Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 636

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 655

Visioni di danza

La “favola” del Don Chisciotte sul palcoscenico dell’Opera di Roma
È un’esplosione di colori il “Don Chisciotte” che apre la nuova stagione del Teatro dell’Opera di Roma. Il balletto, tratto dal romanzo di Miguel de Cervantes, è stato ripreso da Laurent Hilaire che con la compagnia aveva già lavorato per “Le Parc” di Preljocaj e “Serata Nureyev. Il balletto proposto si ispira alla versione originale per l’American Ballet Theatre di Mikhail Baryshnikov ed è prima di tutto, un insieme di tecnica, poesia e rinnovata tradizione. Sul palco, un’ineccepibile Iana Salenko che torna ad essere Kitri nel Teatro della capitale dopo il 2012; al suo fianco il giovane Isaac Hernández, attualmente…
“Il Flauto Magico”. Il racconto danzato di un classico multimediale
È un’esplosione di musica lirica, danza e colori l’ultimo spettacolo di Diana Ferrara, Prima ballerina étoile del Teatro dell’Opera di Roma e coreografa e direttrice della compagnia Astra Roma Ballet. In scena al Teatro Greco di Roma, il balletto, liberamente tratto dal libretto originale de “Il flauto magico”, risulta essere in perfetta aderenza al singspiel, quel genere operistico diffusosi tra il Settecento e l’Ottocento in area tedesco-austriaca e caratterizzato dall'alternanza di parti recitate cantate. La storia d’amore tra il principe Tamino e la principessa Pamina, sottratta dal malefico mago-sacerdote Sarastro al regno di sua madre la Regina della Notte, viene…
“Scherzo for piano and stick”. Un concerto per il teatrodanza
Cosa potrebbe succedere se su un palcoscenico s’incontrassero un pianoforte e uno stick? Diventerebbero amici o si farebbero dei dispetti non sopportando la presenza l’uno dell’altro? E avete idea di cosa accadrebbe se questi due strumenti, così lontani tra loro, sentendo, invece, una certa vicendevole simpatia, volessero provare a disegnare una “linea infinita” con la loro musica? Ma che cos’è una linea? E come la si potrebbe suonare o addirittura danzare?Ideata e interpretata da Mia Theil Have su musiche composte ed eseguite dal vivo dal pianoforte di Nikola Kodjabashia, la Riotus Company presenta questa performance dal gusto prettamente nordeuropeo che,…
Pagina 8 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM