Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 633

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 652

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 638

Sentieri dell'arte

Botero a Roma: la voluminosa retrospettiva
Al Complesso del Vittoriano si apre il cuore dell’opera di Fernando Botero al pubblico romano. Dal 5 maggio fino al 27 agosto l’occasione per conoscere questo splendido e dissacrante pittore diventerà altresì la scoperta di un artista che ha saputo dare una forma ulteriore al prodotto precostituito. E scopriremo come e perché a partire semplicemente dalle origini colombiane, dalle influenze internazionali e dallo stato apolide. Di Botero si può cominciare a parlare definendo incantevole e affascinante la dimensione plastica del suo sguardo e la stesura del colore. Le versioni degli antichi maestri, le Nature Morte, la Religione, la Politica, la…
Cross the Streets: 40 anni di Street Art al MACRO di Roma. La vogliamo chiamare ancora Street Art quella nei musei?
Quando cominciò a diffondersi la pratica del writing alla fine degli anni Sessanta tra Philadelphia e New York la si poteva soltanto vedere nei sobborghi delle zone metropolitane più misere e ghettizzate, quelle fatte di vagoni, pareti sudicie e carrozzerie di automobili. Questo perché dalla seconda metà degli anni Settanta le vernici spray innescarono più facilmente la diffusione del graffitismo in virtù del nuovo mezzo pratico rispetto a ciò che prima veniva utilizzato, cioè barattoli di vernice e pennelli. Da allora con le bombolette è diventato più facile saltare le staccionate, scappare via con la propria arma in mano, riprendere…
Costruzioni di oggetti di senso (artistico): Arman, una retrospettiva
Sembrano quadri cubisti a tre dimensioni, gli assemblage e i ready-made di Armand Pierre Fernandez (Nizza 1928 – New York 2005), meglio conosciuto come Arman.Germano Celant, colui che definì per la prima volta “Arte Povera” uno dei più importanti movimenti artistici dal secondo dopoguerra in poi, ne cura la retrospettiva a Palazzo Cipolla fino al 23 luglio, al riparo dal via vai commerciale di via del Corso di Roma.Casualità oppure no, è proprio dal consumo così ben rappresentato da questa via del centro, dal proliferare dei beni in commercio, della forma di vita “usa e getta”, che si è nutrita…
Pagina 9 di 24

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#musica @danielecelona in #abissitascabili: un album/fumetto per i supereroi del nuovo millennio Giorgia Groccia https://t.co/FRbaVw7KVO

Digital COM