Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 699

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 635

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 693

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 691

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

Sentieri dell'arte

Pixar: 30 anni di sogni animati e innovazione digitale
In principio fu la Computer Graphics Division della Lucasfilm (all’epoca al lavoro ance su “Star Wars”). Poi, nel 1986, la Pixar si costituì software house indipendente – e fra i membri fondatori c’era anche un certo Steve Jobs, che si era appena licenziato dalla Apple. Dopo cominciò un lungo percorso, inizialmente accidentato – come in tutte le storie di formazione che si rispettino – in un mercato in cui le imprese dell’industria audiovisiva digitali nascevano e morivano in un battito di ciglia o quasi. C’era, anche, tanta voglia di innovare e una creatività fuori dai canoni tradizionali alla base di…
La vita di Caravaggio illustrata da Milo Manara in mostra ad Arezzo con nuove attribuzioni
Sembra impossibile che una città d’arte di provincia possa scommettere sull’originalità e sull’arte del fumetto. Eppure può succedere. Con la mostra “Milo Manara biografo di Caravaggio”, Arezzo, ridente città capoluogo della Toscana, si rivela capace di allestire un percorso culturale innovativo principalmente dedicato al fumetto - certo di grandissima caratura come quello di Manara.  E lo fa attraverso una mostra che vanta la curatela del critico Claudio Strinati, assieme a Claudio Curcio. Un evento voluto fortemente dall’amministrazione comunale aretina e coordinato dal comitato scientifico della Fondazione Guido d’Arezzo, guidato dall’architetto Riccardo Barbetti e dalla storica dell’arte Francesca Chieli. Ma c’è di…
Padova: a Palazzo Zabarella in mostra gli Impressionisti del Museo danese di Ordrupgaard
I capolavori di Cézanne, Degas, Gauguin, Manet, Monet, Berthe Morisot, Renoir, Matisse sono proposti in Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard, dal 29 settembre 2018 al 27 gennaio 2019, a Palazzo Zabarella.La Fondazione Bano e il Comune di Padova sono entrati, nel pool di quattro grandi sedi mondiali selezionate ad accogliere la celebre Collezione danese, eccezionalmente disponibile per il completo rinnovo del Museo che ad essa è dedicato a Copenaghen. In questi mesi la mostra Gauguin e gli Impressionisti è in corso alla National Gallery of Canada, per raggiungere quindi l’Italia, in Palazzo Zabarella e concludersi in una…
Pagina 7 di 29

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM