Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 677

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 681

Visioni di danza

“Canapa”, gli ambienti sensibili e l’azione condivisa
Una risorsa straordinaria, una pianta che cresce senza chimica, un elemento che si trasforma e diventa qualcos’altro: è proprio la canapa al centro di “Canapa”, lo spettacolo prodotto dal Teatro Metastasio di Prato e portato in scena dalla Compagnia TPO in occasione di Contemporanea 18, il Festival delle Arti della Scena diretto da Edoardo Donatini giunto alla XVI edizione. La danza è parte integrante di questa performance che racconta, attraverso le parole e le immagini, l’evoluzione e l’adattamento, i segreti e le virtù, la versatilità, i benefici e la trasformazione di una vera e propria risorsa, più che di una…
Keos Dance con "Achilles Dystopia" al Festival La Versiliana
Danza, scultura e video-arte sono gli ingredienti principali del nuovo lavoro di Stefano Puccinelli, ideatore e coreografo di “Achilles Dystopia”. In scena il 31 luglio 2018 sul palcoscenico del Gran Teatro all’Aperto della Versiliana (Marina di Pietrasanta), lo spettacolo è tra i titoli del cartellone della 39° edizione del festival. Danza e arte contemporanea al servizio di un concept che unisce varie arti per raccontare il percorso degradante dell’essere umano verso l’alienazione. Ad esibirsi, i danzatori di Keos Dance Project. Fantascienza? Distopia? Si tratta in realtà di un pericolo concreto del nostro prossimo futuro in cui i più giovani e…
Don’t talk to me in my sleep, in scena al Teatro Vascello di Roma nell’ambito della rassegna internazionale di danza contemporanea “Fuori Programma”, è il racconto liberamente ispirato al rapporto tra l’inventore della pop-art Andy Warhol, e sua madre Julia, plasmato dall’inventiva e dalla genialità di Dunja Jocic, divenuto una coreografia di successo premiata al Noorderzon Festival nel 2015 e che approda per la prima volta in Italia. Una stanza buia, nella quale galleggia la luce soffusa dei lampadari posizionati ad altezza d’uomo riflettendosi negli specchi che raccolgono le varie angolazioni di un luogo, di un rapporto, è lo scenario…
Pagina 3 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM