Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Print this page

Torna su Rai Uno "Il Commissario Montalbano": due nuovi imperdibili episodi per celebrare i 20 anni della serie cult

Il Commissario Montalbano torna in prima serata su Rai Uno, l’11 e il 18 febbraio, con due nuovi imperdibili episodi diretti da Alberto Sironi: “L’altro capo del filo”, tratto dall’omonimo romanzo di Camilleri, e “Un diario del ’43”, estratto invece dai racconti “Un diario del 43” e “Being here”. Un appuntamento molto atteso che assume un valore ancora maggiore, andando a celebrare i 20 anni di questa serie divenuta un cult in tutto il mondo.
Era il 1999 quando andò in onda il primo episodio, “Il ladro di merendine”, e puntata dopo puntata, stagione dopo stagione, il personaggio nato dalla penna dell’inconfondibile scrittore siciliano e interpretato da Luca Zingaretti , è entrato nel cuore di milioni e milioni di spettatori.
In questi anni, come ha sottolineato Eleonora Andreatta, Direttrice di Rai Fiction, sono stati realizzati ben 34 film di Montalbano, di cui 24 sono adattamenti di romanzi e 10 di racconti di Camilleri operati dalla penna dello sceneggiatore Francesco Bruni. Distribuito in 65 Paesi, acclamato da pubblico e critica , con punte di ascolto di ben oltre 12 milioni di spettatori, la serie vanta una grande popolarità che è andata sempre più consolidandosi anche grazie alle oltre 150 repliche in prima serata. Il Commissario Montalbano ha portato l’italianità e la sicilianità nel mondo affrontando temi di forte attualità in cui il passato e il presente si parlano, entrando nell’immaginario collettivo come un uomo emblema di coerenza e speranza.commissario montalbano
Camilleri racconta l’Italia nelle sue molteplici sfaccettature ed esalta la Sicilia nella sua realtà, con i suoi colori, sapori, odori, paesaggi, la sua lingua, i suoi suoni, tanto da averla fatta diventare un vero e proprio centro di attrazione. Ci si riconosce nei vizi e nelle virtù dei personaggi, nella loro umanità, si rimane rapiti da quei delitti che sembrano d’impeto, ma che hanno radici in un tempo lontano. In ogni episodio girato con la cura per i dettagli come fossero dei veri e propri film, è stato aggiunto un elemento di novità, senza andare mai a stravolgere i tratti del protagonista, un uomo tutto di un pezzo, con una morale forte e la capacità di cambiare idea, il quale racconta un luogo meraviglioso come il ragusano, una Sicilia barocca che fa da sfondo ad uno scenario dove insieme al male convive il “bene di vivere” all’italiana, con l’idea del passeggiare, di difendere gli amici e determinati valori.
In questi due nuovi episodi in particolare, verranno affrontate tematiche particolarmente sentite nel contesto sociale odierno, come quella dell’immigrazione e della violenza sulle donne, poiché la tv è specchio della contemporaneità e allora si assisterà a una vera e propria fusione di pietas e giustizia: Montalbano che raccoglie dalle acque il corpo di un migrante in mare è come una moderna Antigone al maschile, che offre degna sepoltura ad un essere umano. Una scena attualissima quindi e allo stesso tempo antica, con radici nella tragedia greca. Un'altra scena molto toccante, centrale nel secondo episodio inedito, sarà quella della scomparsa di un personaggio molto amato della serie, Pasquano, il medico legale, interpretato da Marcello Perracchio purtroppo recentemente scomparso. Come è stato specificato in conferenza stampa, il personaggio letterario continuerà a vivere, ma non quello televisivo. Importante novità sarà, inoltre, l’entrata in scena per la prima volta di un attore italo americano, Dominique Chianese. In “L’altro capo del filo” dunque , mentre sulle coste dell’isola continuano gli sbarchi dei migranti, Salvo e i suoi uomini si trovano alle prese con l’assassinio di una giovane amica di Livia; “Un diario del ‘43”, riporta, invece, nel presente di Montalbano tre storie del passato: a Vigata viene ritrovato un vecchio quaderno di appunti appartenuto a un ragazzo, allora quindicenne, affascinato dall’ideologia fascista.
Accanto al Commissario Montalbano- Luca Zingaretti, si ritroveranno come sempre gli storici Cesare Bocci- Mimì Augello, Peppino Mazzotta- Fazio, Angelo Russo- Catarella e Sonia Bergamasco-Livia.

Maresa Palmacci 31-01-2019