Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 694

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 658

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 692

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 690

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 696

Musica

Troppo vecchi per il Rock n' Roll, troppo giovani per morire: i 50 anni dei Jethro Tull di Ian Anderson
Veri ‘heavy horses’ del panorama rock/blues mondiale, ecco arrivare al traguardo dei cinquant’anni Ian Anderson e soci, ancora sotto il nome leggendario dei Jethro Tull. È decisamente un piacere ritrovarsi all’interno della cornice dell’Auditorium di Roma coi compagni della ‘vecchia guardia’, ancora legati ad un nome che difficilmente svanisce nel dimenticatoio. Anderson è infatti sempre stato considerato un po’ come un vecchio amico: un rocker, un menestrello, un teatrante dedito da sempre al verbo del rock n’ roll. L’anniversario dei 50 years of Jethro Tull ripercorre infatti, anche attraverso video che presentano commenti fatti ad hoc da ex-membri storici della formazione…
Evergreen: Calcutta racconta le briciole e passeggia nei ricordi della nostra malinconia
“Tutti i giorni camminavi con la nebbia nei risvolti, come non ne ho visti più”. Suona così "Briciole", primo di dieci brani che compongono "Evergreen", album ideato dalla geniale penna del cantautore Calcutta, anticipato dai tre singoli "Pesto", "Orgasmo" e "Paracetamolo", che hanno letteralmente battuto tutti i record. Il primo singolo, "Orgasmo", è stato preannunciato in alcune città d'Italia con dei cartelloni (finti)pubblicitari che hanno fatto il giro del web: se qualcuno non avesse conosciuto prima Calcutta, con questa mossa strategica, originale e ironica senza dubbio ne sarà rimasto stregato. "Pesto" invece è stato preceduto da un simpatico indovinello proposto dal cantautore sui…
Penelope, Sebastian dei Winter Dies In June: giunti alla fine distruggiamo il ricordo
I legami in fin dei conti sono briglie sciolte. Divengono spesso allegoria e metafora di qualcosa di più grande: l'inesorabile scorrere del tempo, l'avvenire, i cambiamenti e l'incapacità di controllarli, la costruzione dei rapporti, l'intenzione di cucirli assieme per poter ricomporre una prospettiva, un'idea. Tutto ciò viene racchiuso in un solo album della band Winter Dies In June che, a quattro anni di distanza dal loro disco d'esordio "The Soft Century", che li ha consacrati, torna sulla scena con il concept album “Penelope, Sebastian”. È proprio il caso di dirlo: sono rimasti davvero in pochi quegli artisti che oggi riescono a…
“L’amore e la violenza vol. 2”, la continuazione anticonformista dei Baustelle
I Baustelle non sono mai stati convenzionali o banali, e il capitolo di "L'amore e la violenza" ne è la chiara testimonianza. “L’amore e la violenza vol. 2”, infatti, canta e suona l’amore in maniera antiromantica e controcorrente rispetto alla maggior parte degli artisti che scrivono di un sentimento così travolgente. In 12 tracce il gruppo toscano è riuscito a cogliere le tipiche ma soprattutto le più nascoste sfumature dell’amore, che è mancanza, distruzione, passione, gioia, malinconia, scontrosità. È quasi tutte le parole del mondo.L’originalità del disco si riscontra immediatamente nei titoli dei pezzi, in contrapposizione con il penultimo lavoro.…
C'era una volta un cowboy rock. James Bay cambia "muta" ma lascia il segno sul pubblico milanese
Smesso il cappello vintage da cowboy – tributo al bluesman Eric Bibb -  la rivelazione del pop britannico del 2015, James Bay, è di nuovo pronto a scalare le classifiche internazionali, ma con una evidente inversione di stile. "Electric Light", disco uscito a maggio, contiene alcuni brani in grado di rompere drasticamente con "Chaos and the Calm", del 2015. Un trucco commerciale o vera rivoluzione artistica? Bay sembra voler giocare sulla risposta che molti vorranno dare a questa domanda, nonostante scriva nel booklet di "Eletric Light" che questa sperimentazione è sinceramente voluta e fa parte della sua ricerca artistica, “is…
“Twinkle Twinkle”: folk on the road per il duo Ilaria Graziano e Francesco Forni
Cosa succederebbe se si rinchiudesse una stella in un barattolo? Rispondono Ilaria Graziano e Francesco Forni, duo partenopeo di origine ma internazionale di vocazione, al terzo album: il 16 marzo è uscito “Twinkle Twinkle”, prodotto da Lamastrock/Goodfellas. Con la loro musica il duo viaggia: piega voci e strumenti alle suggestive sonorità di paesi lontani. Fuor di metafora, dal 17 marzo al 26 luglio fanno tappa in tutto il mondo, una tournée intercontinentale da Napoli a Torino, fino a Vancouver e Montréal, e ritorno nel vecchio continente a Londra e Amburgo. Sono presenti nei festival internazionali; sono stati coinvolti nella realizzazione…
Rock in Roma: i Cigarettes After Sex ammaliano il Teatro Romano di Ostia Antica
Fumare una sigaretta dopo aver fatto l’amore: uno stereotipo sublime, piacevole, ma pur sempre uno stereotipo che non potrà mai avere il pregio dell’originalità. Al contrario, i Cigarettes After Sex lo sono. E originale è la loro musica, il loro modo di approcciarsi al pubblico, la voce di Greg Gonzalez, le parole soavi delle loro canzoni. I Cigarettes sono proprio così: non il momento in cui due corpi si uniscono, non l’attimo in cui arriva il culmine del piacere, ma il fumo della sigaretta dopo l’appagamento, quasi solo per assaporare il gusto di quel gesto. Un sottile paradosso, quasi un ossimoro,…
Pagina 6 di 52

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM