Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

F.M. E IL SUO DOPPIO: il 19 maggio al Teatro alla Corte di Collecchio lo spettacolo di e con Fabio Marceddu

Raccontare il mondo che cambia, con lo sguardo di un adolescente inquieto, alla ricerca del suo Ego stabile, è quel che si propone il Teatro Dallarmadio con lo spettacolo F.M. E IL SUO DOPPIO.
Partire dal proprio vissuto, e ritrovarsi a leggere quel che si è fatto, per arrivare dove si e' arrivati, e per dirla con Beckett: “Ci sarà una partenza, ci sarò anch'io, io non sarò io...Io sarò da un'altra parte. Io non sarò io”.
Perché quando la vita e il personale entrano in una drammaturgia, lo sguardo del narratore diventa esterno, lucido ma distaccato. Si fa quasi un lavoro al contrario, "riportare", senza farsi troppo coinvolgere, perché il vissuto appartiene al passato, e nel momento in cui viene condiviso, spezzato fra i presenti, non ci appartiene più.arma1

F.M è il racconto di una vita, di una porzione di vita, dove il motore é il teatro. L'amore per il teatro, la necessità di fare teatro, la difficoltà di essere attori, alla periferia di un paese, dove, è già difficile fare questo mestiere nella Capitale. F.M è Fabio Marceddu, ma è anche maschile e femminile, è anche Frequenze medie, perché la verità sta nel mezzo, ed è anche fra Martino, il grido d'allarme intimato al frate che dorme invece di suonare le campane. E prima che la campana suoni, come recita l'incipit, “visto che ci stanno togliendo il futuro, volgo lo sguardo al passato”. F.M raccoglie miscellanee teatrali (dal 1988 al 1998) citando, Beckett, Foscolo, Quenau, Wedekind, Max Aub, Copi, Genet - e li cita, come ordito all'interno di una trama che è la vita di un attore. E in questo decennio racconta la scoperta del genere sessuale, la discriminazione e la successiva e affermazione dell'identità sessuale (e umana) del protagonista.

TEATRO DALLARMADIO nasce nel 2004 dall’incontro artistico di Fabio Marceddu, Antonello Murgia, Paoletta Dessì e Raffaele Marceddu. La forza di questo sodalizio si origina dal dialogo poetico di mondi opposti, lontani, il cui obiettivo è la ricerca continua: l’eredità dei grandi maestri nell’anelito sensibile e permeabile alle nuove forme, dove la musica diventa forza trainante del gruppo. Il teatro dallarmadio è civile, sociale, si occupa di attualità in termini non cronachisti. La compagnia in questa ricerca irriverente del “diritto alla gioia”, e alla ricerca di alternative ai “vicoli ciechi” che si sommano al dolore e alla disperazione del mondo, con le proprie produzioni ha ricevuto diversi premi tra cui il Premio Scenario per Ustica Menzione Speciale a Rivelazioni (2007) e il Primo Premio al Festival Internazionale L’altro Teatro di Lugano con Bestie feroci (2007).

F.M. E IL SUO DOPPIO
Di e con Fabio Marceddu
18 maggio 2019 ore 19:30
Teatro alla Corte c/o di Giarola, Str. Giarola 10, Collecchio (Parma)

http://www.teatrodallarmadio.com/

Trailer https://www.youtube.com/watch?v=8FBQBBtt2C4&feature=youtu.be

U.s.

14/05/2019

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM