Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Toilet: l’avventura di Gabriele Pignotta chiuso in un bagno di un autogrill in scena al Teatro 7

Nel nostro quotidiano parliamo molto al cellulare con gli auricolari- spesso quelli di ultima generazione senza fili- e ci isoliamo dal mondo. Presi dalla conversazione non facciamo caso ai particolari e a quello che avviene intorno a noi. 

Lo sa bene Flavio Bretagna -il protagonista dello spettacolo Toilet- in scena fino al 17 Aprile al Teatro 7 di Roma. In un giorno qualunque guida distratto dall’ennesima telefonata di lavoro. Deve andare in bagno e si reca in una piccola stazione di servizio in una strada secondaria di provincia. Sempre al telefono si reca in bagno e assorbito dalla conversazione non memorizza dove si trova esattamente. Al momento di uscire la porta non si apre. Non è uno scherzo , non sembra esserci nessuno là fuori e nessuno sa dove si trova.
Gabriele Pignotta, in un atto unico, ci racconta le settantadue ore di un uomo chiuso in un bagno con il classico orinatoio da aggiustare, un carrello per le pulizie un rubinetto da cui esce l’acqua a fatica e le classiche scritte più o meno oscene ( tutte vere!) alle pareti. Il cellulare, le poche gocce d’acqua che escono dal rubinetto e un pacchetto di caramelle sono le sue uniche speranze. Le telefonate continuano ad essere le protagoniste dello spettacolo recitato con un ritmo frenetico a sottolineare la tensione che si crea dentro quello squallido ambiente.

Toilet spettacoloL’attore dà una prova di resistenza fisica e di saper gestire da solo un palco mentre diverte il pubblico con battute esilaranti e mentre si sbottona dichiarando al telefono cose che non aveva mai avuto il coraggio di dire. Quando tutto sembra prendere una piega diversa - persino Flavio sembra cambiato nel suo modo di vedere le cose- una telefonata inaspettata gli fa cambiare idea e sacrificare la sua libertà.
Lo spettacolo ci fa ridere e riflettere sulla fretta che abbiamo ogni giorno, sulla nostra dipendenza dai cellulari e dai media che ci fanno perdere di vista le cose importanti dai colleghi ,agli amici fino a una anonima stazione di servizio.
Lo spettacolo sarà in scena ancora per due repliche il 16 e il 17 Aprile 2019 al Teatro 7 di Roma.

Foto di Valeria Mottaran 
Maria Vittoria Guaraldi
15/04/2019

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM