Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Oscar 2021: annunciate le candidature. Boom di nomination per Mank, Garrone e Pausini in corsa per l'Italia

https://www.oscars.org

Entra nel vivo la corsa ai premi cinematografici più ambiti dello spettacolo. L’Academy Award ha infatti annunciato tutte le candidature agli Oscar 2021, l’evento si terrà il 25 aprile in diretta su Sky, ma anche sul canale 303. I nomi sono stati annunciati da Pryanka Chopra e Nick Jonas lo scorso 15 marzo. Grande l’orgoglio dell’Italia per la presenza di ben tre nomination nelle varie categorie, da Laura Pausini per la Migliore canzone originale, “Io sì”, per "La vita davanti a sé", fino a Matteo Garrone per Migliori costumi (Massimo Cantini Parrini) e per il Miglior trucco e acconciatura (Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti) con il suo acclamato "Pinocchio". Le categorie quest’anno saranno ridotte a 23 per diminuire il numero dei partecipanti.

A fare il pieno di nomination è stato "Mank" per la regia di David Fincher, il film sulla vita dello sceneggiatore di Quarto Potere, Herman J. Mankiewicz, è stato prodotto da Netflix e ha ottenute ben 10 candidature. Sono 6 invece le nomination per "Nomadland", "The Father", "Sound of Metal", "Judas and the Black Messiah", "Il processo ai Chicago 7" e "Minari", 5 per "Una donna promettente".

Nella categoria Miglior film le pellicole candidate sono "Una donna promettente" di Emerald Fennellm, "The Father" di Florian Zeller, "Judas and the Black Messiah" di Shaka King, "Mank" di David Fincher, "Minari" di Lee Isaac Chung, "Nomadland" di Chloé Zhao, "Il processo ai Chicago 7" di Aaron Sorkin e "Sound of Metal" di Darius Marder.

A concorrere per il premio Miglior Regista sono Lee Isaac Chung, Emerald Fennell, David Fincher, Thomas Vinterberg per Un altro giro (Druk) e Chloé Zhao. A contendersi il premio di Miglior Attore Protagonista sono Riz Ahmed (Sound of Metal), Chadwick Boseman (Ma Rainey’s Black Bottom), Steven Yeun (Minari) e i già Premi Oscar Anthony Hopkins (The Father) e Gary Oldman (Mank).

Tra le donne candidate come Migliori Attrici Protagoniste troviamo Viola Davis (Ma Rainey’s Black Bottom) – migliore attrice non protagonista nel 2017 per Barriere di Denzel Washington – Andra Day (The United States vs Billie Holiday), Vanessa Kirby (Pieces of a Woman), Frances McDormand (Nomadland)  – già Migliore Attrice per Fargo nel 1997 e nel 2018 per Tre manifesti a Ebbing, Missouri  – Carey Mulligan (Una donna promettente). Tra i migliori attori non protagonisti sono candidati Sacha Baron Cohen (Il processo ai Chicago 7), Daniel Kaluuya e Lakeith Stanfield (Judas and the Black Messiah), Leslie Odom Jr. (Quella notte a Miami) e Paul Raci (Sound of Metal). Le attrici non protagoniste a contendersi la vittoria sono invece Maria Bakalova (Borat), Glenn Close (Elegia americana), Olivia Colman (The Father) – già reduce dell'acclamata interpretazione della Regina Elisabetta nell’ultima stagione di The Crown – Amanda Seyfried (Mank) e Yoon Yeo-jeong (Minari).

Per il Miglior film d’animazione sono stati nominati "Onward", "Over the Moon", "A Shaun Sheep Movie: Farmageddon", "Soul" e "Wolfwalkers". A convincere l’Academy per il Miglior film internazionale sono stati invece "Quo Vadis, Aida?" (Bosnia Erzegoniva), "Another Round" (Danimarca), "Better Days" (Hong Kong), "Collective" (Romania) e "The Man Who Sold His Skin" (Tunisia).

Il Premio Jean Hersholt del 2021, destinato alle cause umanitarie, vede come candidati Tyler Perry e la Motion Picture & Television Fund.

Quella di quest’anno sarà la 93° edizione dei premi Oscar e si terrà tra il Dolby Theatre e la Union Station, entrambi a Los Angeles, con due mesi di ritardo rispetto a quanto si era pensato. A causa della pandemia, infatti, l’Academy ha dovuto rivedere i criteri di ammissione. Nella filiera delle pellicole non ci sono solo le opere andate nelle sale cinematografiche, ma sono state accettate anche quelle distribuite sulle piattaforme streaming. Netflix è stata infatti la società di proudizione che si è portata a casa ben 35 nomination. Tra le altre novità di quest’anno c’è l’unione dei due premi dedicati al sonoro in un’unica categoria. A cambiare è anche il criterio per le colonne sonore, quelle ammesse dovevano infatti contenere almeno il 60% di musica originale.

Elisabetta Di Cicco 17/03/2021

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Digital COM