Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 749

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 750

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 752

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 751

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 744

Cinema

Le Favolacce dei fratelli D'Innocenzo: realtà oscure per un'atmosfera rarefatta
Da lontano, dall’alto o estremamente vicino, dettagliato. La doppia vita di Favolacce, la sua doppia ricerca nel tentativo di tradurre ogni situazione per giungere ad un solo, unico e deludente risultato: l’inconsistenza della realtà.Nella scacchiera delle villette di Spinaceto -periferia romana- procedono esistenze di grandi e piccoli individui, già scritte e stereotipate. I fratelli D’Inncenzo scrivono e dirigono un racconto narrato -la voce è quella di Max Tortora- ripercorrendo un diario, slegandosi da questo e dalla storia per poi tornare alla consequenzialità, o saltando da un evento all’altro. Un apparente smantellamento dei fatti per una coerenza celata dietro la caratterizzazione…
Tra cult e nuove proposte: 10 film per esorcizzare la paura della pandemia
Quando la pandemia chiude le sale e abbassa i sipari, sugli schermi accesi nelle nostre camere rimbalzano i titoli e le proposte dei palinsesti. Grande polemica ha destato poche settimane fa la decisione di Canale 5 di mandare in onda in prima serata Contagion, profetica pellicola di Steven Soderbergh del 2011. L’inquietante affinità che il film presenta con la situazione attuale, si traduce in un’amarissima riflessione sui rischi di una società globalizzata e sulle responsabilità dell’uomo nella genesi del virus. Al di là della bufera social scatenata in questa particolare circostanza, questo tempo può essere l’occasione per rivedere e ripensare…
I Miserabili delle banlieu parigine arrivano su Miocinema.it e Sky Primafila
Inquadrature degli Champs-Élysées, una folla che festeggia con passione la vittoria della squadra francese durante la Coppa del mondo in Russia. Momenti di felicità e fratellanza intensi ma provvisori. Il poliziotto Stéphane (Damien Bonnard) si trasferisce nel quartiere di Montfermeil, per poi unirsi alla brigata anticrimine locale dove incontra Chris (Alexis Manenti) e Gwada Djebril Zonga). I primi problemi giungeranno quando il trio si troverà immischiato in una guerra tra bande, per il controllo delle strade. Si tratta dell'opera prima del regista francese Ladj Ly, uscita nelle sale oscure nel 2019. Alle sue spalle la pellicola ha già una candidatura…
L’Urlo di Francesco Barilli, un racconto distopico che invita a riflettere sul nostro presente
A quale prezzo vendereste le vostre emozioni in cambio del benessere sociale? È questo un po’ il quesito che viene da porsi durante i titoli di coda de L’Urlo (regia di Francesco Barilli), remake del più noto cortometraggio scritto e diretto mezzo secolo prima da Camillo Bazzoni (il primo della trilogia di fantascienza cui fanno parte anche L’invasione e La caduta di Varema). Ed è anche, se vogliamo, la riflessione più profonda e nascosta nell’animo di ciascuno di noi, e che, di fronte all’emergenza COVID-19 con tutte le sue implicazioni, temiamo di dover di nuovo affrontare con maggiore consapevolezza. Prodotto…
David di Donatello 2020: trionfa “Il Traditore” in un’edizione “a distanza”
La 65° edizione dei David di Donatello ha visto trionfare Il traditore di Marco Bellocchio con 6 premi su 18 candidature (Regia, Film, Sceneggiatura originale, Montaggio, Attore protagonista e non protagonista, Favino e Lo Cascio), seguito da Pinocchio e Il Primo Re, rispettivamente con 5 e 3 statuette, che si spartiscono i principali premi tecnici. Grandi sconfitti Martin Eden (su 11 candidature, vince solo quella per la miglior sceneggiatura non originale) e 5 è il numero perfetto (9 candidature, 1 riconoscimento, per la miglior attrice non protagonista, Valeria Golino). Confermati, anche, i David già assegnati, fra cui quello dello Spettatore,…
Il cinema racconta la scuola: lo specchio della nostra società tra dinamiche di classe e scontri generazionali
Il rapporto fra cinema e scuola è sempre stato complesso e ricco di spunti di riflessione per entrambi gli ambiti. Se da un lato la settima arte ha preso sempre più piede nelle classi come strumento didattico, soprattutto in questi ultimi anni, dall’altro il mondo dell’insegnamento è stato e continua ad essere argomento di moltissime pellicole, che affrontano e mettono in luce i diversi aspetti dell’educazione e dell’ambiente scolastico.Se si concentra lo sguardo sugli ultimi decenni, a partire dagli anni ’90, ci si rende conto che la rappresentazione di quest’istituzione, intesa sia come insieme di persone, sia come luogo fisico…
Il primo Natale di Ficarra e Picone vince il secondo David dello spettatore
Il primo Natale di Ficarra e Picone si aggiudica il David dello Spettatore della 65ᵃ edizione dei David di Donatello. La premiazione avverrà il prossimo 8 maggio in diretta in prima serata su RAI 1. A condurre l’evento “a porte chiuse”, per ovvi motivi, sarà un volto noto del palinsesto: Carlo Conti, in collegamento da una location ancora sconosciuta, con i vari candidati, nelle loro abitazioni. L’ambito riconoscimento ottenuto dal duo siciliano è stato introdotto nella scorsa edizione degli “Oscar italiani” e premia la pellicola più vista nelle sale del nostro Paese. Secondo i dati forniti da Cinetel, la commedia…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM