Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 620

San Diego Comic-Con 2015: Cosa vedremo nelle prossime stagioni?

Dal 9 al 12 luglio si è tenuto a San Diego il Comic-Con, tre giorni sul mondo dei fumetti, giochi, cosplayer, anime, manga, film e telefilm.


Tra tutti gli eventi avvenuti, qui di seguito le novità riguardanti i telefilm messi in onda dai canali italiani, free o a pagamento, che stanno al passo con le produzioni inglesi.
Abbiamo lasciato Jon Snow sanguinante sulla neve, Sansa e Theon/Reek che saltano dalle mura del castello, Brienne di Tarth che uccide Stannis Baratheon, Cercei umiliata e Arya cieca.
Avendo oramai superato i libri, i produttori di Game of Thrones tengono all’oscuro gli attori sul destino dei propri personaggi. E quindi ciò che c’è dato sapere sono solo le impressioni degli interpreti: Natalie Dormer, prevede per la sua Marjorie Tyrell, abbandonata in una cella, tempi duri. Invece Alfie Allen vede una possibile fine alla miseria di Theon/Greek, una speranza. Collegandosi alla condizione di Theon Greyjoy, Sophie Turner parla di Sansa e la definisce “forte, nonostante tutto ciò che ha passato non si perde d’animo. Sa che la situazione può peggiorare da un momento all’altro. È in balia dei Bolton e quindi è cauta, passiva, ma solo in apparenza.”
Fidandoci delle parole di David Nutter, ciò di cui siamo sicuri è che Stannis Baratheon è morto, stessa cosa per il Lord Comandante Jon Snow anche se la speranza dei fan è che un qualche rogo magico di Melisandre possa riportarlo in vita e che, magari, la tristezza del Presidente Obama per il decesso del Guardiano della Notte aiuti il Signore della Luce a compiere il miracolo.
Restando in tema "storico" a San Diego è stata presentata anche la quarta stagione di Vikings che prenderà il via nel 2016. Il produttore lascia intendere che nelle prossime stagioni ci potranno essere dei salti temporali ed esplorare tutte le scorribande dei vichinghi, rimanendo concentrati sulla discendenza di Ragna, che potrebbe uscire di scena visto il suo "essere così affascinato dalla morte da esserne costantemente vicino".
Novità anche per gli abitanti di Storybrooke. Once Upon a Time è pronto per la sua quinta stagione con un Rumpelstiltskin senza poteri magici e una Emma Swan dalla parte dei villain. Altri personaggi verranno introdotti nella saga: Camelot esiste e lì troveremo Re Artù (Liam Garrigan), Merlino (Elliot Knight, visto in How to Get Away with Murder e The Killing) e Ginevra (Joanna Metrass). Una nuova principessa sarà presentata: chioma fulva e origini scozzesi anche Merida di Brave (Amy Manson) farà parte del cast.
Tra i panel in programma anche quello di Doctor Who, i produttori, gelosi dello show, non amano far trapelare trame degli episodi o possibili colpi di scena e quindi ciò che si è potuto ricavare è che questa stagione sarà molto più avventurosa e che in un futuro il Dottore potrebbe essere interpretato da una donna, se solo si trovasse l’attrice adatta. Sul filone di viaggi nel tempo si è tenuto il panel di Outlander pronto per la seconda stagione ambientata nell’aristocratica Parigi. La trasposizione dal romanzo al piccolo schermo cercherà di essere il più fedele possibile alla saga, asserisce il produttore, restituendo così ai fans la storia che amano.
Passando alle serie tratte da fumetti, Arrow ha presentato, dopo aver vinto la ship dell’anno grazie agli Olicity (Oliver e Felicity), il nuovo costume dell’eroe mascherato: meno Robin Hood e più guerriero, Oliver sembra pronto per una vera guerra affiancato dal suo team. Rinnovato anche lo spin-off, The Flash, la seconda stagione partirà con un salto temporale di qualche mese dalla catastrofe con cui si è concluso il primo ciclo. È stato confermato, inoltre, che sarà Zoom il terzo cattivo che il super eroe velocista dovrà affrontare.
Non potevano mancare all’evento i rinomati show di Julie Plec: The Vampire Diaries e lo spin-off The Originals. Giunto alla terza stagione vedremo Klaus alle prese con una vita da padre single, mentre una delle storyline affrontate sarà il problema della morte di tutti vampiri creati da un Originale se questo venisse ucciso. Tematica affrontata anche in The Vampire Diaries, che continua il suo viaggio nonostante Nina Dobrev (Elena Gilbert) abbia lasciato il progetto. La sesta stagione si è conclusa con Bonnie legata a doppio filo con Elena, grazie all’ultimo incantesimo di Kai. Come sarà il rapporto fra l’ex-strega, ex-àncora con lo sconsolato Damon? È proprio la Graham a suggerire che vedremo dinamiche interessanti fra i due. Ian Sommerhalder (Damon), che sarà il regista di uno degli episodi, interpreterà un Damon vecchia maniera, un ritorno del bad boy della prima stagione. Il rapporto tra Caroline e Stefan verrà approfondito ed è la stessa Plec ad asserire che ci saranno dei twist inaspettati nel corso della loro storyline. Lo stand-by del personaggio di Elena non spaventa la Plec che ha già introdotto tre nuovi personaggi e afferma che la settima stagione non sarà l’ultima. Al contrario di Person of Interest che probabilmente conclude il suo ciclo con la quinta stagione, ma il creatore Jonathan Nolan rassicura i fan "se così dovesse essere nessuno rimarrà deluso dalla storia che verrà raccontata".
Non resta che attendere le season premiere di tutto questo bel bottino e sperare che nell'attesa le emittenti italiane acquistino altre produzioni US.

Angela Parolin 12/07/2015

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM