Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 636

Visioni di danza

Robbins, Preljocaj, Ekman: la danza del futuro in scena al Teatro dell’Opera di Roma
Dopo un inizio di stagione segnato dalla ripresa dei classici, dallo “Schiaccianoci” di Giuliano Peparini, alla “Bella Addormentata” per la nuova coreografia di Jean-Guillaume Bart, la stagione di balletto 2016/2017 del Teatro Costanzi prosegue il suo viaggio con un’incursione nella danza del secondo Novecento. Dal 31 marzo all’8 aprile, infatti, il palco dell’Opera di Roma ospiterà per la prima volta un trittico all’insegna della contemporaneità: “The Concert” del coreografo americano Jerome Robbins, “Annonciation” del francese di origine albanese Angelin Preljocaj, nella doppia veste di autore e supervisore di questo balletto e, infine, “Cacti”, coreografia dal successo mondiale dello svedese Alexander…
Il suono della bellezza: da Rossini a Spellbound Contemporary Ballet
“Mangiare e amare, cantare e digerire: questi sono in verità i quattro atti di questa opera buffa che si chiama vita, e che svanisce come la schiuma di una bottiglia di champagne. Chi la lascia sfuggire senza averne goduto è un pazzo”. La celebre frase, attribuita a Gioacchino Rossini (Pesaro 1792 – Passy 1868), riassume lo stile del “bon vivant à l’italienne”, com’era conosciuto il compositore. Persino il suo contemporaneo Stendhal, l’illustre scrittore e intellettuale francese, decise tra il 1823 e il 1824 di redigerne un libro - “Vie de Rossini” -, quando l’operista era ancora in vita. Una consacrazione…
Addio a Trisha Brown
Lo scorso sabato si è spenta Trisha Brown, ottant’anni, pioniera della Post Modern Dance americana. Con lei se ne va non solo un celebre capitolo della storia della danza ma anche una personalità geniale e ironica perché Trisha Brown era l’intelligenza trasfusa nel movimento.Nata e cresciuta ad Aberdeen, Washington, si diplomò poi al Mills College e studiò con José Limòn, Louis Horst e Merce Cunningham. Fu a stretto contatto con danzatori del calibro di Yvonne Rainer, Steve Paxton, Lucinda Childs e David Gordon e compositori come Robert Dunn e John Cage. Nel 1970 fondò una sua compagnia, la “Trisha Brown Dance…
Pagina 11 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM