Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Viaggio in Italia. Cantando le nostre radici: Recensito incontra Sara Franceschini

Viaggio in Italia. Cantando le nostre radici è un progetto nato dagli incontri sulla musica popolare, a cura di Tosca, Felice Liperi e Paolo Coletta, svolto con i giovani artisti del Laboratorio di Alta Formazione della Regione Lazio, l’Officina delle arti Pier Paolo Pasolini. Il laboratorio, durato alcuni mesi, è stato messo in scena come spettacolo, per la regia di Massimo Venturiello, prima nel teatro di Officina Pasolini, poi, in occasione dei 70 anni della Costituzione Italiana, in diretta su Radio Tre. Con la fine dell’esperienza, il laboratorio è diventato il collettivo AdoRiza, che ha inciso un album. Il disco, registrato presso Officina Pasolini e pubblicato da Squilibri Editore, è prodotto da Piero Fabrizi che ha curato gli arrangiamenti, valorizzando al massimo il lavoro, che ha vinto la Targa Tenco 2019 nella categoria Album collettivo a progetto.
Recensito ha incontrato Sara Franceschini, una dei sedici interpreti, che ci ha raccontato la sua esperienza e che la cosa più difficile sia scegliere.

Ci racconti la tua esperienza nel laboratorio e che importanza ha avuto per il tuo percorso?
C’è stata una prima fase di lezioni storiche ed etno-musicologiche e poi, per diversi mesi, abbiamo fatto ricerca. Ѐ stato un lavoro lento, di cui non si vedeva la fine e questo è il motivo per cui l’arrivo è stato come la conquista di una vetta. Abbiamo lavorato per aree geografiche: ascoltavamo 70 brani per ogni Regione, ne selezionavamo 30, poi 5 e poi dovevamo sceglierne 1, escludendo quelli già molto noti. In greco krisis significa scelta e noi di crisi ne abbiamo avute tante. Scegliere la serenata romana, ad esempio, è stato quasi straziante (ce n'erano di bellissime) e abbiamo agito emotivamente, partecipando tutti alla stesura di ogni parte del progetto. Questa esperienza mi ha fatto inevitabilmente crescere.

Com’è stato lavorare con tanti artisti per un progetto comune?
Ѐ stato bellissimo. L’aspetto numerico può portare alcune difficoltà nell'allestimento, ma il progetto lo abbiamo scritto insieme, e la regia e l'arrangiamento dei brani sono cuciti su di noi come un abito. Aver lavorato tanto insieme, sin dalla fase di stesura, ha reso il progetto più consapevole poi sul palco. All’inizio non sapevamo dove saremmo arrivati, ma ci siamo affidati a persone di grande esperienza.

Come si svilupperà il progetto? Che futuro ha?
Il laboratorio è nato a Officina Pasolini, ma il progetto era talmente appassionante che non poteva finire lì. Come AdoRiza, abbiamo portato avanti lo spettacolo, producendo alcune date romane importanti: al teatro Marconi ci siamo misurati con un pubblico che non ci conosceva, ci siamo messi alla prova, con buoni risultati. Poi è uscito il disco, che abbiamo presentato all’Auditorium Parco della Musica il 24 aprile con un concerto sold out. Infine, è arrivata la vittoria della Targa Tenco! Il nostro obiettivo è quello di portare questo spettacolo in giro per l'Italia, e anche all'estero, per farlo conoscere il più possibile.

Da romana, sei riuscita a mettere qualcosa della tua tradizione popolare nel lavoro comune?
Io non canto brani romani nello spettacolo, ma conoscevo bene il repertorio che stavamo trattando e da romana la parte più difficile è stata proprio scegliere tra le serenate della mia tradizione, a cui sono molto legata. Il lavoro era guidato da Tosca, che è un'interprete romana d'eccellenza: il confronto con lei è stato fondamentale ed interessantissimo, perché ci ha guidato portandoci dritti al cuore di questo meraviglioso repertorio e fornendo preziosi strumenti di valutazione.

Ninne nanne è una ninna nanna che ne incrocia tre: ne conoscevi già qualcuna?
Anche se i testi si somigliano, ad esempio ricorre spesso il tema del lupo, queste in particolare non le conoscevo. Avevamo registrazioni di voci anziane, era a tratti difficile anche capire le parole, alcuni erano testi mutanti, alcuni, in zone limitrofe, si assomigliavano. Non è stato semplice confrontarli o trascriverli.

Potremmo dire che è stato quasi un lavoro filologico...
In alcuni casi è stato proprio così. Ad un certo punto abbiamo unito due brani, Bella ci dormi e Qifti: ci siamo accorti che avevano la stessa linea melodica, anche se i testi erano differenti. Di Qifti non avevamo il testo originale ed abbiamo chiesto ad alcuni gruppi Arbëreshë: ci hanno mandato moltissimo materiale.

Dimme na vota sì è la dichiarazione d’amore di un innamorato che non ha vergogna di esprimere il suo sentimento: perché a cantare questa canzone sono proprio tre donne?
Il brano è naturalmente nato come intreccio di più voci femminili. L’amore è universale e anche se era una dedica maschile, abbiamo provato comunque a comunicare questo sentimento: per noi una voce femminile era in grado di farlo. Io sono orgogliosa di cantarlo.

Cosa trovi di unico nell’uso del dialetto?
Ciò che sento di più è la forza comunicativa. Le parole di questi canti possono essere tradotte in italiano, ma non hanno la stessa forza. Se traduco rendo il significato, certo, ma se te lo dico in dialetto ha una forza diversa. Il dialetto è nudo, antico, autentico. Noi abbiamo cercato di includere anche minoranze linguistiche, per me sconosciute: eppure anche quando non capisci, il carattere diretto del dialetto ti fa arrivare il senso del sentimento che c'è dietro a quelle parole. C’è qualcosa di ancestrale che il dialetto riesce ad esprimere. Secondo me, chi ascolta il disco riesce ad avere questa percezione.

Laura Caccavale 28/07/2019

Intervista ad Andrea Caligiuri, uno dei protagonisti del progetto musicale “Viaggio in Italia. Cantando le nostre radici”

Un collettivo di sedici giovani artisti, AdoRiza, riuniti per un cd-book sulla memoria musicale del nostro Paese: “Viaggio in Italia. Candando le nostre radici”. Nato a seguito di un ciclo d’incontri laboratoriali tenutisi presso l’Officina Pasolini sotto la coordinazione di Tosca, il progetto si è trasformato in un fortunato spettacolo teatrale prima, e in un album-raccolta poi. Prodotto e arrangiato da Piero Fabrizi, il disco si presenta come una rassegna di antiche canzoni popolari: tappe di un viaggio che attraversa per intero il nostro Paese, alla riscoperta delle sue radici. Abbiamo raggiunto uno dei giovani artisti coinvolti in questo ambizioso progetto, Andrea Caligiuri – cantautore cosentino attivo da qualche anno con il progetto solista Drugo e il complesso di Napoleone –, per fare quattro chiacchiere con lui al riguardo.

Andrea, ci racconti la tua esperienza all’interno del laboratorio e l’importanza che ha avuto per il tuo percorso?

Siamo tutti ex studenti di Officina Pasolini, quindi la maggior parte di noi già si conosceva prima dell’ideazione di questo progetto. Il gruppo vero e proprio, poi, si è formato con la nascita di questo laboratorio, per volere di Tosca. Inizialmente, in tutta onestà, eravamo un po’ scettici. Ma subito dopo, iniziando a lavorare, ne abbiamo compreso il grande potenziale. Certo, è stato un lavoro di ricerca molto faticoso – e, in alcuni casi, anche un po’ noioso –. Perché, al di là dei bellissimi brani che alla fine sono stati selezionati, abbiamo dovuto sorbirci ore e ore di lamenti e ninna nanna di contadini.adoriza

Hai detto che inizialmente eri un po’ scettico. Effettivamente tu sei molto giovane, cosa ti ha spinto a partecipare a un progetto così legato a tradizione e passato?

Sicuramente, in questo momento storico, mi rendo conto che possa sembrare un po’ anacronistico andare a ricercare nel passato della tradizione musicale popolare. Ma personalmente, anche perché non mi sento rappresentato più di tanto dal contesto musicale che mi circonda, penso di aver fatto la scelta giusta. La cosa più interessante di questa nostra ricerca, al di là della possibilità di poter rivivere tradizioni lontane ma comunque affascinanti, è stato ritrovare delle canzoni oggettivamente molto belle. Canzoni che, nonostante siano state scritte cento anni fa, risultano ancora fortemente attuali. Che vanno oltre il tempo, ecco. Quindi, per rispondere alla tua domanda: sì, io sono un giovane musicista, ma nella vita voglio fare il cantautore. Quindi potermi rapportare con canzoni di questo valore è stata un’opportunità davvero preziosa. 

Prima dicevi che non ti senti molto rappresentato dall’attuale contesto musicale. Cosa pensi della scena cantautoriale moderna?

Guarda, è un discorso molto ampio. Io sono giovane e la mia carriera da cantautore lo è ancora di più. Però per tutta l’adolescenza ho ascoltato tantissima musica e ho sempre avuto il desiderio e la curiosità di scoprire nuovi artisti. Ricordo quel periodo, quando ancora non esistevano i social... Mi piaceva la prima musica indipendente, quella “vera”, perché era effettivamente auto prodotta. Ora, al di là dei gusti personali, degli stili e dei generi, credo che fare musica sia diventato più che altro una sorta di moda. Non percepisco una vera esigenza artistico-comunicativa da parte di questi nuovi artisti “indipendenti”, quanto più un desiderio di vivere la vita da artista, perché è figa.

Una generale mancanza di autenticità, quindi…

Esatto. Ad esempio, quando apro Instagram dopo due o tre post mi appare la sponsorizzazione di un nuovo artista. È ovvio che questa sia la conseguenza di un insieme di cose: internet, il mondo digitalizzato in cui viviamo, il nuovo modo di fare comunicazione, l’opportunità di acquisire un minimo di visibilità a costi relativamente bassi. Però, rimane in me la sensazione che non ci sia più l’esigenza artistica di fare canzoni perché si ha veramente qualcosa da dire.

Tornando invece a “Viaggio in Italia”, puoi raccontarci qualcosa di più riguardo al tuo brano, “Ripabottoni brun brun”? Sei stato tu a sceglierlo? Se sì, perché?

La scelta dei brani è stata fatta insieme dal collettivo, da Tosca e dalle altre figure che ci hanno seguito (Piero Fabrizi, Paolo Coletta, Felice Liperi, ndr). Sono stato scelto per questo brano, che poi è anche il primo dello spettacolo e del disco, perché tra le voci maschili ero probabilmente quella più adatta.

In che senso?

Nel senso che, avendo una voce un po’ “sporca” e un timbro basso, avrei potuto impersonare con più credibilità il ruolo dello zingaro, figura centrale in questo che è un brano legato alla tradizione gitana.

Quali sono i progetti futuri del collettivo? Avete già in mente qualcosa?

Sicuramente c’è la volontà di portare avanti il progetto “Viaggio in Italia”, che consideriamo un piccolo gioiello, forti anche della reazione incredibile che il pubblico ha avuto dopo le prime uscite. Poi, il collettivo è fatto da tante persone e le idee sono chiaramente tante. Abbiamo in cantiere altri progetti, che magari si discosteranno molto dal concept della musica popolare. Soltanto i prossimi mesi ci diranno cosa ci aspetterà.

Francesco Carrieri, 16/07/2019

Il cunto e il canto in un viaggio in Italia alla riscoperta delle proprie radici: intervista a Francesco Anselmo degli Adoriza

Siciliano, classe 1991, tra i cinque finalisti della Targa Tenco 2018 per l'opera prima, il cantautore Francesco Anselmo ci racconta le sue riflessioni, le sue emozioni e la sua esperienza all’interno dell’album-progetto Viaggio in Italia. Cantando le nostre radici su cui ha lavorato con altri giovani artisti, riuniti nel collettivo Adoriza. Dal Friuli alle Madonie attraverso un itinerario artistico guidato da Tiziana Tosca Donati e Piero Fabrizi il canto ("ado") delle nostre radici ("riza") evoca il nostro passato. Un passato verso cui un ragazzo proveniente dalla Sicilia, terra del popolare e dell’ancestrale, non può volgere lo sguardo per comprendere e far comprendere il proprio presente. Per non disperdere la memoria nel futuro.

Caro Francesco, innanzitutto complimenti: un lavoro ambizioso e molto interessante. Che importanza ha per la tua carriera un progetto come questo?
Lavorare a un progetto di musica popolare è sempre bello, specie per un cantautore: la ricerca del passato è fondamentale. Uno sguardo al passato ti permette di capire molte cose della nostra contemporaneità. Poi ho sempre pensato che la tradizione, se mantenuta, specie dalla mia generazione, può divenire memoria storica. Questo è l’obiettivo che ci siamo posti sin dall’inizio con il collettivo, ed è anche uno dei miei obiettivi per la carriera da solista.

Memoria storica, ma soprattutto memorie storiche. Come siete riusciti a mettere insieme così tanti artisti diversi, ognuno con un background culturale e artistico differente, per un progetto comune?
Tutto è nato dal laboratorio Officina Pasolini, un laboratorio di alta formazione attivato dalla regione Lazio, mentre l’idea l’ha avuta Tosca. Lei è stata la nostra guida: ha fatto un po’ da collante tra quello che è il vecchio e ciò che nuovo, tra tradizione popolare e contemporaneità musicale. Tosca tiene particolarmente alla musica popolare, praticamente il suo pane quotidiano, e ha voluto coinvolgerci. Inizialmente eravamo circa una ventina e il lavoro preliminare è stato proprio di ricerca. Per esempio, io ho telefonato al Folkstudio di Palermo per riesumare i brani. È stato un lavoro sorprendente perché ci ha permesso di accedere a reperti inediti e venire a conoscenza di canzoni dimenticate. Complessivamente abbiamo scoperto più di 1000 brani! Durante i nostri incontri li abbiamo ascoltati tutti e in seguito, grazie a un lavoro di scrematura, abbiamo scelto i pezzi più iconici.

Tu hai scelto Re Bufè, canzone popolare siciliana ispirata a una vecchia filastrocca il cui protagonista è Carlo d’Angiò. Mi puoi motivare la tua scelta considerando le ragioni personali, sia emotive che culturali?
La mia prima scelta è stata familiare. Quando ero piccolo mio nonno me la recitava ma con il tempo mi ero scordato di questa filastrocca. Riascoltandola al laboratorio, mi si è riaccesa la lampadina: ecco l’importanza della memoria. Dal punto di vista musicale, dato che è una filastrocca, è stato interessante costruire un arrangiamento del tutto nuovo, grazie anche al prezioso aiuto di Piero Fabrizi. Mentre l’ironia di fondo del testo mi ha permesso di rivedermi in questa tipologia di scrittura.

adoriza

Senza dimenticare le ragioni politiche: Carlo d’Angiò è il simbolo del potere, storicamente molto opprimente in Sicilia.
Hai detto bene. Bufè racconta la storia di questo re ridicolizzato, incapace di mantenere le promesse. C’è questo binomio tra il ricco monarca e il povero a cui spetta la ricompensa della figlia del re, che non viene concessa per ragioni sociali. Una metafora del potere che spiega con ironia e chiarezza anche la politica attuale: gli adulatori esistono in ogni tempo.

La Sicilia è terra di cunti: quanto è importante raccontare le storie al giorno d’oggi?
È importantissimo. Ho avuto la fortuna di conoscere alcuni cantastorie viventi e ho riflettuto su un punto fondamentale: seppur parzialmente, la nostra generazione si è salvata da questo menefreghismo, mentre quelle successive non hanno assolutamente idea di cosa sia il patrimonio popolare. Ciò è desolante, specie in una terra dove la cultura popolare è alla base dell’identità, come la Sicilia. Tramandare le storie ti permette di conoscere e valorizzare la cultura siciliana attraverso un canale diverso. Il cunto, le canzoni popolari e la poesia dialettale fanno parte del nostro retaggio culturale, della nostra letteratura. Una cultura diversa, che va oltre le istituzioni, la scuola o l’università, ma che non è meno importante.

Abbiamo parlato tanto di passato, ma l’ultima domanda che voglio porti è sul futuro: dopo questo lavoro collettivo e il tuo album da solista Il gioco della sorte, quali sono i tuoi prossimi progetti ?
Mi porto avanti con la scrittura. Inoltre, dopo la bellissima sorpresa della Targa Tenco e la piacevole fatica dell’album da solista, ho deciso di intraprendere un tour estivo con una band di sette elementi. Ovviamente molte tappe saranno in Sicilia. Sto lavorando al mio nuovo album, che presto vedrà la luce, e parallelamente vorrei allestire uno spettacolo su Ignazio Buttitta che fonda il teatro e il cantautorato: grazie all’aiuto della fondazione Buttitta, sto facendo delle ricerche interessanti con la speranza di valorizzare la voce e la parola di uno dei poeti siciliani più importanti del Novecento.

Piero Baiamonte 22/07/2019

 

Pagina 2 di 115

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM