Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Un tocco di arte sostenibile made in Italy: Diversity of Bureaucracy

Vi siete mai chiesti come poter coniugare la street-art a soluzioni eco-friendly?
Ci ha pensato l’imprenditoria italiana con la no profit Yourban2030, guidata da Veronica De Angelis che, approda in Olanda, con il primo murales mangia-smog dei Paesi Scandinavi, Diversity of Bureaucracy. L’iniziativa, riflettendo sul concetto della disuguaglianza, si prefigura come un esempio di scambio internazionale di eccellenze. Il Made in Italy, in versione green, viaggia dall’Italia verso l’Europa con il sostegno di Prince Bernard Culture Fund e dell'Amsterdam Fund for the Arts.
L’arte si mette a servizio della Terra, si pone nell’ascolto di un bisogno, quello di salvaguardare ciò che ci appartiene. È questo lo spirito di Yourban2030, fondata nel 2018 da un team composto, oltre che dalla presidente De Angelis, anche da Maura Crudeli, Emanuela Conti, Daniele Bernardi e Giuseppe Molinari, esperto nelle politiche di sostenibilità. La no profit si ispira ai 17 obiettivi dell'Agenda 2030, con cui crea una rete di intrecci tra arte e innovazioni tecnologiche con un occhio di riguardo alla problematica ambientale.
L’opera Diversity of Bureaucracy comparirà su Leidseplein nel cuore della capitale olandese e sarà affidata al talento creativo di Judith de Leeuw, nota come JDL. L’artista ha iniziato a dipingere già da lunedì 15 marzo, sul muro di un edificio dell'associazione per l'edilizia abitativa De Alliantie. Questa volta, dopo essersi impegnata nel murales mangia-smog LGBT+ di Roma, Outside In, JDL farà uso della pittura italiana “Airlite Sunlight”: una nuova tecnologia in grado di purificare l’aria e neutralizzare ogni giorno le emissioni di 20 auto a benzina.
Spiega, infatti, Maura Crudeli, Project Manager di Yourban2030 :“Quando la luce del sole si riflette sulla pittura, si verifica una reazione chimica che è simile a quella della fotosintesi clorofilliana. 100 metri quadrati dipinti equivalgono a 100 metri quadrati di foresta con alberi ad alto fusto e la sua efficacia è garantita per almeno 10 anni”.

Una fonte di orgoglio italiano tutto sostenibile e, di certo, un ottimo esempio per le generazioni future.

Gabriella Birardi Mazzone  18/03/2021

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM