Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 681

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 692

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

Visioni di danza

"Nel mezzo della vita" c'è Anne Teresa De Keersmaeker: a Fabbrica Europa la consacrazione di Rosas
Minimalista e ipnotica. Anne Teresa De Keersmaeker ha fatto di questo binomio il proprio marchio di fabbrica. Lo è lei, lo è il lavoro che porta avanti da anni con la sua compagnia Rosas, una ricerca continua sul corpo come portatore di vita e d’arte in cui la coreografa e danzatrice belga continua ad affondare le proprie mani e le proprie gambe, la propria mente e uno spirito vigoroso all’inverosimile. Minimalista, ipnotica e potente. Come il suo ultimo spettacolo (produzione Rosas), “Mitten wir im Leben sind/Bach6Cellosuiten”, presentato in esclusiva e anteprima nazionale a Fabbrica Europa (co-realizzato da Fondazione Fabbrica Europa,…
“Atmos” e “Ritornello”: la danza al Teatro India è di “Dominio Pubblico”
"Nessuno può appropriarsi in maniera esclusiva di ciò che è di Dominio Pubblico, piuttosto ciascuno può prendere quel bene e goderne". “Dominio Pubblico – La città agli Under 25” è il primo festival italiano completamente dedicato alla creatività under 25, un format originale giunto alla sua quinta edizione e che vede la collaborazione col Teatro Nazionale di Roma. Gli eventi sono ospitati dal Teatro Valle e dal Teatro India, dove dal 29 maggio sono in corso esposizioni, sessioni di musica live, spettacoli di teatro e non solo: spazio anche alla danza. Due sono i corti presentati sabato 2 giugno: “Atmos” di…
L’intramontabile storia di Manon al Teatro dell’Opera di Roma, ovvero quando la danza commuove il pubblico
Siamo davvero liberi di amare? È questa la domanda che attraversa la storia di Manon. È questo il motivo che l’ha resa irresistibile. Intramontabile. Il balletto “Manon”, ideato dal coreografo Kenneth MacMillan e rimontato dai maestri Karl Burnett e Patricia Ruanne, dal 25 al 31 maggio (con Anteprima Giovani il 24) è per la prima volta al Teatro dell’Opera di Roma. Il sipario si alza e mostra una scenografia essenziale, costituita prevalentemente da brandelli di tessuto lacero sullo sfondo, effetto simil sacco di juta bruciato di Alberto Burri. La scenografia (qui un prestito del Teatro Stanislavsky di Mosca) è firmata…
Pagina 4 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM