Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 651

“Aprile in danza”, al Teatro Palladium di Roma tre spettacoli nel segno della contemporaneità

Si intitola “Aprile in danza” la rassegna promossa dalla Fondazione Roma Tre Teatro Palladium, che attraverso tre spettacoli di danza contemporanea si propone di dare vita a eventi sperimentali e innovativi.
Il festival, organizzato in collaborazione con il Goethe Institut e con il patrocinio dell’Ambasciata della Lettonia, si colloca all’interno della sezione “Contemporanea” del programma del Teatro Palladium, che offre una vasta scelta di spettacoli e laboratori artistici.
A illustrare alla stampa i dettagli della manifestazione sono stati gli stessi organizzatori, tra cui Giuseppe Leonelli, Presidente della Fondazione Roma Tre Teatro Palladium, Luca Aversano, Vice Presidente, Theodor Rawyler, Condirettore artistico della Compagnia Excursus, Gabriele Kreuter-Lenz, Direttrice generale dei Goethe-Institut in Italia e Francesco Fiorentino, Docente dell’Università Roma Tre.
Si inizia sabato 1 aprile con “Pulsazioni”, spettacolo di Ricky Bonavita, codiretto da Ugo Bentivegna. Con un connubio fra danza, musica e poesia, la Compagnia Excursus partirà da alcune opere considerate classiche nella cultura occidentale per creare, attraverso il movimento dei danzatori, un ponte con il presente e unire così tradizione e innovazione.Aprileindanza04
Ricky Bonavita, artista, coreografo e docente, ha danzato dagli anni ’80 in più di 800 spettacoli, è autore di più di 30 creazioni per la Compagnia Excursus, diretta da lui stesso e sostenuta dal MIBACT, e nelle sue produzioni spesso si esibisce accanto ai suoi danzatori. Ha studiato con Graham, Limòn, Cunningham, Nickolais e durante un soggiorno a Parigi ha sperimentato la nuova danza contemporanea europea, studiando con Carolyn Carlson, Peter Goss, Jean Gaudin e Jean Cebron. Da oltre dieci anni insegna tecnica di danza moderna e contemporanea presso l’Accademia Nazionale di Danza a Roma.
Il secondo appuntamento è il 5 aprile con “Je(u)” di Laurent Chétouane e Mikael Marklund (una replica è prevista il 7 aprile presso il Goethe Institut). I due artisti sono molto conosciuti nel panorama tedesco e Laurent Chétouane in particolare ha curato numerose produzioni teatrali ad Amburgo, Monaco, Weimar, Colonia, Atene, Oslo, Zurigo. Dopo aver studiato Ingegneria, Chétouane si è poi laureato in Scienze teatrali alla Sorbona e in Regia teatrale alla Hochschule für Musik und Darstellende Kunst di Francoforte. Dal 2006 ha seguito progetti di danza di livello internazionale in Francia, Olanda, Belgio, Austria, Italia, Norvegia, Slovenia, Turchia, Russia e Giappone. Tra le sue attività c’è anche l’insegnamento, in università di città quali Bochum, Francoforte, Berlino, Gießen, Amburgo e Oslo.
A chiudere la rassegna venerdì 7 aprile è lo spettacolo “Saknes, radici. A Mirdza Kalnins, mia nonna” di Benedetta Capanna, con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica di Lettonia in Italia. La coreografa porta in scena un lavoro di ricerca, un viaggio nella memoria della nonna paterna Mirdza Kalnins, danzatrice lettone diventata prima ballerina del teatro dell’Opera di Roma.
Benedetta Capanna, attiva dal 1998, dal 2013 riceve il sostegno del MIBACT collaborando con l’Associazione Culturale Excursus Onlus e partecipa a rassegne di rilevo in Italia, negli USA e in Giappone. È stata più volte menzionata dalla critica newyorkese per la sua ricerca “provocante e ispirata”, le sue “impressionanti qualità tecniche” e le sue “gloriose abilità espressive”.
Parole benauguranti giungono anche dall’Ambasciata della Repubblica di Lettonia, che ha mostrato tutto il suo orgoglio nel sostenere il progetto “Saknes”: «La ricerca delle proprie radici, sulle tracce della nonna paterna, la ballerina lettone Mirdza Kalnins, rappresenta un bellissimo esempio di valorizzazione e conservazione del patrimonio culturale lettone in Italia. Il lavoro svolto da Benedetta Capanna merita grande riconoscimento e gratitudine per aver dato continuità alla figura di sua nonna e per aver reso possibile ancora una volta una bellissima occasione di collaborazione culturale tra l’Italia e la Lettonia».
Tutti gli spettacoli di “Aprile in danza” si svolgeranno presso il Teatro Palladium alle ore 21. Il costo dei biglietti è 10€ (intero)/ 5€ (studenti).

Fiorenza Petrocchi 30/03/2017

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM