Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 653

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 668

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 636

Visioni di danza

“Jentu”: la danza di un Don Chisciotte moderno
Una pioggia sottile e luminosa scende ticchettando sul proscenio del Teatro Vascello di Roma. Dietro una finestra, oltre questo velo d’acqua, ecco l’intima luce di un lumino illuminare i volti di un uomo e una donna. Lui giovane e irrequieto, lei capelli grigi e occhi malinconici. Non una storia d’amore ma una vecchia amicizia. Due compagni esiliati dal mondo reale e costretti in una dimensione immaginaria, in un inverno interminabile che forse non vedrà mai il primo germoglio di una nuova primavera fra la neve disciolta. Zerogrammi, la compagnia di teatrodanza torinese non si smentisce neanche questa volta riuscendo a…
“Temporaneo Tempobeat”: al Teatro India, si danza tra voce e tecnologia
Lei è una danzatrice-coreografa svizzera, lui un videoartista italiano: la loro creazione, uno spettacolo che sposa tecnologia e corpo umano, interattività elettronica e movimento fisico. Sono Ariella Vidach e Claudio Prati, che chiudono con “Temporaneo Tempobeat” (al Teatro India il 14 e il 15 luglio) il primo tempo della rassegna “Il teatro che danza”, rassegna che tornerà con due ultimi appuntamenti il prossimo settembre. Contaminando la danza contemporanea con la tecnologia (sul palco, unici elementi anche scenografici, un computer portatile e una cassa acustica agita come fosse un trolley da viaggio), i due artisti presentano al pubblico un lavoro estremamente…
Roberto Bolle a Caracalla. La “vera” danza in un sogno di una notte di mezza estate In una sera d’estate
Fra pietre e rovine intrise di storia si riflette la luce delle stelle che illuminano il loro astro più splendente: Roberto Bolle. La naturale scenografia delle antiche Terme di Caracalla triplica la già fortissima emozione regalata dall’arte della danza. Con “Roberto Bolle and friends” ieri sera si è conclusa la terza e ultima rappresentazione del galà che già da alcuni anni è un appuntamento fisso dell’estate romana con le grandi stelle del firmamento della danza. L’etoile internazionale continua, instancabile, la sua missione portando la danza nella vita e nel cuore della gente comune. È un grande spettacolo dal gran finale…
Pagina 9 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM