Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

Visioni di danza

"Erodiade - Fame di vento": la rimessa in scena di Julie Ann Anzilotti dopo la prima del 1993
Duplice occasione per riportare alla luce una creazione coreografica che Julie Ann Anzilotti ha presentato nel 1993: Fabbrica Europa di Firenze e Progetto RIC.CI – Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni 80/90, curato da Marinella Guatterini. “Erodiade – Fame di vento” rientra nel processo di ricerca spirituale e mistica che rappresenta un leitmotiv nel percorso artistico della coreografa Anzilotti. Si ispira all’omonimo poema incompiuto di Stéphane Mallarmé, un mito al femminile intriso di sentimenti come la solitudine, l’insoddisfazione e la sensualità. La messinscena è arricchita dalle scenografie firmate Alighiero Boetti, deceduto nel 1994 ma costruttore di una dimensione «sacrale», semplice ma…
Il balletto trionfa ancora. Il pubblico di Fabbrica Europa estasiato per "Arcaico" di Davide Bombana
A Fabbrica Europa, uno dei festival contemporanei per eccellenza, aperto alla sperimentazione e alle nuove proposte, sembra avere la meglio la produzione firmata Balletto di Roma, acclamata con calore dagli spettatori. Anche la danza classica va in cerca di nuovi percorsi, fondendosi alla contemporanea e scegliendo come colonna sonora una musica che distorce il suono classico. Martedì 8 maggio, alla Stazione Leopolda e con coreografie di Davide Bombana, va in scena un’altra prima assoluta: “Arcaico. Azioni coreografiche per cinque danzatori, pianoforte, percussioni e canto”. In scena le musiche originali composte ed eseguite dal vivo da una versatile Katia Pesti che…
Sang Jijia e Olimpia Fortuni a Firenze per Fabbrica Europa
Multimedia e danza, Cina e Italia. Due coreografi, due tematiche e due modalità di messinscena simili ma anche due temperamenti diversi. Martedì 8 maggio, nell’ambito del festival Fabbrica Europa, vanno in scena alla Stazione Leopolda di Firenze “Re-Mark” di Sang Jijia e “Soggetto senza titolo” di Olimpia Fortuni. Una creazione site specific nonché un intenso percorso di scambio fra il coreografo tibetano Sang Jijia e un gruppo di otto danzatori reclutati in territorio fiorentino. Con dieci repliche in quattro giornate consecutive, "Re-Mark" va in scena in prima assoluta, prodotta da Fabbrica Europa in collaborazione con City Contemporary Dance Company/Hong Kong,…
Pagina 1 di 17

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#teatro #musica Oggi avrebbe 80 anni: il @SalaUmberto di #Roma ospita “Anche se il nostro maggio…”, tributo a… https://t.co/MBqkpXq00k