Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 696

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 694

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 676

“Salomè” di Oscar Wilde apre la nuova stagione del Teatro Mercadante

Sotto lo sguardo impassibile di una luna nera e lucida, poi di un pallore spettrale e rosso sangue, si svolge la vicenda della principessa Salomè, figlia della Erodiade che ha sposato in seconde nozze Erode, tetrarca di Giudea e fratello del suo defunto marito. Il testo raramente messo in scena di Oscar Wilde, composto nel 1891 a Parigi e lì rappresentato per la prima volta nel 1896, giunge al Teatro Mercadante e ne apre la stagione 2018/19 dopo il successo estivo durante la rassegna Pompeii Theatrum Mundi. La bella scenografia pensata da Marta Crisolini Malatesta lascia dunque gli spazi aperti del Teatro grande di Pompei e si adatta a quelli del Teatro Mercadante, che esaltano allo stesso modo la sensualità e la complessità di un’opera un tempo considerata scabrosa: la sua rappresentazione a Londra avvenne solo nel 1931, dopo che vi si era abbattuta la scure censoria dell’epoca vittoriana che durò ben oltre la fine della sua regina. Salomè 1


La storia di Salomè si svolge in Giudea, dove il profeta Iokanaan – il Giovanni Battista della tradizione cristiana – è stato rinchiuso da Erode, inorridito dalle sue profezie sull’avvento del Messia e dalle sue condanne dei costumi dei monarchi. La principessa incuriosita dal comportamento del profeta chiede alle guardie di liberarlo per potergli parlare. Uscito dalla cisterna, Iokanaan proferisce parole di sdegno verso Erodiade, ma Salomè se ne innamora perdutamente: «Bacerò la tua bocca, Iokanaan» sussurra la principessa, bella come «un fiore lunare». Il profeta, però, la allontana inorridito e viene rinchiuso nuovamente. Quando Erode, che blandisce Salomè con le sue profferte nonostante sia suo patrigno, le chiede di danzare per lui in cambio di qualsiasi cosa desideri, Salomè accetta e dopo aver danzato chiede in cambio la testa di Iokanaan. Topazi, zaffiri, smeraldi, opali, nulla di ciò che Erode offre alla principessa al posto della vita del profeta può distogliere la glaciale Salomè dal suo intento: «Voglio la sua testa» continua a ripetere in un mantra ossessivo al tetrarca, che giunge a proporle in dono metà del suo regno. L’eccellente interpretazione di Eros Pagni, un tragicomico Erode, e di Gaia Aprea, algida e convincente Salomè, così come quella di Giacinto Palmarini – che seminudo e con lunghi capelli sulle spalle ricorda le icone cristologiche – esaltano l’intreccio di amore, passione e morte che caratterizza il testo di Wilde. Salomè 2


Luca De Fusco, ben consapevole della miscela insolita di drammatico, ironico, erotico e grottesco dell’opera, afferma di apprezzarla proprio per il suo carattere «spurio», elemento che da tempo predilige in teatro. Risulta dunque premiata la sua scelta insolita e coraggiosa di mettere in scena un testo così poco frequentato sulle scene: l’atto unico, che si risolve in poco più di un’ora e mezza, funziona grazie alla bravura dell’intero cast, ai costumi sontuosi e al mix di musiche – quelle originali di Ran Bagno – di danza e cinema. Resta il mistero riguardo la natura enigmatica e sfuggente della protagonista, che nonostante il suo amore per il profeta – «sei stato l’unico uomo che abbia mai amato» sussurra quando infine riesce a baciare la sua testa – ne chiede con insistenza maniacale la morte per decapitazione. De Fusco risolve il finale basandosi sulle teorie dell’antropologo René Girard, che parla di desiderio mimetico: Salomè ama talmente Iokanaan da volersi trasformare in lui stesso. E così, quando finalmente la principessa ne ottiene la testa e la bacia, bacia la sua stessa faccia, lunare, pallida e impreziosita da pietre.

Pasquale Pota 29-10-2018

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM