Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Cinema

“Mamma+Mamma”: dov'è l'«abbondanza d'amore»? Una riflessione sulla rappresentazione della genitorialità gay in Italia
ROMA – Il 14 febbraio arriva nelle sale italiane ''Mamma+Mamma'', il film opera prima di Karole Di Tommaso, prodotto da Bibi Film e Rai Cinema, presentato in anteprima lo scorso 12 febbraio al Nuovo Cinema Aquila, alla presenza del cast e di associazioni e personalità vicine al mondo LGBTQ+. Non si poteva scegliere luogo migliore per presentare un film del genere, il Pigneto, quartiere lesbico per antonomasia. E infatti “Mamma+Mamma” ci racconta di Karole e Ali, due donne che si amano e che vogliono diventare mamme dello stesso bambino tramite l'inseminazione artificiale, che sperimentano in una clinica di Barcellona, non…
Laura Chiatti e Michele Riondino in una scena del film
È un bel salto quello di Marco Danieli, che dopo il severo e romantico mélo “La ragazza del mondo”, affronta il genere più pericoloso per un regista italiano. D’altronde, non è un caso che il nostro cinema non abbia mai prodotto sistematicamente dei veri musical: se da una parte siamo la nazione che si porta dentro l’anima del melodramma in ogni circostanza, dall’altro abbiamo introiettato così tanto il dettame neorealista al punto da riscontrare più di un problema con la sospensione della realtà. E, infatti, a parte casi sporadici (“Carosello napoletano”, “La Tosca”, “Orfeo 9”, "Tano da morire", "Riccardo va…
La paranza dei bambini, tra lo “spaghetti gangster” e il racconto di formazione
Paranza è la barca che va a caccia dei pesci piccoli da ingannare con la luce. Nicola, Tyson, Biscottino, Lollipop, O'Russ e Briatò, piscitiell abbagliati dal vuoto di potere lasciato dai clan camorristici, vorrebbero fare la vita agognata da molti quindicenni: vestire di marca, entrare nei privé dei locali, passare interi weekend a farsi le canne e a giocare alla playstation. Tutto questo è a portata di pistola: bastano una manciata di semiautomatiche per conquistare le piazze di spaccio del rione Sanità a Napoli. Per dirigire il film tratto dall'omonimo romanzo di Roberto Saviano (La paranza dei bambini) forse non…
In Den Gangen - Un valzer tra gli scaffali: una commedia romantica a cui il cinema italiano dovrebbe volgere lo sguardo
In uno dei suoi più celebri testi Marc Augé definisce un “non luogo” lo spazio asettico della transizione, del dinamismo individuale. Tramutare il prototipo di un non luogo quale il grande supermercato di una periferia della Germania dell’Est in un cuore pulsante di sentimenti, affetti e passioni è l’encomiabile lavoro a cui si è prestato il regista tedesco Thomas Stuber per il suo promettente e sorprendente In Den Gangen - Un valzer tra gli scaffali. Tratto dall’omonimo racconto di Clemens Meyer, il film segue la tenera e impossibile vicenda amorosa tra il timido e riservato Christian e la fragile e…
foto: Ufficio Stampa
Con la chiusura anticipata della sua impresa, la vita di Earl Stone sembra non avere più un senso. Poco più che ottantenne l'uomo, rimasto al verde, accetta ignaro di diventare un corriere per il cartello messicano della Sinaloa. Era dai tempi di "Gran Torino" (2008) che non si assisteva ad un opera diretta ed interpretata da Clint Eastwood che, dopo un decennio, decide di sfidare nuovamente lo sguardo giudicante della macchina da presa rivestendo i panni del protagonista. A differenza del film sopracitato, e della gran parte della filmografia eastwoodiana, 'The Mule' indietreggia, dissociandosi quasi da quelli che erano i…
"Alita - Angelo della battaglia" di Robert Rodriguez: dal manga al grande schermo tra distopia e cyberpunk
2563. In un distopico futuro cyberpunk, la grigia metropoli di Iron City è sovrastata dall’ombra della ricca città di Zalem, che fluttuante e idilliaca la sommerge con i suoi scarti di ferraglia. In questa immensa discarica urbana, dai sobborghi ispanici e costantemente immersa nella luce di un sole al tramonto, il Dottor Deisuke Ido, Christoph Waltz - un po’ Geppetto, un po’ Wall-E - trova quel che resta di una giovane ragazzina cyborg dal cervello umano a cui dona un nome, Alita e un corpo con nuovi circuiti. La giovane non ha memoria ma, mentre diventa una cacciatrice di taglie,…
Cold Pursuit – Un uomo tranquillo: l’ironica, malriuscita, inutilità della violenza
Uscirà il 21 febbraio nelle sale italiane Cold Pursuit, tradotto Un uomo tranquillo (secondo una logica che riduce all’osso il senso di un titolo così emblematico). Il regista è il norvegese Hans Petter Moland, definito il "Ridley Scott della Norvegia", che qui tenta l’esperimento di un remake del suo acclamato thriller norvegese del 2014, In ordine di sparizione, con un cast diverso e il tentativo di americanizzare il suo umorismo glaciale. Il film racconta la storia di una vendetta spietata da parte di un padre che ha perso suo figlio a causa di un gruppo di surreali narco-trafficanti locali; Nels…

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM