Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Da Bologna a Taormina, il tempo del cinema: i festival di giugno da non perdere

Un periodo ricco di festival cinematografici questo giugno 2023, con appuntamenti immancabili a cui gli amanti della settima arte non possono rinunciare.
Una rassegna ricca e variegata che vede la sua partenza con il Biografilm Festival, evento cinematografico internazionale che si svolge a Bologna e dedicato alle biografie e racconti di vita, iniziato ieri, venerdì 9 giugno e che proseguirà fino a lunedì 19 giugno.
A dare il via alla 19° edizione, la maratona di film biografici di nota fama tra cui The queen con l’attrice premio Oscar Helen Mirren nei panni di Elisabetta II, Marie Antoniette di Sofia Coppola, vincitore dell’Oscar per i costumi, infine la proiezione del film Into the storm, con Brendan Gleeson, premiato agli Emmy Award, che veste i panni del grande statista inglese.
Uno spazio che prosegue con proiezioni dedicate al mondo dello sport con il documentario Diego Maradona del regista premio Oscar Amy Asif Kapadia, il film Una famiglia vincente - King Richard sull’infanzia delle sorelle Williams con il premio Oscar Will Smith e Father Stu, film sulla vita del pugile Stuart Long interpretato da Mark Wahlberg.
Fondamentale per questa edizione 2023 il tema dell’Identità, più nello specifico la riflessione tra “essere e avere”, ispirato al film Etre et avoir di Nicolas Philbert qui riproposto in presenza del regista.
Ben 83 i film per la Selezione Ufficiale del Festival, con altre categorie in concorso quali: Contemporary Lives, una selezione di film su temi più attuali e il Biografilm Art e Music, sezione dedicata all’arte, infine la sezione Beyond Fiction, dedicata a fiction e film ibridi.
Riconoscimenti importanti con i Celebration of lives Awards, premi assegnati a persone che con le loro vite hanno impresso un segno importante nella storia contemporanea che quest’anno saranno assegnati ai registi Nicolas Philibert e Roberta Torre e alla dottoressa Cristina Cattaneo.
Dal 12 al 18 giugno appuntamento con il festival Cinema e Ambiente Avezzano, cinema che suggerisce una riflessione attiva per uno sviluppo sostenibile.
Sotto la direzione artistica di Paolo Santamaria, il festival ha lo scopo di unire arte ed educazione ambientale grazie a 41 cortometraggi e lungometraggi in concorso con oltre 50 registi coinvolti spaziando tra fiction, documentari ed animazione. Tema di quest’anno “la sete”, la scarsità di risorse idriche e il loro spreco.
Rimanendo sulla tematica dell’acqua dal 15 al 18 giugno presso la Casa del Cinema di Roma avrà luogo L’aqua Film Festival alla sua VII edizione. Festival che presenterà cortometraggi sulla tematica dell’acqua e che si divide in due concorsi: i corti dalla durata di 25 minuti e i cortini della durata massima di 3 minuti.
Sempre dal 15 al 18 di giugno presso il Piccolo Teatro Strehler di Milano si svolgerà la 37° edizione del Mix Festival Internazionale di Cinema LGBTQ e Cultura Queer, la più importante manifestazione cinematografica italiana dedicata alla cinematografia LGBTQ nazionale ed internazionale.
Tantissime anteprime che ogni anno rappresentano circa il 70% della narrazione e rappresentazione della cultura queer; numerosi i riconoscimenti: dal premio Queen of Music, Queen of Comedy e More Love.
Dal 17 al 24 giugno l’appuntamento con la Mostra Internazionale del nuovo cinema di Pesaro ormai giunto alla sua 59° edizione.
In apertura Flashdance, il film di Adrian Lyne, simbolo degli anni 80 e al compimento dei suoi 40 anni di debutto nelle sale.
Omaggio di quest’anno a Giuseppe Tornatore, di cui il festival proietta la filmografia integrale, ad iniziare da Ennio, documentario del 2022 dedicato allo storico compositore Ennio Morricone.
Grande spazio del festival sarà dedicato ad altri personaggi di fama nota tra cui lo scenografo Dante Ferretti, di cui sarà proiettato Hugo Cabret e Carlo Verdone, il quale ripercorre insieme al pubblico la sua carriera, seguito poi con la proiezione di Borotalco, ad ormai 40 anni dall’ uscita.
A seguire molte anteprime internazionali tra cui: il documentario Bellezza, addio, di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese, dedicato alla vita del poeta Dario Bellezza, Cocoricò Tapes, documentario di Francesco Tavella che racconta le vicende dell’omonima discoteca, Non credo in niente di Alessandro Marzullo e Sognando Venezia, cortometraggio di Elisabetta Giannini, con protagonista il vincitore del premio David Francesco di Leva. Come ogni anno il Festival dedica ampio spazio a nuovi autori e al cinema sperimentale, soffermandosi sul cinema argentino e quello uzbeko. Importante l’edizione Animatori italiani oggi, la sezione dedicata alle opere recenti di autori italiani nel campo dell’animazione, a cui segue una nuova rassegna, intitolata La vela Incantata-Cinema in Spiaggia, edizione dedicata alle opere che hanno come temi il mare e la spiaggia.

Altro interessante evento il Filming Italy Sardegna Festival, diretto da Tiziana Rocca che si terrà dal 22 al 25 giugno a Forte Village di Cagliari.Manifestazione unica nel suo genere perché capace di legare cinema e televisione con proiezioni, incontri e presentazioni di film e serie televisive coinvolgendo le più grandi distribuzioni e produzioni del piccolo e grande schermo.Ambasciatrice del Festival, l’attrice americana Rosario Dawson, star di Fast and Furious e una delle attrici più apprezzate del box office hollywoodiano. Presidente onorario Richard Gere, mentre ruolo di madrina per Francesca Chillemi, interprete dell’ultima serie italiana di successo Viola come il mare. Presenti anche le attrici francesi Emmanuelle Béart e Clotilde Courau e a seguire Lodo Guenzi e Gabriele Lavia, protagonisti e presentatori dell’ultimo film di Pupi Avati La quattordicesima domenica del tempo ordinario; infine l’atleta iraniana Nasim Eshqi, che riceverà il Filming Italy Sardegna Woman Power Award.

È in Piemonte che si terrà poi la quinta edizione di Amicorti International Film Festival, a Peveragno in provincia di Cuneo dal 20 al 25 giugno. Un evento che rivolge allo scenario internazionale il suo Golden Fragola Award, perseguendo l’intento di esplorare l’arte cinematografica dei giovani emergenti e di instaurare un dialogo proficuo tra le voci nuove e quelle già consolidate della settima arte. Con la direzione artistica di Ntrita Rossi, il festival presenta in anteprima opere inedite e indipendenti che propone in sei categorie: cortometraggio, lungometraggio, animazione, documentari, videoclip e anche alcuni realizzati da studenti, coniugando alla missione artistica anche una straordinaria attenzione all’ambiente montano piemontese.
Il 21 giugno prende invece vita a Montecatini - fino al 25 - l’Italia Film Fedic, organizzato dall’omonima associazione nazionale di cultura cinematografica che può vantare una lunga storia: la sua fondazione risale infatti al 1949, e da allora è impegnata soprattutto nella produzione di cortometraggi e nella promozione di eventi di ispirazione cinematografica. Diretto da Lorenzo Caravello, Paolo Micalizzi e Gianluca Castellini, quest’anno il festival vede Milena Vukotic nelle vesti di madrina e consegnerà, tra gli altri premi, il riconoscimento alla carriera all’attore Giorgio Colangeli.
Dal 21 giugno al 2 luglio, invece, la provincia di Padova e le realtà circostanti ospiteranno l’Euganea Movie Movement, rivolta particolarmente - ma non in via esclusiva - alla produzione cinematografica regionale, con lo scopo di incrementare il dialogo con altre realtà. Ambientato in una location oltremodo incantevole, la rassegna, diretta da Pier Paolo Giarolo - è solita selezionare un nutrito e interessante gruppo di opere, che partecipano a una più ampia calendarizzazione che include incontri, proiezioni, laboratori, spettacoli dal vivo e visite guidate nei suggestivi siti del padovano. Il primo appuntamento presso il Castello di Monselice è incentrato sulla figura di Lydia Borelli, attrice cinematografica e teatrale, esplorata da Maria Ida Biggi e Marianna Zannoni dell’Istituto per il Teatro e il Melodramma. Denominatore comune di molti dei lavori presenti è il rapporto con la natura e l’ambiente.
Grande è poi l’attesa per la 69esima edizione del Taormina Film Festival – che si terrà dal 24 giugno al 1° luglio 2023 sotto la guida del celebre pianista e filantropo Barrett Wissman - evento di prestigio internazionale sbarcato di recente anche a Los Angeles, nella cornice idillica e fuori dal tempo nonché gioiello turistico in provincia di Messina. Un evento che mette in connessione le pellicole siciliane e, più in generale, italiane, con il panorama cinematografico internazionale, valorizzando anche altri prodotti della penisola. Il festival si aprirà con un omaggio a Luciano Pavarotti e vede coinvolti Placido Domingo, Marcelo Alvarez e altre voci importanti; anche quest’anno, di grande rilievo le premier italiane: dal docufilm Vulcanoidi – La voce umana, di Giuseppe Moschella, pellicola incentrata su Vulcano con Anna Magnani, al nuovo capitolo di Indiana Jones che vede protagonisti Harrison Ford e Mads Mikkelsen, a Jean du Barry con Johnny Depp, della regista francese Maïwenn. Interessante anche il lavoro di Lisa Cortès, che avrà a Taormina la sua prima europea con il documentario Little Richard: I am everything, ispirato al mito del Rock and roll. Durante l’ultima serata, il Teatro Antico vedrà la premiazione de La stranezza di Roberto Andò, decretato “Film dell’anno” dai Giornalisti Cinematografici Italiani.
È nell’affascinante Castello Aragonese simbolo dell’isola che si terrà l’Ischia Film Festival, dal 24 giugno al 1 luglio, diretto da Michelangelo Messina. La rassegna persegue la sua missione originaria di divulgare le pellicole inedite di ogni genere, con focus particolare sui temi della tradizione e del legame con il paesaggio, privilegiando quei lavori che riescono, attraverso il linguaggio cinematografico, a portare avanti discorsi identitari. Tra le varie sezioni oltre Lungometraggi e Cortometraggi, di indubbio interesse sono le categorie Location Negata – cui fanno capo le opere dedicate a territori funestati da eventi che minano al cuore profondo della civiltà e della loro essenza – e Scenari Campani, che dà spazio ai lavori realizzati nella regione di riferimento, inserendosi nella dichiarata vocazione del festival di promuovere il Cineturismo.
Si torna poi in Sardegna dal 26 giugno al 1° luglio con il Figari International Short Film Fest, calato nella magia del Golfo Aranci, in provincia di Sassari. Evento esclusivamente incentrato sui cortometraggi, con sguardo più ampio sui nuovi media e sulle digital arts, attira la partecipazione di artisti giovani e produzioni indipendenti; un fiore all’occhiello per l’attività culturale sarda, per la quale rappresenta un’opportunità di dialogo internazionale che incentiva concrete collaborazioni e possibilità in un campo che difficilmente trova spazio in altre rassegne.

Annateresa Mirabella e Ilaria Savoia, 10/06/2023

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM