Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 769

“Nonostante la nebbia”: l’eredità di Goran Paskaljević nel suo ultimo film contro il razzismo

Domenica 21 marzo, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione raziale, uscirà su Prime Video, CGDigital, Itunes, Gplay, Rakuten e Chili, l’ultimo film del noto regista e sceneggiatore serbo Goran Paskaljević (deceduto a settembre del 2020), dal titolo "Nonostante la nebbia". La data di questa ricorrenza, istituita dalle Nazioni Unite già dal 1966, coincide con il ricordo del massacro di Sharpeville del 1960, definito come la giornata più sanguinosa dell'apartheid in Sudafrica. Ed è proprio in questo contesto che si inserisce il commovente lungometraggio che, vede protagonisti anche due volti conosciuti nel panorama della filmografia italiana: Donatella Finocchiaro e Giorgio Tirabassi; al loro fianco un ricco cast composto da  Francesco Acquaroli, Anna Galiena, Luigi Diberti, Francesca Cutolo, Gabriele Donnini, Yousef HassaEl Nabbi, Paolo Triestino e Pino Calabrese.

La pellicola, dalla durata di ottantanove minuti, racconta di un ristoratore in un paese della provincia di Roma di nome Paolo che, tornando a casa in una sera di pioggia, trova per la strada un bambino siriano rifugiato  – Mohammed – orfano di genitori, deceduti durante il viaggio verso l’Italia a bordo di un gommone. Una storia, questa, che ricorre un tema delicato come quello “dell’adozione”, del rapporto di coppia ritrovato, dei disturbi psichici come la depressione e di una società piena di pregiudizi non pronta ad accettare la relazione tra due anime perdute.

La produzione è targata Cinemusa e Rai Cinema con l’associazione di Simona Banchi; la produzione esecutiva è invece di Mariella Li Sacchi e Amedeo Letizia e la co-produzione di Nova Film, Sektor Film e Rosebud Entertainment Pictures.
Il film di Goran Paskaljević, nel 2001 consacrato come uno dei cinque registi mondiali più importanti dell’anno e nel 2014 nominato Ufficiale delle Arti e delle Lettere dal Ministro francese della Cultura, ha presenziato nei festival di tutto il mondo, dalla Spagna al Tallinn Black Nights Film Festival Tartu, fino ad arrivare in India - GOA International Film Festival – e in Tunisia - Carthage Film Festival, il San Sebastian Film Festival e – nella sezione Masters – il Festival internazionale di Sofia.

Manuela Poidomani  17/03/2021

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM