Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Mish Mash Festival: il castello di Milazzo suona ancora con una grande line-up

Mag 29

Tornerà dal 10 al 12 agosto l’attesissimo Mish Mash Festival, appuntamento musicale della provincia di Messina, nell’ormai abituale sede che lo ospita da qualche anno, il castello arabo normanno di Milazzo. La rassegna, giunta quest’anno alla sua ottava edizione, celebrerà come ogni anno il melting-pot che contraddistingue non solo la storia dell’isola, ma anche, inevitabilmente, la sua musica, e quest’anno propone una grande line-up.
Da sempre il Mish Mash ha attraversato tantissimi generi musicali, dall’hip-hop all’elettronica, dal rock al funk passando per indie e underground, diventando uno dei festival più noti in Sicilia, insieme all’Indiegeno e allo storico Ypsigrock, ospitando artisti nazionali ed internazionali, non solo dell’ambito musicale ma anche squisitamente artistico. La suggestiva cittadella fortificata, sospesa tra il Mar Mediterraneo e le Isole Eolie, durante tutto il festival, infatti, ospiterà anche delle istallazioni artistiche.
La serata inaugurale sarà infatti principalmente a tema Sicilian Taste, con il collettivo Lero Lero ed i djset di Davide Patania, 404 SNF e Christian Chiarenza. Ma gli artisti più attesi di quest’edizione si avvicenderanno nelle serate dell’11 e del 12. Tra loro i Tre Allegri Ragazzi Morti, storica band formata da Davide Toffolo, Luca Masseroni, ed Enrico Molteni che proprio quest’anno compiono 30 anni di attività e hanno da poco pubblicato il nuovo album Garage Pordenone per La Tempesta Dischi. Ma anche Popa, progetto nato grazie dalla sinergia tra l’artista lituana Maria Popadicenko e il produttore Carlos Valderrama ed ancora Nothing For Breakfast,band fiorentina con due dischi all'attivo che spazia dall’alternative rock con eco grunge alla psichedelica, e poi Il Mago Del Gelato, gruppo composto da quattro musicisti milanesi al primo EP Maledetta quella notte, che si muove nel funk, afrobeat e jazz.
Per aumentare l’hype a chiudere il festival nell’ultima serata sarà l’artista di punta Cosmo, che da anni ormai detiene un primato assoluto per essere riuscito, forse per primo, a portare l’elettronica tra le radio italiane, unendola ad un pop di altissima qualità e che ha di recente pubblicato l’ultimo disco Sulle ali del cavallo Bianco. Nella stessa serata, per rimanere sulla wave elettronica, anche Phunkadelica che ha debuttato con l’EP Intergalactico nel 2017.
Insomma, vecchi noti ma anche nuove e freschissime novità soprattutto siciliane come Manlio, The Whipped Dream e Sambo, vincitori del contest Figli delle stelle che offre il lasciapassare al Mish Mash.

Noemi Rinaldi  29/05/2024

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Sentieri dell'arte

Digital COM