Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 681

Visioni di danza

La Dolce Vita: un connubio tra cinema e lirica che strizza l’occhio alla danza
Le migliori colonne sonore del cinema italiano incontrano la lirica e la danza nella mistica cornice dell’Oratorio del Caravita a Roma. Fautore di questo magico incontro è Antonio Desiderio, manager della lirica e del balletto e talent scout dal fiuto infallibile. La sua è una vita consacrata alle arti del palcoscenico in cui non smette mai di credere. Questa volta con La Dolce Vita Antonio propone un ciclo di serate in cui sono protagoniste le colonne sonore dei Premi Oscar del grande cinema italiano da “La dolce vita” a “Il buono, il brutto e il cattivo”, passando per“C’era una volta…
"The trip". Charlotte Zerbey e Alessandro Certini per la Democrazia del Corpo a Firenze
«The snowflake is the master. Ink floating inside out. A momentary life. Gather». È il ritornello della partitura coreografica e sonora messa insieme da Charlotte Zerbey e Alessandro Certini, punte di Company Blu e creatori “The Trip”. Un viaggio psichedelico, un intreccio tra movimento e parole, un’analisi del significato del logos reso per mezzo della corporeità. «Surrounding in, under, frankly, it was, in a way, kind of special. Indeed I couldn’t exactly focus […] here now, Dance, embrace the sound of meanings – dance – in the dialogical space of the world. Drop the weight, fly» («Circondandolo, sotto, francamente, era,…
“Piaf et Marlène”: un tuffo nel teatrodanza tra musica e cinema
Il Teatro dei Limoni di Foggia accoglie il teatrodanza inserendolo nella sua stagione teatrale. Lo scorso 11 marzo lo spettacolo “Piaf et Marlène” ha trasportato il pubblico del capoluogo dauno in un’atmosfera retrò tipica della belle epoque e dal gusto tutto nordeuropeo. Protagonista della performance è stata la compagnia leccese Koreoproject, diretta da Giorgia Maddamma, danzatrice, coreografa e docente di danza contemporanea. Foggiana di nascita e laureata alla Folkwang Hochschule diretta da Pina Bausch, Maddamma è un’artista di calibro internazionale che, tuttavia, non dimentica mai le sue origini e da anni s’impegna nella formazione dei giovani danzatori e nella diffusione…
Pagina 5 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM