Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Visioni di danza

“Something about happiness”: il tempo e lo spazio di un ricordo
Danza, fisicità e delicatezza si combinano sin dalle prime scene in "Something about happiness", spettacolo di corda aerea e acrodanza ideato e realizzato da Amalia Ruocco, andato in scena il 17 febbraio nell'atmosfera intima e minimalista del teatro Furio Camillo.Le invenzioni del videoartista vietnamita-emiliano Samuele Huynh Hong fanno da supporto alla drammaturgia dello spettacolo e sono lo spunto per creare atmosfere che ricordano molto da vicino lo stile di Tim Burton.Dietro ad un paravento vediamo solo l'ombra dell'interprete, che sembra maneggiare la luce in una dimensione onirica, quasi surreale, mescolando piccole movenze libere, sciolte, a fasci di luce e proiezioni…
Serata Bigonzetti. L’omaggio all’umanità di un coreografo tutto italiano
“Umano! È questo il termine che preferisco per descrivere il mio lavoro”. Mauro Bigonzetti, uno dei maggiori esponenti della coreografia italiana e ospite delle principali compagnie di danza sulla scena internazionale, così definisce non solo le sue creazioni ma anche se stesso. Il 18 e il 19 febbraio, il teatro Brancaccio ha ospitato un galà a lui interamente dedicato. Due serate all’insegna della vera danza contemporanea italiana che hanno fatto ritrovare al pubblico romano (accorso numeroso e giovanissimo) una qualità spesso dimenticata.Lo spettacolo, diretto da Mario Marozzi, étoile del Teatro dell’Opera di Roma, lontano dai fini puramente estetici degli altri…
“La bella addormentata”: una ricerca nella tradizione
I sogni più belli qualche volta si avverano, altre si danzano. Così “La bella addormentata” rievoca la celebre fiaba di Charles Perrault attraverso il balletto dei balletti che, dalla prima assoluta del 1890 al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, è rimasto una pietra miliare del repertorio ballettistico tardo-romantico, in cui la dialettica tra bene e male viene risolta dalla forza invincibile dell’amore. Alla reggia del re Florestan, durante i festeggiamenti per il battesimo della principessina Aurora, la fata cattiva Carabosse, furiosa per non essere stata invitata, scaglia una maledizione sulla piccola, predicendo che il giorno del suo sedicesimo compleanno si…
Pagina 12 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM