Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 645

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 669

Visioni di danza

“Soirée Française” a Roma: cinquanta sfumature di bianco con il corpo di ballo del Teatro dell’Opera
È tutta francese l’ispirazione della soirée in programma al Teatro dell’Opera di Roma dal 28 gennaio al 3 febbraio con il dittico “Suite en blanc” di Serge Lifar (coreografia ripresa da Claude Bessy) e “Pink Floyd Ballet” di Roland Petit (già ripreso da Luigi Bonino per Caracalla). E francesi sono, d’altra parte, la formazione e la carriera della pur sicilianissima Eleonora Abbagnato, dal 2015 direttore del corpo di ballo del Teatro Costanzi. La carismatica étoile è meritevole di aver portato una ventata di primavera al balletto romano, operazione di successo come mostra la scelta di aprire la stagione lirica romana …
Tosca, una disperata passione che “brucia” il Comunale di Bologna
La celebre Tosca di Giacomo Puccini, magistralmente diretta dal regista Daniele Abbado, conclude la stagione lirica del Teatro Comunale di Bologna con recite dal 15 al 23 dicembre. A dirigere questa storia d’amore e morte ambientata nella Roma del 1800 è la bacchetta di Valerio Galli insieme al maestro dei cori Andrea Faidutti. Le schermaglie amorose della cantante Floria Tosca (Svetla Vassileva) e del suo amante, il pittore Mario Cavaradossi (Rudy Park), s’incrociano con le più delicate questioni dello Stato della Chiesa. La  vicenda è incentrata sullo scontro del loro amore e desiderio di libertà con la crudeltà del Barone…
Il 2017 della danza in due spettacoli
A Fabbrica Europa la prima nazionale di “A Love supreme” del duo De Keersmaeker-Sanchis A cinquant’anni dalla morte di Coltrane, Fabbrica Europa ha accolto in Prima Nazionale l’esperienza nata dalla collaborazione della De Keersmaeker con Salva Sanchis. La coreografia, così come l’album del ’65 da cui prende il titolo, ruota intorno al numero quattro; quattro come i danzatori, i movimenti della suite per un quartetto che deve sempre seguire un tempo di 4/4 su un’ “ascesa spirituale”, ancora, di quattro livelli. In questa struttura si ritrova il principio assoluto che tanto il compositore, quanto i coreografi hanno voluto seguire con inviolabile…
Pagina 8 di 21

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM