Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 633

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 638

Sentieri dell'arte

Arte e Pace: l'arte contemporanea cinese al Vittoriano
Dal 14 al 28 maggio, la Sala Giubileo del Complesso del Vittoriano ospiterà la mostra Arte e Pace - L'arte contemporanea cinese. L'iniziativa, sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, con il patrocinio di Regione Lazio e di Roma Capitale, è organizzata dalla China Artists Association e dall’Associazione degli Artisti Cinesi in Italia. Con la gestione di Arthemisia Group e il finanziamento del China National Arts Fund, la mostra Arte e Pace si inserisce nell’ambito del ricco programma di eventi “L’Arte cinese viaggia nel mondo”, che prevede una serie di mostre itineranti a livello internazionale pensate per offrire un'ampia…
Tra eros e arte: le tavole di Milo Manara in mostra al MACRO fino al 9 luglio
Una gigantografia in bianco e nero di Milo Manara accoglie i visitatori: volto sorridente e un uccellino (disegnato, ça va sans dire) che svolazza intorno. Sembra una riattualizzazione della celebre foto che ritrae Eugenio Montale faccia a faccia con la sua upupa, quell’aligero folletto che qui ritorna come emblema della creatività di uno dei fumettisti più prolifici del panorama nazionale. Una figura a cui l’ARF e il MACRO Testaccio hanno voluto dedicare la mostra “Milo Manara – Tutto ricominciò con un’estate romana”, visitabile fino al 9 luglio negli spazi espositivi della Pelanda. Una mostra inaugurata alla presenza dello stesso Manara…
Dio è vivo! Lamberto Teotino al VISIONAREA Art Space
«Nel semplice incontro di un uomo con l’altro si gioca l’essenziale, l’assoluto: nella manifestazione, nell’ "epifania" del volto dell’altro scopro che il mondo è mio nella misura in cui lo posso condividere con l’altro. E l’assoluto si gioca nella prossimità, alla portata del mio sguardo, alla portata di un gesto di complicità o di aggressività, di accoglienza o di rifiuto»Emmanuel Lévinas (1906-1995) Lamberto Teotino (Napoli, 1974) cancella, omette e sopprime il viso, lo sguardo, l’anima dei propri soggetti per farci ritrovare la nostra. “L’ultimo Dio” è la sua prima personale romana al VISIONAREA Art Space, in via della Conciliazione, inaugurata…
Pagina 11 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM