Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 625

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 617

Interviste

“2115” di Dynamis Teatro: tassonomia del presente per la società del futuro. Un racconto del direttore artistico Andrea De Magistris
Dynamis Teatro, giovane e intraprendente formazione romana, non smette di sorprendere. Sabato 4 giugno la compagnia diretta da Andrea De Magistris sarà in scena al Teatro India di Roma con “Alice”, l’incontro di due percorsi formativi finanziati da Associazione AMICI DEI BIMBI Onlus e condotti da Dynamis presso il Teatro Vascello e il reparto di Neuropsichiatria dell’Ospedale Bambino Gesù. In scena venti ragazzi, adolescenti o poco più, ciascuno con la sua identità, le sue specificità.Il mondo degli adolescenti è sempre stato al centro dell’interesse per la compagnia Dynamis, che però non ha mai inteso formulare un giudizio su quel mondo…
La musica come strumento per dire di più: intervista a Juru, leader dei The Funkmessengers
Jean Hilaire Juru – ma per tutti solo Juru - è il giovane cantante, musicista e ballerino che, insieme alla sua band The Funkmessengers, fa parte del progetto Migrarti all’interno del Festival della Musica di Roma. Questa percorso è organizzato dalla Sala Umberto srl in partnership con Associazione ALI Onlus, Associazione Romà Onlus, StreetUnivercity di Berlino e grazie al contributo del MiBACT, da quest’anno attivamente inserito nella Festa della Musica. Proprio in occasione di quest’ultima, il 21 giugno Juru e il suo gruppo si esibiranno allo Spazio Diamante della Sala Umberto, portando su un palcoscenico prestigioso la loro ritmica incalzante…
Il teatro umano delle Ariette: intervista a Paola Berselli e Stefano Pasquini
Abitano al 2781 di via Rio Marzatore, località Castello di Serravalle, comune di Valsamoggia, provincia di Bologna, Italia, il podere che la mappe catastali chiamano "Le Ariette”. Paola Berselli e Stefano Pasquini sono arrivati a Le Ariette nel 1989, quando stava per crollare il muro di Berlino e da quel momento non sono più andati via, lì c’è la loro casa, la forza di un amore che ha radici solide. Lì c’è il loro teatro, l’idea di un rito collettivo e di un incontro di esperienze ogni volta diverse. Dopo 25 anni hanno sentito il bisogno di raccontare la loro…
Intervista a Giuseppe Cederna: attore, scrittore e viaggiatore che racconta la Grande Guerra nelle scritture di poeti e combattenti
“Sarajevo, domenica 28 giugno 1914. Sono le dieci del mattino di una splendida domenica d’estate. Fra quarantacinque minuti due colpi di pistola sconvolgeranno quel mondo...”. Da una narrazione quasi cronachistica dell’attentato all’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono dell’impero austro-ungarico, storicamente legato alla miccia che fece esplodere un’Europa ormai esposta da tempo alle fiamme, prende l’avvio “L’ultima estate dell’Europa”, una scrittura a quattro mani, quelle di Giuseppe Cederna e Augusto Golin, di cui è lo stesso Cederna a parlarci, dalla sua molteplice prospettiva di autore, attore, narratore, e anche viaggiatore. Il titolo dello spettacolo riprende un libro di David Fromkin, che…
La fiamma della passione che si accende nel lavoro artistico: intervista al ballerino Davide Nardi
Incontriamo Davide Nardi, primo ballerino della Sonia Nifosi Motion Dance Group e protagonista dell’ultimo lavoro di Sonia Nifosi intitolato “Un americano a Parigi - L’importanza delle idee”. Dopo tre anni dal successo de “La vie en rose”, spettacolo dedicato a Edith Piaf, la compagnia, guidata dalla coinvolgente espressività di Davide Nardi, torna al Teatro dell’Angelo fino al 22 maggio, con uno spettacolo dedicato al film hollywoodiano del ’51, “Un americano a Parigi”, ap-punto. Gli anni ’50, le musiche, la danza: iconografia ed immaginario di un mondo e di un’epoca che hanno influenzato lo stile, il pensiero e la cultura tutta,…
"Io ti ho creato sognando": Matteo Tarasco narra delle donne d'Iliade, Odissea ed Eneide
Definendo all'inverso quello che posso aver intuito si propone di rappresentare il tuo spettacolo cito uno pseudo Ippocrate in una lettera a Dionigi "Sul riso e sulla follia": "Una donna ha sempre bisogno di qualcuno che la moderi, giacché ha in sé per natura una certa intemperanza che, se non viene corretta giorno dopo giorno, si mette come gli alberi a buttare una vegetazione matta. Cosa accade alla tua drammaturgia, è la natura dell'uomo e dell'eroe ad essere moderata, diciamo pure indagata e plasmata, da una donna?“Sì, direi che è esattamente questo. Uno dei nostri personaggi che è Didone specifica:…
Il mio folk montaliano: Recensito incontra il cantautore Roberto Ormanni
La letteratura come baluardo della bellezza del mondo. È uno dei messaggi che si fa stilema compositivo nella musica di Roberto Ormanni, musicista partenope classe ’93, che ha da poco pubblicato per Apogeo Records il suo EP “Quello che non siamo”. Un progetto che mescola melodie folk a un sano fondale jazz e a una componente testuale impegnata. Noi di Recensito lo abbiamo incontrato per parlare di “Quello che non siamo”, della necessità di raccontare una storia in musica, del lavoro e dello statuto della parola montaliana. Il tuo EP è legato alla vittoria dell’Apogeo Spring Contest. Cosa ti porti…
Pagina 28 di 33

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM