in scena con la consueta eleganza calligrafica e minuziosa, cercando, in poco più di due ore, di far rivivere al cinema un'opera tanto monumentale quanto estremamente stratificata, restituendo il senso di una storia dove i diversi piani narrativi si confondono e inglobano tra loro e la conoscenza non può che…
"Il sacrificio del cervo sacro" di Yorgos Lanthimos: anatomia di una famiglia
Bastano davvero delle riprese in steadycam lungo corridoi claustrofobici o l’uso di inquadrature dal rigore geometrico, o ancora la massiccia presenza degli archi di György Ligeti per poter paragonare un qualsiasi film sulla disintegrazione di una famiglia borghese e sul confronto con l’incomprensibile a un’opera di Kubrick? La risposta è certamente no, non bastano neanche lontanamente. Eppure nei mesi precedenti più voci hanno sottolineato in modo precipitoso i parallelismi con l’estetica kubrickiana presenti ne Il sacrificio del cervo sacro (2017) di Yorgos Lanthimos, premiato come miglior sceneggiatura a Cannes 2017 e uscito nelle sale italiane lo scorso 28 giugno. Nell’ultimo…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#musica #Motta live a #Firenze con il nuovo album #vivereomorire Benedetta Colasanti https://t.co/7BiirNWkXN