Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 705

Libri

“Vietato calpestare le rovine”: la funzione paradigmatica della parola nel libro di Andrea Appetito
Un testo, sia esso canzone, racconto, poesia, romanzo riesce più facilmente ad attecchire nel lettore quando ogni parola trova la giusta collocazione funzionale. Così come una pennellata - intinta nel colore migliore - è tesa a restituire in immagine il ritmo del pensiero che la muove. L’atmosfera, ora asfittica, ora distopica di “Vietato calpestare le rovine” si regge proprio su questa abilità di Andrea Appetito di evocare paradigmaticamente scenografie di luoghi e “geografie psicologiche” delle umanità che abitano il racconto, anzi, i racconti. Racconti di ieri, oggi e di un possibile domani. “[...] Quando raggiungemmo la colonia, le grida del gabbiano non…
Eshkol Nevo: l’irrequietezza che dai “Tre piani” dell’anima conduce alla piazza
La casa: il luogo in cui faticosamente viene a formarsi la nostra identità, tra le cicatrici dell’esperienza e i fantasmi che accompagnano ogni crescita. Questa è l’ambientazione che diviene tematica in Tre piani (2017), quinto romanzo dello scrittore israeliano Eshkol Nevo, da cui Nanni Moretti ha deciso di trarre il suo ultimo film. Ed è una triste coincidenza il fatto che la pellicola sia in questi giorni bloccata nella sua uscita, mentre gli schermi restano spenti e noi rimaniamo costretti alle nostre abitazioni.Sfogliare le pagine di questo libro nell’attesa che le sale riaprano offre l’occasione per immergersi in una narrazione…
Veronica Pivetti, Per sole donne: «Chiunque si aspetti la Prof nel libro non la troverà»
Per sole donne è il primo romanzo di Veronica Pivetti. Dopo due esilaranti bestseller autobiografici, Ho smesso di piangere (2012) e Mai all’altezza (2017), l’autrice torna in libreria con una storia esplicita e smaliziata, un racconto coraggioso sul sesso scandito dall’amicizia fra cinquantenni disincantate. Adelaide fa l’antiquaria, ha un marito più giovane di lei con cui è in crisi, una madre complice e saggia nonostante un principio di arteriosclerosi e quattro amiche vere. Nel solito ristorante cinese si raccontano gli amplessi vissuti, il rapporto con gli uomini e anche con le donne e l’immediatezza del linguaggio rende leggibile persino l’immaginazione.…
Pagina 1 di 17

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM