Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 677

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 681

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

Visioni di danza

Don’t talk to me in my sleep, in scena al Teatro Vascello di Roma nell’ambito della rassegna internazionale di danza contemporanea “Fuori Programma”, è il racconto liberamente ispirato al rapporto tra l’inventore della pop-art Andy Warhol, e sua madre Julia, plasmato dall’inventiva e dalla genialità di Dunja Jocic, divenuto una coreografia di successo premiata al Noorderzon Festival nel 2015 e che approda per la prima volta in Italia. Una stanza buia, nella quale galleggia la luce soffusa dei lampadari posizionati ad altezza d’uomo riflettendosi negli specchi che raccolgono le varie angolazioni di un luogo, di un rapporto, è lo scenario…
“One, One & One” di Noa Wertheim: danza primordiale a contatto con la terra
“One, One & One”, il nuovo lavoro dell’acclamata coreografa e danzatrice israeliana Noa Wertheim creato per la Vertigo Dance Company, ha aperto il "Fuori Programma". Il Festival Internazionale di Danza del Teatro Vascello vede la direzione artistica di Valentina Marini e quest’anno, più che mai, punta ad un’edizione di valore, con due prime nazionali, due prime regionali, una prima romana e un debutto assoluto. “One. One & One” (prima nazionale in partnership con Civitanova Danza Festival) segna per la Vertigo Dance Company il suo debutto a Roma. La compagnia, fondata da Noa Wertheim e Adi Sha'al (suo partner di vita…
La parola, la poesia, la danza. “Brodsky/Baryshnikov” al Teatro del Maggio
Luce, buio. Dentro, fuori. Moto, stasi. La voce e il silenzio, le parole e il nulla, l’angoscia e il sollievo, la speranza e la coscienza. Essere, divenire, creare, demolire, vivere e morire.Sono netti i contrasti in “Brodsky/Baryshnikov”, lo spettacolo presentato al Teatro del Maggio in occasione del LXXXI Festival del Maggio Musicale Fiorentino. Con la regia di Alvis Hermanis, lo spettacolo arriva dopo la proclamazione ad honorem al ballerino nato a Riga ma adottato dal continente americano «per la sua lunga e ancora attiva carriera creativa […] che fanno di lui uno dei più completi protagonisti nella storia della scena…
Pagina 3 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM