Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 652

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 638

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 655

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 636

Sentieri dell'arte

Tutto pronto per la sesta edizione di "Open House Roma"
Torna per il sesto anno consecutivo la grande manifestazione dedicata alla promozione dell’architettura. Il 6 e il 7 maggio l’evento “Open House Roma” porterà il pubblico alla scoperta di più di 200 luoghi tra edifici storici, moderni e contemporanei. Nata nel 1992 a Londra, “Open house Worldwide” comprende ad oggi più di trenta città sparse in quattro continenti, fra le quali appunto la Capitale, entrata a far parte del progetto nel 2012.In un solo week end centinaia di luoghi notevoli per le loro peculiarità architettoniche – artistiche vengono aperti gratuitamente al pubblico. A differenza di altre iniziative, qui l’attenzione è rivolta…
Dieci dittatori avvolti nei loro sudari sono stati ritratti con gli occhi della “Pietas” da Corrado Veneziano
In principio era la virtus ciò che un condottiero doveva possedere: quel valore così intimamente imparentato con la radice etimologica vir. Ma fu con l’Eneide che venne introdotto un elemento nuovo, attorno al quale doveva ruotare la vera essenza dell’uomo di valore: la pietas. Un sentimento filiale e paterno insieme, capace di innalzare enormemente la caratura morale di un uomo eroico. Allo stesso modo, la pietas è la lente attraverso cui l’artista Corrado Veneziano sceglie di guardare il mondo a noi contemporaneo, i processi storici ancora in fieri e da cui è difficile distaccarsi per fornire una lettura oggettiva. Decide…
“Poetry” di Adonis e Rotelli: un processo alla parola vuota nelle sale del MACRO
Cosa succede se si decide di rappresentare il macroscopico paradosso figlio del divario tra segno grafico e significato? Le convenzioni hanno preso il sopravvento al punto da privare la lingua della sua libertà di espressione, facendole perdere il suo nucleo comunicativo in favore della forma. È da questo presupposto che muove i suoi passi la ricerca di Marco Nereo Rotelli, un artista che si è spesso confrontato con le più disparate discipline: dalla fotografia, al cinema, alla musica, per arrivare alla filosofia e alla letteratura. E proprio con il poeta di origini siriane Adonis, nel 2010 ha intrapreso il progetto…
Pagina 12 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM