Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 638

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 641

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 635

Sentieri dell'arte

Una mostra dedicata ad Ippolito Desideri per Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017
Pistoia, Capitale Italiana della Cultura 2017, dedica una mostra al suo illustre cittadino Ippolito Desideri (Pistoia, 1684 – Roma, 1733), missionario gesuita che per primo rivelò il Tibet all’Occidente. Definito dall’attuale Dalai Lama «un autentico pioniere» del dialogo interreligioso e dell’incontro rispettoso e proficuo fra culture e tradizioni diverse, Ippolito Desideri anticipò di secoli gli specialisti del settore e fu l’antesignano di una fortunata stagione di esplorazioni italiane in Asia.Nella ricorrenza del terzo centenario dell’arrivo a Lhasa del missionario, sabato 14 ottobre apre a Palazzo Sozzifanti la mostra La rivelazione del Tibet. Ippolito Desideri e l’esplorazione italiana nelle terre più…
Al Museo dell’Ara Pacis di Roma  la mostra “Hokusai. Sulle orme del Maestro”
Arriva a Roma, dal 12 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018, al Museo Dell’Ara Pacis, la mostra Hokusai. Sulle orme del Maestro, che si propone di ripercorrere l’opera e l’eredità del grande maestro indiscusso dell’ukiyoe, che ha avuto diffusione nel tempo e nel mondo grazie ai suoi numerosi seguaci.Deve la sua fama universale alla Grande Onda, la più nota delle Trentasei vedute del Monte Fuji, e alle influenze che le sue opere ebbero sugli artisti parigini di fine ottocento, tra i quali Manet, Toulouse Lautrec, Van Gogh e Monet, protagonisti del movimento del Japonisme. Attraverso 200 opere, tra silografie policrome…
“È solo un inizio. 1968”: alla Gnam la mostra sull’anno che avrebbe cambiato il mondo
“Abbiamo sempre saputo che sarebbe finita male”, scriveva Gilles Deleuze sul ’68, l’anno simbolo dei movimenti studenteschi, il crocevia tra il vecchio mondo borghese - nato dalla Rivoluzione Francese e dall’Illuminismo - e quello che le giovani generazioni intendevano costruire per ribaltare ruoli e prospettive. Era solo l’inizio però. Il mondo occidentale si prepara a festeggiare il cinquantesimo anniversario di questo fenomeno socio-culturale e alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, luogo rappresentativo della rivoluzione estetica a due passi da Valle Giulia, la mostra “È solo un inizio. 1968”, a cura di Ester Coen, (la prima in Italia)…
Pagina 9 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM