Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

In casa Piaggio arriva "Gita", un trolley hi-tech

Piaggio Fast Forward (PFF), la società indipendente del gruppo Piaggio con sede a Boston e specializzata nello sviluppo di progetti all’avanguardia, ha introdotto il proprio primo prodotto hi-tech: Gita, un veicolo in miniatura autonoma per i bagagli. Almeno, questo è ciò che la gente di Piaggio Fast Forward suggerisce. Gita è, un veicolo - ma potrebbe essere più facile pensarlo come una valigia che è in grado di seguire il suo proprietario in un aeroporto. Questa valigia è anche in grado di muoversi autonomamente in un ambiente mappato, evitando gli ostacoli che gli si presentano davanti.
Il dispositivo è in grado di trasportare poco meno di 20 Kg di peso e può raggiungere una velocità massima di 35 Km/h. A poco più di 60 cm. di altezza, questa valigia ha la dimensione di un bambino molto piccolo, e può andare in giro molto più veloce di qualsiasi bambino piccolo che probabilmente si sia mai incontrato. Gita è "progettato per viaggiare a velocità umana con agilità umana."
Basti pensare a quanto più liberamente si sarebbe in grado di spostarsi da un punto ad un altro, senza doversi più trascinare dietro oggetti ingombranti e pesanti. Gita rende libera la mano umana che potrà concentrarsi sulle attività quotidiane complesse e creative considerando il trasporto qualcosa di banale e a cui non dover più pensare. ", Ha detto Jeffrey Schnapp, amministratore delegato di Piaggio Fast Forward. "È anche possibile inviare la Gita fuori in missione, mentre si è occupati facendo qualcosa di più urgente."
Piaggio Fast Forward sta investendo consistenti risorse per la progettazione, lo sviluppo e la realizzazione di mezzi di trasporto alternativi attraverso l’utilizzo di robot, droni e sistemi di guida autonoma, forse non è casuale la scelta di Boston, sede del Massachusetts Institute of Technology e di molte aziende di robotica e ingegneria informatica come base per la PFF.

D.B. - 01/02/2016

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM