Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Visioni di danza

La formazione alla danza come priorità necessaria: il progetto “Vita Nova”
Vita Nova è un progetto fortemente voluto dal direttore artistico di Biennale Danza, Virgilio Sieni. Per il quarto anno consecutivo, sono stati selezionati giovanissimi danzatori tra i 10 e i 16 anni per effettuare nei loro luoghi di origine (quest’anno Marche e Toscana) un percorso coreografico, che verrà presentato nel weekend conclusivo di questa edizione 2016.I coreografi che in questo festival hanno aderito all’idea di Sieni sono tre: Marina Giovannini, che presenterà Quattro #Venezia, Manfredi Perego con Primitiva e Chelo Zoppi e il suo Four. I tre lavori vengono eseguiti in contemporanea nello stesso spazio, la sala all’ultimo piano del…
Biennale Danza 2016: spazi che esistono solo in relazione ai corpi che li percorrono, “Danze sulla debolezza” di Virgilio Sieni
Afferma il fisico francese Lecomte Du Noüy: «Una distanza, cioè una dimensione dello spazio, non ha senso che in relazione al tempo impiegato a percorrerla [...] L'esistenza stessa della materia è inseparabile dal tempo, per la sola circostanza che si è pronunciata la parola "esistenza". Non è concepibile un oggetto esistente istantaneamente. E' la sicurezza di ritrovarlo dopo un tempo dato, per breve che sia, che gli conferisce ciò che chiamiamo la sua esistenza. Come lo spazio segna la coesistenza delle percezioni ad una data epoca del tempo, così il tempo segna la progressione delle percezioni in una data posizione…
Biennale Danza 2016: Vortex Temporum, «l'assoluta necessità che questo mondo sia immagine di qualche cosa»
«Che è quello che sempre è e non ha nascimento, e che è quello che nasce sempre e mai non è?».La ricerca dell'origine, del principio delle cose e ancora di più dei fenomeni che l'hanno determinata è materiale su cui si sono interrogati filosofi, matematici, scienziati fin dal tempo dei tempi. “Vortex Temporum” di Anne Teresa De Keersmaeker sembra essere l'ulteriore tentativo che prova a indagare su questa affascinante e complicata questione. Il lavoro, presentato mercoledì 22 giugno nella sala del Teatro alle Tese – tesa 3, è costruito sulla continua e inseparabile relazione tra i danzatori della compagnia Rosas…
Pagina 14 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM