Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

Cinema

Agadah – il ritorno di un classico della letteratura nell'ambizioso adattamento di Alberto Rondalli
Agadah, nel linguaggio cabalistico, significa “narrare”. Ed è proprio alla narrazione e ai suoi labirinti che pare inevitabilmente connesso il film di Alberto Rondalli, libero adattamento del Manoscritto trovato a Saragozza di Jan Potocki. Sono infatti storie che si accumulano l'una sull'altra quelle che il regista de Il Derviscio mette in scena con la consueta eleganza calligrafica e minuziosa, cercando, in poco più di due ore, di far rivivere al cinema un'opera tanto monumentale quanto estremamente stratificata, restituendo il senso di una storia dove i diversi piani narrativi si confondono e inglobano tra loro e la conoscenza non può che…
"Il sacrificio del cervo sacro" di Yorgos Lanthimos: anatomia di una famiglia
Bastano davvero delle riprese in steadycam lungo corridoi claustrofobici o l’uso di inquadrature dal rigore geometrico, o ancora la massiccia presenza degli archi di György Ligeti per poter paragonare un qualsiasi film sulla disintegrazione di una famiglia borghese e sul confronto con l’incomprensibile a un’opera di Kubrick? La risposta è certamente no, non bastano neanche lontanamente. Eppure nei mesi precedenti più voci hanno sottolineato in modo precipitoso i parallelismi con l’estetica kubrickiana presenti ne Il sacrificio del cervo sacro (2017) di Yorgos Lanthimos, premiato come miglior sceneggiatura a Cannes 2017 e uscito nelle sale italiane lo scorso 28 giugno. Nell’ultimo…
"Tully" di Jason Reitman: Charlize Theron e la fatica di essere madre
Prendendo illegittimamente spunto da un celebre incipit, si potrebbe dire che tutte le neomamme felici si somigliano; ogni neomamma infelice, invece, è infelice a modo suo. Ad esempio Marlo (Charlize Theron), 40 anni e l’aspetto di chi rimanda continuamente l’appuntamento col parrucchiere o l’inizio della dieta, vive nella periferia di New York in una casa piena di giocattoli sparsi per terra e piatti da lavare. Non osa avvicinarsi allo specchio o alle foto di qualche anno prima, e si veste prendendo pigiami a caso da una cesta. Ormai aspetta il terzo figlio e ha riposto la laurea in Letteratura fra…
Estate 1993: la stagione più dolente della crescita
L’estate può essere per un bambino il periodo più bello dell’anno, un interregno di tempo sospeso da riempire soltanto di giochi e del piacere di annoiarsi sotto il sole. L’estate, però, può diventare anche un complicato rito di passaggio. È quello che accade in “Estate 1993”, distribuito da Wanted Cinema nelle sale italiane dal 5 luglio, a Frida (Laila Artigas) che, ad appena sei anni, si ritrova orfana anche della madre ed è costretta a trasferirsi dal centro di Barcellona alla campagna nei suoi dintorni. Lì la attendono gli zii Esteban (David Verdaguer) e Marga (Bruna Cusì) e la cuginetta…
Blue Kids: Matteo Garrone presenta il deserto morale del primo film di Andrea Tagliaferri
Al Nuovo Cinema Aquila di Roma, nella serata del 20 giugno, il regista Matteo Garrone, introdotto da Mimmo Calopresti, ha presentato Blue Kids (uscito il 14 giugno), opera prima di Andrea Tagliaferri, da dieci anni aiuto regista di Garrone il quale ha prodotto il film con il contributo di Rai Cinema. Blue Kids è “un film che nasce da un vuoto e dal bisogno di dare voce a questo disagio”, ha sostenuto Tagliaferri, il cui progetto ha trovato la totale fiducia del Maestro Garrone che ha concesso al collaboratore totale carta bianca. Proprio intorno a un vuoto morale e umano…
Due piccoli italiani – avventura e follia nel rocambolesco road movie di Paolo Sassanelli con Francesco Colella
Parlare di disagio psichico adottando il registro della commedia non è mai stata cosa semplice per il cinema. Ancora meno in Italia, dove gli esempi si potrebbero contare sulle dita di una mano. È sul solco di uno di questi, il riuscito "Si può fare" di Giulio Manfredonia, che pare innestarsi l'opera prima di Paolo Sassanelli, una solida carriera d'attore alle spalle e un paio di corti acclamati dalla critica. Il suo "Due piccoli italiani", avventura tragicomica di due amici problematici ritrovatisi, di colpo, alle prese con un viaggio che dalla Puglia li porterà fino a Rotterdam e poi in…
Festival BCT – dal 4 al 9 luglio Benevento ospita la seconda edizione del Festival del Cinema e della Televisione
Dopo aver presentato decine di ospiti e registrato più di 100 mila presenze nella prima edizione del 2017, torna, dal 4 al 9 luglio, il Festival Nazionale del Cinema e della Televisione di Benevento (BCT). Una rassegna unica nel suo genere, come tiene a sottolineare il direttore artistico Antonio Frascadore, che, per la prima volta in Italia, mescola, nelle sue più svariate forme, il mondo del grande e del piccolo schermo (“le forme culturali che raccontano al meglio il nostro Paese e chi lo vive”) in un solo Festival. Cinque giorni di manifestazione, 50 eventi all'interno di tutto il centro…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#musica #Motta live a #Firenze con il nuovo album #vivereomorire Benedetta Colasanti https://t.co/7BiirNWkXN

Digital COM