Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Visioni di danza

La magia di quattro balletti in una sola serata
Fra pochi giorni tutta l'Italia, dal nord al centro al sud, avrà l'opportunità di assistere al nuovo spettacolo del Royal Ballet. A partire dalle 19:45, infatti, giovedì 12 novembre, ben ventisei multisale del Circuito UCI Cinemas, proietteranno un’eccezionale serata in diretta dalla Royal Opera House.Quattro balletti, quattro magie: Carmen, Viscera, Pomeriggio di un Fauno e Passo a Due di Čajkovskij.La serata si inserisce nella programmazione londinese autunnale e, nella capitale britannica, ha già registrato il sold out.Il tutto si aprirà con la nuova produzione della “Carmen” ad opera di Carlos Acosta, coreografo e protagonista il quale, attraverso la sua coreografia…
Al Vie Festival “BiT” di Maguy Marin: un’ipnosi di gesti e suoni, ripetizione della società?
Suoni stridenti, rumori elettronici, percussioni entrano nelle orecchie, pian piano crescono, si fa luce sul palcoscenico. Enormi lastre che sembrano d’acciaio, costituiscono la scenografia, su di esse i sei danzatori saliranno, si sdraieranno, si rotoleranno.È l’inizio di “BiT”, la nuova creazione di un mostro sacro della danza contemporanea mondiale, Maguy Marin, che circa dopo vent’anni torna a Bologna per Vie Festival. All’Arena del Sole un’occasione unica, per conoscere sia il nuovo lavoro della coreografa francese, andato in scena il 17 e 18 ottobre, sia il suo ormai storico spettacolo “May B”, accolto con un lungo applauso della platea il 20…
Al Romaeuropa Festival “Le mouvement de l’air” non sposta una foglia
Dopo lo spettacolo del 2013 “Hakanai”, Adrien Mondot (metà scienziato e metà giocoliere) e Claire Bardainne, (grafica esperta di scenografia digitale) meglio conosciuti come collettivo Adrien M/Claire B, tornano al Romaeuropa Festival con “Le mouvement de l’air”.Una scenografia digitale di immagini proiettate e fasci di luce sulle tre pareti di un parallelepipedo aperto costituiscono il terreno virtuale su cui Rémy Boissy, Farid-Ayelem Rahmouni, Maёlle Reymond, realizzano le loro danze.Un’ora e un quarto in cui la lotta tra reale e immaginario viene raccontata attraverso lampi luminosi, inseguimenti, contrasti con un intangibile attrito, rumori di tempesta e musica dal vivo, in un’atmosfera,…
Pagina 19 di 20

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM