Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Visioni di danza

Il suono della bellezza: da Rossini a Spellbound Contemporary Ballet
“Mangiare e amare, cantare e digerire: questi sono in verità i quattro atti di questa opera buffa che si chiama vita, e che svanisce come la schiuma di una bottiglia di champagne. Chi la lascia sfuggire senza averne goduto è un pazzo”. La celebre frase, attribuita a Gioacchino Rossini (Pesaro 1792 – Passy 1868), riassume lo stile del “bon vivant à l’italienne”, com’era conosciuto il compositore. Persino il suo contemporaneo Stendhal, l’illustre scrittore e intellettuale francese, decise tra il 1823 e il 1824 di redigerne un libro - “Vie de Rossini” -, quando l’operista era ancora in vita. Una consacrazione…
Addio a Trisha Brown
Lo scorso sabato si è spenta Trisha Brown, ottant’anni, pioniera della Post Modern Dance americana. Con lei se ne va non solo un celebre capitolo della storia della danza ma anche una personalità geniale e ironica perché Trisha Brown era l’intelligenza trasfusa nel movimento.Nata e cresciuta ad Aberdeen, Washington, si diplomò poi al Mills College e studiò con José Limòn, Louis Horst e Merce Cunningham. Fu a stretto contatto con danzatori del calibro di Yvonne Rainer, Steve Paxton, Lucinda Childs e David Gordon e compositori come Robert Dunn e John Cage. Nel 1970 fondò una sua compagnia, la “Trisha Brown Dance…
“Passioni d’opera”. Il galà dell’amore
La raffinatezza di nuovi linguaggi conquista il Teatro di Documenti. Questo piccolo gioiello dell’architettura teatrale, situato nel cuore del quartiere Testaccio a Roma, ospita due serate in cui la fusione di varie espressioni artistiche valorizza ancor di più il suo spazio suggestivo. La tradizione intoccabile dell’opera lirica viene portata in scena senza essere turbata da inopportune contaminazioni. Il Maestro Antonio Condino fa riecheggiare attraverso il suo pianoforte il famosissimo brindisi “Libiam nei lieti calici” da Traviata con il quale si è aperta la serata. Le passioni, i sentimenti e la loro perenne presenza nell’animo umano vengono raccontati dal canto e…
Pagina 10 di 19

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#musica @danielecelona in #abissitascabili: un album/fumetto per i supereroi del nuovo millennio Giorgia Groccia https://t.co/FRbaVw7KVO

Digital COM