Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 719

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 699

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 635

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 693

Sentieri dell'arte

Marcello Mastroianni - Una vita tra parentesi, la mostra all'Ara Pacis
Dal 26 ottobre 2018 fino al 17 febbraio 2019 il Museo dell’Ara Pacis di Roma ospita nel suo spazio espositivo la mostra Marcello Mastroianni - Una vita tra parentesi. Una vita tra parentesi, proprio come lui stesso amava definire la sua vita di attore lungo una carriera fatta prima di teatro e poi di cinema, tantissimo cinema. La mostra ripercorre la carriera dagli esordi, da quando Marcello era un giovane che sognava nel buio del cinematografo e si riempiva gli occhi con le immagini dei divi di allora - Fred Astaire il suo preferito in assoluto, come rivelerà in un’intervista…
Ravenna: la contemporaneità in mostra al Museo Nazionale
“Il mestiere delle arti. Seduzione e bellezza nella contemporaneità”, questo il titolo della rassegna ospitata al Museo Nazionale di Ravenna fino al prossimo 26 maggio e promossa dal Polo Museale dell’Emilia Romagna. L’esposizione è curata da Ornella Casazza e Emanuela Fiori, con Maria Anna Di Pede e Laura Felici.In mostra, l’esercizio delle arti “maggiori”, scultura e pittura, è affiancato alle produzioni di oreficeria, in vetro e resina o in ceramica. La mostra propone infatti una selezione di artisti della contemporaneità che, ignorando il confine tra arti maggiori e arti minori, hanno conferito alle loro opere un valore universale per stile…
ZEROCALCARE – scavare fossati ∙ nutrire coccodrilli: fra storia recente e riflessioni sul presente
Le file. Chiunque sia abituato a seguire Zerocalcare, in arte Michele Rech, come fan casuale o appassionato sostenitore della prima ora, sa che le file sono un corredo fisiologico di qualsiasi manifestazione a cui il fumettista romano partecipa. Tredici ore di attesa per ottenere l’agognato disegnetto sulla propria copia di “Dimentica il mio nome” sono un episodio entrato nell’aneddotica della storia del fumetto italiano ma soprattutto una pietra di paragone con cui misurare un successo esploso nel corso degli ultimi anni, che non conosce battute d’arresto. Per questo non c’era da stupirsi che anche sabato 10 novembre al MAXXI –…
Pagina 4 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM