Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 760

Il fascino discreto di “Motivational Speaking”, il nuovo album di Old Sea Brigade

Apr 29

È atteso per il 14 maggio “Motivational Speaking” il nuovo lavoro di Ben Cramer, in arte Old Sea Brigade, cantautore, polistrumentista e produttore americano from Atlanta, Georgia, attualmente di stanza a Nashville, capitale della musica che più a stelle e strisce non si può.
Questa influenza sembra aver contaminato il nuovo album già dall’ascolto dei primi due singoli: “Caroline”, ballata romanticissima immersa in un’atmosfera di tenera intimità, e dalla più sostenuta “Day by Day”, un alternative country à la Wilco, rafforzato dalla batteria di Julian Dorio, già fondatore dei The Whigs e membro attuale dei californiani Eagles of Death Metal. Nelle altre dieci tracce trovano spazio anche il chitarrista Kris Donegan (Third Eye Blind) e il musicista bluegrass Glenn Duncan (Dolly Parton, Mark Knopfler), al banjo e bouzouki.
È chiara la direzione dell’appena trentenne Cramer, fin dall’omonimo debutto del 2016, in cui proponeva un cantautorato fatto di fingerpicking d’atmosfera e voce delicata, nello stile del migliore Ellioth Smith, passando per “Ode to a Friend” (2019), un indie-folk acustico, contaminato da synth analogici che “disturbano” le ballate con i loro rumori oceanici, e dalla batteria minimale che pulsa come un piccolo cuore singhiozzante, non a caso il disco è dedicato alla memoria del suo migliore amico, morto suicida proprio durante la composizione.
Il tema della morte, e di un’esistenza fragile e precaria, sembrano intimamente intrecciati ad un certo cantautorato malinconico, che sussurra gentile le sue sofferenze, senza drammi rumorosi o atteggiamenti sopra le righe. I suoi autori cantano spesso sotto pseudonimo (basti pensare a Will Oldham, l’uomo dai mille nomi), come per non dissolvere la nuvola rosa del sogno, per non corrompere i loro giardini zen, sempre fioriti e scrupolosamente curati, con le asimmetrie disarmoniche della contingenza. Ne viene fuori una musica elegiaca e cristallina, colonna sonora perfetta per campi al sole, strade di campagna e silenziosi boschi invernali (i Bon Iver di Justin Vernon, altro pseudonimo).
Eccola, è questa la brigata di Ben Cramer, una combriccola che solca vecchi mari cercando sempre di tenere lontana ogni tempesta.

Elisa Macci  29/04/2021

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM