Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 724

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 722

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 718

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 705

Sentieri dell'arte

Allo spazio esposizioni della Ca' Foscari in mostra le opere di Gely Korzhev
Lo Spazio Esposizioni dell'Università Ca' Foscari di Venezia, ospita fino al prossimo 3 novembre una delle figure più eminenti del panorama pittorico, Gely Korzhev prima sovietico e poi russo, della seconda metà del Novecento. Il ritorno tra le lagune cade esattamente 57 anni dopo la sua partecipazione alla XXXI Biennale, quando, assieme tra gli altri a Viktor Popkov, risultò, nel padiglione dell'URSS, la voce più convincente del cosiddetto “stile severo” che cercava, nell'alveo ancora quasi inscalfito del realismo socialista, una via espressiva d'uscita dai canoni ferrei dell'epoca staliniana.La mostra “Gely Korzhev. Back to Venice” - realizzata grazie a un'azione congiunta…
L'incontro tra arte e cultura dei mass-media nella mostra “Milano Pop. Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70”
Fino al 29 maggio lo spazio espositivo di Palazzo Lombardia ospita la mostra “Milano Pop. Pop Art e dintorni nella Milano degli anni '60/'70", a cura di Elena Pontiggia. Il percorso espositivo, che si snoda in due sale, si dedica all'analisi di un momento storico preciso del nostro Paese, gli anni Sessanta e gli anni Settanta, attraverso una serie di lavori dei principali protagonisti dello scenario italiano in tema di Pop Art. Questo movimento artistico ha saputo esprimere più di ogni altro le contraddizioni della società contemporanea. Le origini però sono strettamente americane e da quelle non si può più…
Manifesto - Julian Rosefeldt ritrova il coraggio delle parole
ROMA – Fino al 22 aprile il Palazzo delle Esposizioni di Roma ospita Manifesto: video installazione a 13 schermi realizzata dall’artista tedesco Julian Rosefeldt, il quale omaggia la pratica novecentesca dei manifesti , riportandone i contenuti sovversivi e il carattere forte e poetico dei proclami categorici. L’opera è stata ideata nel 2015 come un insieme di 13 brevi film; ognuno di essi esprime, attraverso l’interpretazione di Cate Blanchett, un diverso movimento artistico, di cui il manifesto viene declamato in contesti che talvolta si legano al contenuto e alle azioni svolte dall’attrice, altre volte provocano un accentuato contrasto che ne rende…
Pagina 2 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM