Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Visioni di danza

Al Teatro dell'Opera di Roma, la grande danza dei “Grandi coreografi”
E’ il balletto il vero protagonista di “Grandi Coreografi” al Teatro dell'Opera di Roma. La serata è dedicata al passaggio in rassegna di quattro grandi maestri che hanno animato il Novecento con ormai intramontabili coreografie. La scelta che la direttrice Eleonora Abbagnato ha fatto per il cartellone del Costanzi è tecnicamente molto ambiziosa ma i danzatori hanno saputo ben cimentarsi in questo bel viaggio d'esplorazione nell'ultima danza.Il sipario si apre su “Serenade”, balletto creato da Balanchine nel 1934 a seguito dei laboratori dell'allora nascente American Ballet School. Le danzatrici indossano quei tutù dal colore delicato la cui leggerezza lascia intravedere…
“Grandi Coreografi”, una nuova danza per il Teatro dell'Opera di Roma
Al Teatro dell'Opera di Roma arriva il secondo balletto della stagione. Dopo il tanto applaudito “Schiaccianoci” che a dicembre ha visto la proclamazione a prima ballerina della giovane Rebecca Bianchi, dal 26 febbraio sarà la volta di “Grandi Coreografi”, un vero e proprio viaggio d'esplorazione nella più fresca danza di repertorio. Eleonora Abbagnato, la direttrice che da meno di un anno guida il timone del corpo di ballo, ha scelto di portare sul palcoscenico del Costanzi gli estratti di quattro grandi composizioni dei maestri innovatori: Balanchine, Nureyev, Forsythe, Millepied. Nel tempio sacro delle rappresentazioni, non un balletto tradizionale “classico”, ma…
“Isolotto”, gli stati d'animo del duo Sieni-Aarset
Non esiste coreografo che perda, nel tempo, l'amore per esprimersi danzando. Non può esserci alcun “aggregatore” di significati a cui si affievolisca il fuoco del palcoscenico, l'emozione di esserci in prima persona e non solo attraverso altre fisicità, altri interpreti al di fuori di sé. “Isolotto” è lo spettacolo che permette a Virgilio Sieni di tirare fuori tutto se stesso, è l'assolo a cui non serve nient'altro che il corpo per esprimersi, è movimento autentico, esplorazione, indagine e ricerca di immagine. Il coreografo fiorentino passa dall'altra parte e balla ininterrottamente sulle musiche eseguite dal vivo da Eivind Aarset, chitarrista e…
Pagina 17 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM