Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Visioni di danza

Il teatro e la danza non sono solo «disimpegno». Le riflessioni di Massimo Ongaro, direttore dello Stabile del Veneto.
Architetto milanese, ma veneziano d'adozione, Massimo Ongaro è il direttore del Teatro Stabile del Veneto. Lo abbiamo incontrato nella redazione del nostro blog La danza nella città in una mattinata in cui finalmente, anche nella laguna, si respira aria d'estate. Dopo la riforma del 1° luglio 2014, lo stabile è rientrato nel novero dei  sette teatri nazionali. Con il nuovo decreto ministeriale sono stati destinati a questa realtà i sussidi per la produzione di spettacoli di prosa distribuiti tra il Teatro Goldoni di Venezia, il Verdi di Padova e il Teatro Nuovo di Verona. Per Ongaro misurarsi con un territorio…
“Fragile”: la potenza comunicativa della nostra stupenda fragilità
“I look for fragility in people. Make peace with your own is the secret of happiness. One of the things i find most beautiful in aging is that my eyes see much more beauty in others”, Wolfgang Tillman. “Fragile” è il titolo dello spettacolo di danza contemporanea e danza aerea su tessuto andato in scena al Teatro Furio Camillo il 20 maggio scorso. Ideato dalla coreografa e danzatrice Anita Brandolini, questo solo a più dimensioni ha lo scopo di avviare una riflessione sul concetto di fragilità, tabù di un’epoca in cui siamo continuamente spronati a mostrarci forti, vincenti, accattivanti. Affidandosi…
“Convivio”, gli elementi che con-vivono nella danza di Alessia Gatta
Convivio: dal latino cum vivere, vivere insieme. Questo è prima di tutto il significato dello spettacolo diretto e coreografato da Alessia Gatta. Al Teatro Parioli Peppino De Filippo, la contemporary dance company Ritmi Sotterranei porta in scena un lavoro complesso ma acutissimo, nato dalla collaborazione con l'artista e drammaturgo Marco Anelilli.Sei sguardi sul mondo per sei danzatori che si muovono in sei ambienti diversi. Il fil rouge che lega i momenti di uno spettacolo tanto complesso è l'idea di un rito condiviso, appunto, di una vita che passa dal concetto del riunirsi, come quando si è seduti a una stessa…
Pagina 15 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM