Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 633

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 638

Sentieri dell'arte

Venezia scarlatta: il senso del rosso di Lotto, Savoldo e Cariani
Dal 15 marzo fino all'11 giugno 2017, nella sede di Palazzo Barberini, le Gallerie Nazionali di Arte Antica presentano la mostra Venezia scarlatta: Lotto, Savoldo, Cariani. Sei capolavori provenienti da New York (Metropolitan Museum of Art), Parigi (Musée du Louvre), Madrid (Museo Nacional del Prado) e Bergamo (Accademia Carrara), che restituiscono il “senso del rosso” dei pittori veneti del Cinquecento.Curata da Michele di Monte, la mostra è “nata attorno al nostro capolavoro di Lorenzo Lotto Matrimonio mistico di Santa Caterina d'Alessandria del 1524 e frutto di una serie di collaborazioni che le Gallerie hanno avviato con i più importanti musei…
“Magia della luce”: l’arte nei riflessi di Lorenzo Ostuni in mostra fino all’11 giugno
«Il tao è quella cosa che specchia se stessa mentre specchia l'altro», disse un giorno Federico Fellini nell’atelier di Lorenzo Ostuni. Da questo episodio, apparentemente insignificante, scaturì tutta la ricerca e la sperimentazione artistica raccolta nella mostra “Magia della luce. Specchio e simbolo nell'opera di Lorenzo Ostuni”, visitabile fino all’11 giugno presso il Casino dei Principi dei Musei di Villa Torlonia.I lavori dell’artista sono accomunati da una singolare tecnica, l'incisione su specchio, che non può essere definita né pittura, né scultura, o forse entrambe: questo modo di intendere e fare arte riprende i fondamenti del pointillisme e li applica a…
Vent’anni de “Lo Straniero”: alla Biblioteca Nazionale di Roma una mostra ripercorre le tappe della celebre rivista
“«Straniero!» mormorava. «Italiano!»” Sono queste le prime parole che il disperato Mazarino, subentrato come cardinale al celebre Richelieu, pronuncia nell’incipit di “Vent’anni dopo” di Alexandre Dumas padre.E sono queste le parole che, con un gioco piuttosto facile ma irresistibile, vengono in mente nel guardare la mostra “Resistere all’aria del tempo”, inaugurata il 7 marzo scorso e aperta fino al 30 aprile nella Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, dedicata ai vent’anni della rivista “Lo Straniero”.Fondata nel 1997 dal critico e saggista Goffredo Fofi, la rivista ha cessato, per scelta del direttore, le pubblicazioni proprio al compimento del ventesimo anno, in questo…
Pagina 15 di 26

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM