Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

La commedia rosa “Il Bagno” è pronta al debutto

La Sala Umberto si prepara ad accogliere una commedia tutta al femminile: ‘Il Bagno’, per la regia del giovane Gabriel Olivares e l’interpretazione di cinque attrici di grande talento, Stefania e Amanda Sandrelli, Elda Alvigini, Claudia Ferri e Euridice Axen.
Si è tenuta lo scorso 10 dicembre la conferenza stampa di presentazione dello spettacolo che a partire da martedì 15 andrà in scena fino al 10 gennaio 2016. Sarà il risultato della miscela di sinergie e personalità disparate che si confronteranno tra loro nello spazio ristretto e intimo di un “bagno”.
Il pretesto del racconto è il compleanno di Lu, interpretata da Elda Alvigini, occasione in cui le sue tre migliori amiche le organizzano una festa a sorpresa. Inaspettatamente arriva anche Carmen (Stefania Sandrelli), la madre della festeggiata. Così in una notte folle e disinibita le quattro donne si ritrovano a scontrarsi, a confidarsi, a rivelarsi l’una all’altra nella toilette, un luogo personale, liberatorio, che come una sorta di rifugio permette loro di mostrarsi per ciò che realmente sono, tra paure e contraddizioni.
Gabriel Olivares mette in scena una metafora visiva con ironia: racconta infatti di aver sfruttato con abilità uno spazio angusto per far sprigionare alle attrici tutte le sfumature dei personaggi che portano in scena. “Minimizzando lo spazio – spiega Olivares – si intensificano le parole, le reazioni reciproche dei personaggi interpretati, si creano nuovi movimenti e si rafforza l’intensità dell’espressione. Sono un regista che si mette a disposizione del testo, l’opera per me è creata dalle attrici e io non faccio altro che rammentare loro gli strumenti per darle forma”.
Uno spettacolo divertente ma non banale lo hanno definito le protagoniste, entusiaste di aver lavorato con grande armonia, riuscendo a calarsi a fondo nel ruolo interpretato e allo stesso tempo a entrare in stretta relazione l’una con l’altra.
“Ciò che per me è speciale nel lavoro che faccio – ha affermato Stefania Sandrelli – è condividere. Il teatro per me è nutrimento da sempre, da quando ho iniziato posso dire di aver recitato solo ed esclusivamente per passione. E l’ingrediente essenziale di questa pièce è proprio il rapporto di condivisione con queste magnifiche attrici, è uno spettacolo in cui siamo tutte protagoniste in egual modo e in ciò risiede la sua bellezza.”

Giada Carlettini 11/12/2015

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM