Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 620

Corto Tendenza Film Festival: il palcoscenico del cortometraggio

Il rinnovato Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto (Me) ospita per la prima volta “Corto Tendenza Film Festival” giunto alla III edizione. Realizzato dall’Assessorato alla Politiche Giovanili, il festival si rivolge a professionisti del settore e amatori, con il fine principe di valorizzare il cortometraggio come forma di espressione artistica di forte impatto socio-culturale.
Il 9 luglio si è svolta la serata d’inaugurazione dedicata nella prima parte alla proiezione dei cortometraggi della sezione LAB (under 25) che ha visto la partecipazione di molti progetti “giovani” e, spesso, embrionali. Il tema “il male”, lanciato dalla direttrice artistica Annamaria Puliafito, ha ispirato lavori di denuncia: abuso di droghe e alcol, violenza, lotta per i diritti umani, sono i temi gettonati, colti in un diffusissimo clima gotico e amatoriale. Con originalità si differenzia il corto “Il male” per la regia di Martina Girlanda interessata invece all’ironia del “male” quotidiano.
Nella sezione OPEN - aperta a tutti e a tema libero - tra gli altri, anche “Make up” di Giuseppe Ferlito (già noto regista di “Infernet” presentato alla scorsa Mostra di Venezia) realizzato nel contesto dello stage nazionale FEDIC (federazione italiana dei cineclub). Protagonista dell’evento speciale della prima serata è Massimo Coglitore, ospite e giurato; il regista messinese si è fatto strada nel mondo del cinema nazionale e internazionale con “The Elevator” (2013) e, in attesa dell’uscita del suo ultimo lavoro “The Straight Path”, incontra in questo contesto il pubblico barcellonese con il suo primo corto in 35mm “Uomo di carta” (1998). A concludere la giornata la proiezione di “Nessun messaggio in segreteria” di Paolo Genovese e Luca Miniero, omaggio all’attrice Lorenza Indovina, madrina di Corto Tendenza.
Forte la presenza siciliana in questo Festival che presto sarà legato a “Corto di Sera”, rassegna messinese di cortometraggi indipendenti, come conferma il presidente di giuria Francesco Calogero e gli ospiti Marco Olivieri e Sebiano Chillemi (Messina Film Commission). Creare una rete festivaliera in Sicilia serve ad affermare l’isola, non più solo come il set favoloso di un neorealismo passato, ma come palcoscenico in fermento. La specificità di Corto Tendenza è, infatti, il luogo stesso in cui è nata e si svolge da tre anni: Barcellona Pozzo di Gotto ha visto di recente la realizzazione del suo teatro comunale, dopo decenni di abbandono segnati da divergenze politiche, da una parte, e indifferenza, dall’altra; le iniziative culturali cittadine, attive da pochi anni, esplicano un bisogno, una speranza (e un augurio): superare i propri limiti.

Silvia Maiuri 10/07/2015

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM