Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 702

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 705

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 719

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 729

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 724

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 732

Musica

Cantare "Bella ciao" per ricordare chi eravamo e riaffermare chi siamo
Anche l’ascoltatore più disattento è in grado di riconoscere, dalle prime note, il brano "Bella ciao"; non solo per la vasta diffusione e la traduzione in tutto il mondo, ma perché richiama indistintamente una memoria storica e un coinvolgimento emotivo al quale è impossibile sottrarsi. Il pezzo originale è un canto popolare nato prima della Liberazione e associato in seguito al movimento partigiano; grazie al Primo festival mondiale della gioventù democratica che si tenne a Praga nel 1947, ebbe un’ampia risonanza che lo rese l’inno per eccellenza della lotta contro il nazi-fascismo. Molti musicisti, spesso diversi tra loro per provenienza…
Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore: il 9 maggio la finale
Giovedì 9 maggio settimo e ultimo appuntamento a ‘Na Cosetta con la 3ª edizione di “Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore”, il concorso di scrittura di canzoni su commissione che per 7 giovedì da novembre 2018 è stato ospite di ‘Na Cosetta, bistrot e live club tra i più importanti di Roma. Ideato nel 2016 dal cantautore Carlo Valente e dall’interprete Eleonora Tosto, “Non è mica”, giocando nel nome con un celebre verso di Francesco De Gregori (“La leva calcistica della classe '68”), vuole riportare la parola al centro della canzone. Attraverso gli “spunti” di…
Forma Mentis, un album fra presente e passato firmato Umberto Maria Giardini
Erano gli anni ’90 quando Umberto Maria Giardini iniziava a farsi strada nel panorama della musica italiana con i suoi primi progetti. Artista esperto e poliedrico assorbe molte delle influenze degli ultimi due decenni del secolo passato, nostrane e non solo; influenze che fa proprie, rimodellandole e andando a definire quello stile che oggi gli appartiene e lo contraddistingue e che nel 1999 venne presentato al pubblico attraverso il nome d’arte di Moltheni con l’album dal titolo Natura in Replay. Erano gli anni ’90 e adesso sembrano così lontani. Una distanza enorme che però Umberto Maria Giardini è riuscito a…
"Tutto sbagliato": l'ultimo album di Emanuele Belloni
Chiunque sia entrato in un carcere, a vario titolo, se ne accorge subito: il mondo fuori dimentica che ci sia un mondo dentro, anche chi vive a pochi passi da una casa circondariale ad un certo punto non se ne ricorda più: è un microcosmo, quello dei detenuti, che non interessa, non riguarda la società civile. È così che, quando un autore, uno scrittore, un fumettista si dedicano a raccontare uno spazio come questo, subito si è portati ad urlare al componimento impegnato, ma basta un ascolto più cauto, una lettura più sincera e ci si accorge che a volte…
Due cantautori per la conclusione di Non è mica…la Ribalta! La musica di Mariani e Maraja conquista il Mongiovino
ROMA - Venerdì 12 aprile il Teatro Mongiovino ha aperto le porte per l’ultima serata di Non è mica…la Ribalta!, la rassegna musicale, organizzata dall’etichetta Non è mica Dischi, che ha visto salire sul palco del piccolo teatro alla Garbatella numerosi cantautori del panorama italiano. Un’occasione per riportare la musica a teatro e con essa forti emozioni e sensazioni, nonché la grande esperienza degli artisti che hanno arricchito questa prima collaborazione fra la neo etichetta discografica, la famiglia Accettella e il loro teatro delle marionette. La piovosa serata primaverile è stata rischiarata dall’atmosfera sognante che si respirava sul palco. Un’atmosfera…
Sindacato dei sogni: l'ottavo disco dei Tre Allegri Ragazzi Morti
Uscito il 25 gennaio e al momento presentato nel loro omonimo tour che si concluderà proprio a fine aprile, "Sindacato dei sogni" è l’ottavo album dei Tre Allegri Ragazzi Morti. La band, ormai una conferma nel panorama dell’alternative rock italiano, formata da Davide Toffolo, Luca Masseroni e Enrico Molteni torna a distanza di tre anni dall’ultimo album Inumani, distribuito sempre dall’etichetta indipendente da loro fondata, La Tempesta.Il titolo del cd è un esplicito riferimento e tributo alla band californiana Dream Syndacate, fondata nel 1981 da Stewe Wynn, uno dei massimi esponenti del movimento musicale Pasley Underground. Riprendendo il sound psichedelico…
Al teatro Mongiovino di Roma, Banana Republic di Lucio Dalla e Francesco De Gregori rivive quarant'anni dopo nel tributo di Carlo Valente e Roberta Giallo
Si respira l’odore degli anni ‘70 al teatro degli Accettella, quello acre di un luogo da troppo tempo privato del pubblico dal terrore degli anni di piombo. Eppure, a ben guardare, è il 29 Marzo 2019. E il pubblico che sta entrando oggi, a distanza di 40 anni, sembra percepirlo al punto da immaginarsi entrare nello stadio Flaminio, in quel lontano Luglio del 1978, quando un giovane Walter Veltroni, presidente della Federazone Italiana Giovanile Comunista, invitó due cantautori a condividere lo stesso palco per dare un calcio al terrore: un Lucio Dalla in stato di grazia e un Francesco De…
Pagina 4 di 54

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM