Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

“Finché giudice non ci separi”: una commedia ironica sugli uomini separati al Teatro Golden

In una seduta psicoanalitica di gruppo tre amici accompagnano verso un percorso di rielaborazione del fallimento personale l’ultimo che è stato lasciato dalla moglie, nel salotto di Massimo si alternano dei dialoghi che hanno quasi il compito di far emergere le contraddizioni che gli uomini separati si trovano a vivere. È una “terapia collettiva” che, al pari della libreria Ikea che assemblano in scena, serve a ricomporre i pezzi della loro vita, perché l’amore e i rapporti di coppia non sono come le “librerie di rovere” ma fragili come il truciolato che scricchiola davanti ai “giudici”, che slegano ciò che il matrimonio ha unito. Ecco perché il giudice è una donna, archetipo del male, che in maniera spietata detta sentenze. Ma “Finchè giudice non ci separi”è una commedia e quindi il risvolto comico è dietro l’angolo, anzi al piano di sopra.
Mentre gli amici cercano di salvare Massimo dagli psicofarmaci, aiutandolo a sistemarsi nel nuovo alloggio, bussa alla porta una donna, proprio il giudice che ha stabilito i termini per la separazione tra l’uomo e la moglie, allontanandolo dalla figlia. Questo incontro che segna l’inizio di un percorso di riconciliazione metterà in luce l’avidità dei partner che sono pronti a farsi la guerra per separarsi.
I dialoghi sono semplici e divertenti ma poco pungenti, le battute facili e prevedibili però trovano un grande consenso di pubblico, pronto a ironizzare con gli attori sulle situazioni paradossali che si vivono in coppia in quell’eterno conflitto tra i due sessi. Luca Angeletti, Augusto Fornari,Toni Fornari, e Nicolas Vaporidis riescono a offrire diverse sfaccettature caratteriali, dal “casanova” all’orsacchiotto, mentre Laura Ruocco, il giudice, concilia in sé una doppia natura, severa e comprensiva. Sulle note di un Senso di Vasco Rossi giunge il lieto fine e l’ultimo applauso.

In scena al Teatro Golden fino al 22 novembre
Scritta da Andrea Maia, Augusto Fornari, Toni Fornari, Vincenzo
Regia di Augusto Fornari
Con Luca Angeletti, Augusto Fornari, Toni Fornari, Laura Ruocco, Nicolas Vaporidis

Gerarda Pinto

05/11/2015

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM