Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 739

Recensito intervista Giampiero Vigorito, curatore di Raistereonotte - il libro

Recensito incontra Giampiero Vigorito, curatore e autore di “Raistereonotte – il libro” (Iacobelli Editore), un testo che ripercorre la storia del celebre programma radiofonico della Rai negli anni 1982-1995.
Il libro raccoglie numerose testimonianze e aneddoti raccontati dai conduttori storici del programma, dagli ascoltatori e alcune testimonianze di personaggi “eccellenti” da Arbore a Bennato, da Sandro Veronesi a Fiorella Mannoia, da Claudio Baglioni a Ligabue.

Perché ha deciso di scrivere un libro sul programma radiofonico Raistereonotte?

Il progetto covava sotto la cenere da diversi anni. La prima idea era quella di raccogliere il meglio delle lettere che ci scrivevano gli ascoltatori. Era il nostro unico modo di stabilire un contatto con loro. Eravamo in un’epoca in cui non esistevano internet e le mail, la messaggistica e i social. Non avevamo neanche un fax o un numero verde dedicato. Vivevamo in questo tempo sospeso, pieno di relazioni epistolari dalle quali emergevano racconti e pensieri profondi, stralci di vita personale, confessioni intime. Il tutto stimolato dalla musica che ognuno di noi conduttori mandava in onda. Poi nel tempo l’idea si è andata modellando. Abbiamo mantenuto i ricordi degli ascoltatori di allora che sono stati raccolti attraverso un gruppo di Facebook cresciuto esponenzialmente fino a arrivare a 6000 iscritti e che ci ha rituffato negli anni di Stereonotte. Il tutto è stato condito dalle testimonianze di noi conduttori, dagli interventi dei personaggi famosi e da una serie di preziosi contributi come la prefazione di Carlo Massarini e di molti altre personalità legate al mondo di Raistereonotte. 

Com’è nata la sua collaborazione col programma?

Ogni conduttore aveva fatto le sue esperienze nelle prime radio private sorte nella seconda metà degli anni Settanta e nei primissimi network che stavano pioneristicamente formandosi allora. I primi a essere interpellati fummo una decina di speaker di una radio romana molto ascoltata e apprezzata in quegli anni: Radio Blu. Il primo periodo, infatti, vide alternarsi ai microfoni di Stereonotte molta gente di Roma cresciuta attraverso quella esperienza. Poi, col passare degli anni, si inserirono conduttori provenienti da altre zone d’Italia come la Napoli di Lucio Seneca, Asti di Massimo Cotto, Genova di Ida Tiberio, L’Aquila di Maurizio Iorio. Molti di noi erano da tempo critici musicali e fu proprio questo il passepartout più importante per entrare a far parte dei conduttori di Stereonotte: scrivevamo per riviste che prima dell’intervento di internet avevano tirature altissime, come Rockstar, il magazine che ha maggiormente contribuito a infoltire le schiere degli speaker del programma notturno. Oltre a me ricordo Stefano Mannucci, Enrico Sisti, Alberto Castelli, Peppe Videtti, Paolo De Bernardin, Alex Righi, Alessandro Mannozzi e molti altri che si dividevano tra la carta stampata e i microfoni della radio.

Raistereonotte è stato la fucina di numerosi talenti del giornalismo, cosa ha rappresentato per lei questa esperienza?

L’esperienza basilare che ognuno di noi ha maturato fu che non si trattava più di scrivere di dischi che spesso la gente non conosceva e che in qualche modo doveva decriptare dai giudizi delle nostre spesso cervellotiche recensioni. La radio permetteva per la prima volta di far ascoltare quello che prima era stato affrontato in maniera più fredda e virtuale. Alla fine il nostro compito era quello di creare delle colonne sonore per la notte, di unire con i nostri interventi confidenziali due brani tangibili, reali. Passavamo uno strato della colla più raffinata e suggestiva che avevamo a disposizione per incollare dei brani tra loro. Il gioco era semplice.

Chi sono stati i suoi maestri?

Sono cresciuto leggendo avidamente le riviste di settore del periodo e ascoltando i primi programmi che la Rai destinava al pubblico più giovane come “Per voi giovani”, “Radio2, 21 e 29”, “Master” o “Popoff”. Nel libro, ognuno di noi, in una scheda standard che vale per tutti, cita i suoi maestri: Beh, molti di noi non hanno potuto fare a meno di indicare Carlo Massarini come il nostro nume tutelare e il maggiore ispiratore.

Ha un aneddoto legato alla sua esperienza a Raistereonotte che vorrebbe raccontarci?

Più che un aneddoto una considerazione finale. Raaistereonotte è stata una trasmissione davvero entrata attraverso la porta principale dell’immaginario collettivo di molti e che ha scavato un solco nel cuore di quelle creature della notte che hanno dedicato alla musica le ore che li accompagnavano nello studio, nel lavoro, negli impegni notturni. Un programma che per 14 anni dall’82 al 95 ha riempito i sogni sonori di moltissime persone. Inizialmente si pensava, soprattutto in quegli anni, che la notte fosse appannaggio solo di alcune categorie, che so come i fornai, i vigilanti, i camionisti in realtà capimmo che c’erano molti giovani: liceali e studenti che amavano accompagnare i loro studi con il sottofondo di una radio accesa nel cuore della notte. E la cosa che mi è rimasta più impressa è che dalle valanghe di lettere che ci arrivavano in redazione ogni ascoltatore, proprio perché sveglio come noi, avvertisse come le nostre parole e la nostra musica fossero dirette proprio a lui. 

Che consigli darebbe ad un giovane che aspira a diventare un conduttore radiofonico?

Di ascoltare molta radio, di non fermarsi davanti a niente, di studiare i numerosi format delle più diverse radio, da quelle di nicchia ai grandi Network nazionali. I mezzi di approvvigionamento musicale sono orami tantissimi: dalle piattaforme come Spotify o Apple Music con le loro playlist personalizzate ai canali che sono sorti sulla scia di You Tube e che permettono di fare delle scalette autonome, in completa libertà, fuori dalla logica degli algoritmi. E poi non mancare l’appuntamento con le tante radio web e i podcast che si trovano in rete. Bisogna essere curiosi e affinare le proprie conoscenze per poi formarsi un gusto personale. La radio rimane il mezzo più caldo di cui continuiamo a disporre.

D.B.  04.01.2021

Recensito incontra Viola Graziosi, protagonista al Piccolo di Milano di "Tu es libre"

Una ragazza francese di buona famiglia parte per la Siria, unendosi  a gruppi di combattenti.  Una scelta che destabilizza la vita di chi rimane ad attenderla e che spinge a capire cosa la abbia portata a una tale decisione. In scena fino al 18 ottobre, al Piccolo Teatro di Milano, Tu es libre, diretto da Renzo Martinelli, dramma in cui una madre, un padre, un’amica e un innamorato indagano sul significato della parola libertà. Recensito ha incontrato Viola Graziosi, protagonista della piece. 

Tu es libre è stato considerato uno dei migliori testi di drammaturgia contemporanea dalla Comédie-Française.  Qual è il sottotesto?

Tu es libre è scritto da Francesca Garolla, che è anche in scena nel ruolo dell’autrice, ovvero di se stessa. Il testo è una riflessione sul concetto di libertà attraverso lo sguardo di due generazioni: quella dei genitori e quella dei figli. Si tratta di una sorta di indagine che la Garolla ha scritto nel 2017 ispirandosi a fatti realmente accaduti che sono venuti a minare il nostro senso di supremazia “occidentale”: mi riferisco agli attentati a Charlie Hebdo e al Bataclan. L’autrice ci pone davanti un buco nero nel quale si perde ogni riferimento psicologico e democratico, in cui ciascuno è messo di fronte alla meravigliosa e mostruosa responsabilità della propria (presunta) libertà. 

Un tema molto attuale quello della guerra in Siria, ma anche molto crudo. Come ti sei rapportata col tuo personaggio? 

Il testo prende spunto dalla Siria, ma non parla della guerra o meglio di quella guerra. Parla di noi. Chi è Haner, questa ragazza? E’ una delle prime domande che viene posta dalla Madre, il personaggio che interpreto e la domanda può essere compresa in molti sensi. Cosa è “Haner”, cosa rappresenta, ora, qui, in teatro. Non parliamo di fatti di cronaca, nel teatro tutto è finzione. Lo spazio scenico diventa una sorta di laboratorio in cui poter fare delle esperienze “in vivo”. Nella drammaturgia di Francesca si mischiano i piani, quello cronachistico e quello metafisico ed è questo che rende il testo potente. È un’esperienza condivisa con il pubblico, dove ciascun personaggio difende la propria umanità portando un punto di vista. Il pubblico si può riconoscere da una parte o dall’altra, si può vedere. Lo spettacolo si sviluppa anche un po’ come un giallo: chi è il colpevole? Forse tutti e nessuno, forse siamo solo davanti al fallimento, alla distruzione di qualcosa, ma dalle macerie tutto può ripartire. Un po’ una metafora dell’Europa, intrisa di grande fiducia nel futuro. Infatti il testo è catartico: dà speranza proprio perché ci mette di fronte a quello che ci fa più paura. Attraverso la lente del teatro, che è un luogo sano e protetto, con le dovute distanze, si guarisce. 

Dopo aver interpretato lo scorso anno Chris MacNeil, la madre della bambina indiavolata nella versione teatrale dell’Esorcista, ti confronti nuovamente con un personaggio che affronta grosse difficoltà. Questa volta tua figlia diventa una possibile terrorista…

Sto imparando quanto sia difficile essere madri, soprattutto oggi. Ti ringrazio di accomunare questi due personaggi perché sono un buon esempio. Chris MacNeil nel romanzo di Blatty (L’esorcista) , è un’attrice di successo, divorziata, atea, che si ritrova davanti la bambina indiavolata. La Madre di Tu es libre è una giovane donna di media borghesia, bella, lavoratrice, intellettuale, sensuale e anche amorevole, dolce, giocosa. La questione è che non si sostituisce più la parola “madre” alla parola “donna” e il prezzo da pagare è molto alto. Nel testo si fa riferimento al personaggio di Andromaca che dal greco significa “uomo che combatte”. Andromaca è la madre per eccellenza e la brava donna di casa, che viene in qualche modo punita dagli dei, che le fanno morire il marito Ettore e il figlio Astianatte. Come se la virtù non fosse sufficiente. Andromaca mette in crisi il concetto stesso di virtù attraverso l’espiazione del suo dolore. Anche la Madre di Tu es libre porta con sé una sofferenza incolmabile: <<Il mio dolore è davvero qualcosa che non so dire>>, e cerca una sorta di verità che le spieghi il perché di tutto ciò. Ecco questo “perché” è una domanda esistenziale. È la pretesa dell’uomo (o della donna) di comprendere e voler ordinare la natura. Dove sono i confini tra il bene e il male? 

La consideri una madre coraggio? 

Sicuramente. Le donne sono molto coraggiose e le madri ancora di più. Io non ho figli, ma sto scoprendo proprio grazie a questi personaggi e a quello che mettono in atto in me, l’istinto di maternità. Non c’è niente da fare, è parte di noi donne, una liquidità femminile che si adatta alle forme e che non può che contenere tutto. 

Non hai un nome in questo dramma, sei semplicemente la Madre: un personaggio in cerca d’autore in stile pirandelliano?

A noi l’autore non manca, anzi l’autrice! Quello che ci manca è il “perché, il senso, la comprensione di noi stessi attraverso ciò che ci accade. Allora, grazie al teatro, ci poniamo insieme delle domande. Come andare avanti? La risposta credo sia insieme, solo insieme.  

Deve essere un’emozione immensarecitare in un teatro come il Piccolo: come vivi questa esperienza in periodo di Covid, con la platea semipiena?

È una grande emozione nonchè un onore per me tornare al Piccolo e nella sala Studio dedicata a Mariangela Melato; è tra i più bei teatri del mondo per il rapporto magnifico con il pubblico, per la sua rotondità. Sembra un teatro greco contemporaneo. Anche quella è una pancia, una gestazione. In questo spettacolo gli spettatori sono coinvolti direttamente, sono in penombra, noi li vediamo, eppure le mascherine non mi danno fastidio. Le portiamo ovunque ormai. È una giusta attenzione alla nostra libertà e a quella del prossimo, ed è proprio di questo che parliamo nello spettacolo. In questo caso la “distanza” permette di avere più aria, più spazio vitale. Anche noi siamo distanziati sul palco e questo accresce la nostra fame. Il teatro porta a un contagio positivo, di idee, apertura, conoscenza e rispetto. Infatti dall’apertura dei teatri il 15 giugno non ci sono stati contagi del virus e ne siamo fieri! 

Qual è il ruolo del teatro in un momento del genere?

Trovo che il teatro sia fondamentale perché è un luogo in cui si cerca insieme di fare esperienze che riguardano il nostro tempo. A teatro ci interroghiamo sul nostro presente e ci accorgiamo che non siamo soli, che dall’antichità a oggi l’uomo si è posto di fronte alle stesse domande, alle stesse difficoltà. Il teatro porta alla catarsi. Ed è di questo che abbiamo più che mai bisogno adesso. Il teatro ci toglie la paura, e sappiamo quanto questa indebolisca l’anima e il corpo. Il teatro è un atto d’amore e solo l’amore ci rende invincibili. 

Pensi che le messe in scena via web possano emozionare lo spettatore allo stesso modo che da vivo?

Ho appena fatto uno spettacolo ideato proprio per un palcoscenico virtuale: “La mia esistenza di acquario” di Rosso San Secondo, prodotto dallo Stabile di Catania con la regia di Lydia Giordano, che ha coinvolto 17 attrici da tutta Italia. Una cosa difficilissima da fare dal vivo. Non sono esperienze paragonabili, certo, però è stato interessante recitare dietro a uno schermo e cercare di superare questo enorme limite. Chiaramente quello che i corpi comunicano dal vivo non è paragonabile, nè può essere messo in discussione, ma non dobbiamo avere paura della tecnologia. Facebook è un enorme palcoscenico virtuale, allora forse riempire quel palcoscenico di arte può avere senso. Penso anche che possa coinvolgere una nuova generazione: quanti ragazzi vanno a teatro spontaneamente? E allora mi dico, se Maometto non va alla montagna… L’importante è riuscire a comunicare un’esperienza condivisa. Questa è l’unicità del teatro. 

Cosa ti ha lasciato e cosa ti lascerà questo testo?

Il testo, come dice il regista Renzo Martinelli ogni sera, è un viaggio e i viaggi sono sempre diversi. Questo tocca delle verità profondissime che vanno al di là del tempo e dello spazio, del bene e del male. Poi c’è il gioco degli attori e degli spettatori che lavorano insieme, perché a viaggiare è la nave e procede solo se riusciamo a navigare insieme. Anche questo è bellissimo. Together. To play! 

Elisa Sciuto   17/10/2020

Recensito incontra Eugenio Guarducci direttore artistico del Festival di Todi

Il Todi Festival, la rassegna di teatro, musica e arti visive fondata nel 1987 da Silvano Spada, torna dal 3 al 6 settembre. In periodo di Covid la kermesse non si ferma, riproponendosi dinamica e con un programma ogni giorno diverso. Si inaugura con la prima nazionale di Era un fantasma, testo inedito di Arianna Mattioli, messo in scena da Lorenzo Lavia. Per il quinto anno consecutivo Eugenio Guarducci si conferma direttore artistico. Recensito lo ha incontrato durante l’allestimento.

Dopo un periodo complicato per il teatro e la cultura in generale, la trentaquattresima edizione del festival appare ancora più movimentata e fresca. Come è andata l’organizzazione?

Abbiamo subito i condizionamenti di tutte le diverse fasi che si sono susseguite durante il primo semestre del 2020, senza mai abbandonare il progetto, per poi decidere di proseguire il nostro cammino con la necessaria prudenza abbinata al consueto entusiasmo.

Opere inedite, debutti nazionali ed esclusive regionali: quali sono le novità di quest’anno?

Innanzitutto abbiamo ridotto da nove a quattro le giornate di programmazione, selezionando il meglio delle proposte precedentemente valutate. Un’altra novità riguarda le masterclass di Todi Off, nella splendida location di Palazzo Vignola. Infine abbiamo creato una sezione dal titolo curioso: T-Short, che esplorerà le nuove grammatiche espressive che, durante il lockdown, hanno condizionato il mondo del teatro.

Proprio Todi off ha riscosso negli anni un grande successo, orientando pubblico e artisti a un avvicinamento al teatro della ricerca. Quali saranno gli appuntamenti più importanti?

Tutti i quattro appuntamenti ospitati al Nido dell'Aquila sono delle perle di ricerca e innovazione; sinceramente non vorrei penalizzare nessuno segnalandone solo alcuni. Ottimo come sempre il lavoro del Teatro di Sacco di Roberto Biselli, che ha elaborato i programma con il consueto equilibrio.

In che modo avete lavorato per assicurare il rispetto delle normative vigenti?

Abbiamo investito su grafica e comunicazione, utilizzando una piattaforma web che tracciasse le prenotazioni. Ci siamo, poi, dotati di procedure organizzative che garantissero la sicurezza di maestranze e artisti, oltre che del pubblico.

Sul palco del teatro comunale di Todi, nomi illustri come Lorenzo Lavia, Lodo Guenzi, Francesco Montanari, Jenni Lea Jones, Ida Di Benedetto. Sarà una kermesse breve ma intensa!

Un ritmo molto elevato al quale non abbiamo mai voluto rinunciare, anche potendo trovare le opportune giustificazioni. È stata una bella terapia di gruppo che ha consentito a coloro che hanno avuto un ruolo nel progetto TF 2020, di superare le fisiologiche difficoltà di organizzare un qualcosa che assomigli a un miracolo.

Nessuna replica ma un programma ogni giorno diverso: un modo per dare un’offerta sempre più variegata?

È la nostra consueta “Todi salad”, ovvero quell'amalgama di ingredienti diversi fra loro e apparentemente estranei che invece si combinano in maniera armonica e con un gusto mai banale. 

Come anticipavi, non mancheranno le masterclass…

Sì, una parte del progetto a cui teniamo moltissimo, perché temevamo che i tempi ridotti di comunicazione limitassero la partecipazione degli allievi. Invece le adesioni sono state molto elevate a testimonianza di un percorso formativo che ha seminato molto bene in questi quattro anni.

L’evento si chiude il 6 settembre con Max Gazzè, che canterà in piazza del Popolo. In un momento così delicato nella vita di noi tutti, cosa la musica può fare?

Può far tornare al lavoro tante persone rimaste per molti mesi senza occupazione e con pochissime tutele. Può stimolare le presenze turistiche in una città straordinaria come Todi. Infine può contribuire a comprendere come il ritorno alla normalità possa passare anche attraverso gli eventi culturali.

Ti ritroveremo a Todi anche l’anno prossimo?

Certamente. Non so in quali vesti. Di sicuro mi troverete come commensale in uno dei tanti ottimi ristoranti della città… questo già sarebbe un ottimo auspicio!

Elisa Sciuto  01/09/2020

Pagina 1 di 122

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM