Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 634

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 633

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 638

Sentieri dell'arte

Sala Santa Rita fa “Pirouette”: l’istallazione di Valentina Palazzari in esposizione fino al 31 marzo
Lo spazio della Sala Santa Rita, ex chiesa barocca nel cuore del centro storico romano in Piazza di Campitelli, sarà occupato fino al prossimo 31 marzo dall’istallazione “Pirouette” di Valentina Palazzari, artista di origini umbre che lavora stabilmente a Roma, ma che ha esposto in passato anche a Lucca, Napoli e Trieste. È stata proprio la struttura barocca costruita da Carlo Fontana nel 1665 ad ispirare Palazzari per questa ultima composizione. Nella struttura la cui forma somiglia ad altre chiese barocche come Sant’Ivo alla Sapienza campeggia una struttura realizzata sovrapponendo reti elettrosaldate, le stesse usate nei cantieri edilizi come armatura…
Scatti e riflessi di una donna invisibile: “Vivian Maier. Una fotografa ritrovata”
Al Museo di Roma in Trastevere - dal 17 marzo all’8 giugno – è in mostra l’attesissima retrospettiva “Vivian Maier. Una fotografa ritrovata”, un’esposizione di scatti straordinari, giochi di specchi e riflessi di una donna invisibile, che rubava la vita con una Rolleiflex tra le strade americane senza sapere di essere, o di diventare un giorno, un’icona indiscussa della Street Photography.Vivian Maier nasce nel Bronx nel 1926 da padre austriaco e madre francese. L’incontro con la fotografia avviene presto: nel 1930 la madre divide l’appartamento con l’amica fotografa Jeanne Bertrand, con cui trascorre l’infanzia in Francia prima di ritornare 1951…
Realtà aumentata e spazi 3D: un viaggio ai confini della "Notte Stellata"
La “Notte Stellata” di Vincent Van Gogh è un turbinio interiore, una crepa in pennellate intense che si apre e squarcia la visione. Genialità e follia a caduta libera in un paesaggio tra il buio e l'aurora che si è radicato nella coscienza collettiva del mondo.E se vi dicessimo che è possibile camminare dentro il notturno più misterioso dell'Ottocento?Non si tratta di una magia alla Mary Poppins, ma dell'iniziativa “Inside Painters” presentata nel 2014 da Oniride, un collettivo romano di artisti del 3D, la prima start-up in Italia ad occuparsi di realtà aumentata per la valorizzazione del patrimonio culturale.A tre…
Pagina 15 di 27

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM