Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 641

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 655

Sentieri dell'arte

Tra classicismo e cubismo: il periodo romano di Picasso in mostra alle Scuderie del Quirinale
“Si tu veux” cantano nel loro ultimo EP, “Johannesburg”, i Mumford and Sons insieme agli artisti sudafricani Baaba Maal e The Very Best (progetto composto dal duo londinese dei Radioclit e dal cantante del Malawi Esau Mwamwaya). Un brano in cui i suoni indie/folk della band inglese si mescolano con il ritmo africano, mettendo in risalto un testo semplice, essenziale, costruito intorno a quella possibilità sospesa, espressa nel titolo. “Si tu veux” scrive in una delle sue opere, cento anni fa, Pablo Picasso per chiedere alla ballerina russa Olga Chochlova di sposarlo. Tre parole cariche di amore, rispetto, dolcezza, poesia…
Ambienti/Environments di Lucio Fontana all’HangarBicocca di Milano: un omaggio storico all’arte come “scienza dell’esperienza”
Le indagini sull’uomo delle scienze umane all’inizio del XX secolo, hanno portato a una corrente di studi all’incontro tra la filosofia dell’esistenza, la fenomenologia e la psicologia, chiamata “psicopatologia esistenziale”, dove ci si poneva il problema dell’esistenza in quanto un “corpo proprio”, un sentire “primitivo e immediato”, che ognuno avverte per sé stesso in relazione all’ambiente circostante. Da un lato questo ha esacerbato un certo “solipsismo” che anche nel 2017 ben conosciamo, sviluppando le psicanalisi, il culto dell’ego e le nostre “messe-in-scena” che trovano terreno fertile soprattutto nelle realtà virtuali. Estremizzando – ma neppure più di tanto - una serie…
Al Palazzo delle Esposizioni le infinite sfumature amorose di Ježek
Una busta delle lettere di un bianco opaco da cui fuoriesce un voluminoso e morbido cuore color magenta. Bisogna partire da questo quadro per comprendere a pieno la natura delle altre 137 creazioni che, insieme alla lettera ricolma di amore, occupano (fino al 24 settembre) la Sala Fontana del Palazzo delle Esposizioni a Roma, per la mostra “Batticuori” di Mojmir Ježek.Da decenni, infatti, l’artista, nato a Roma da padre cecoclovacco e mamma romana, si diverte, e fa divertire, i lettori de “Il Venerdì” di “La Repubblica” mostrando tutto il proprio genio creativo nelle due pagine della rubrica “Questioni di cuore”,…
Pagina 9 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM