Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Filippo Timi è uno "Skianto": performer in cerca di carezze e amore

FIRENZE – Finalmente abbiamo visto Filippo Timi in un monologo. La critica che sempre gli avevamo mosso era quella di utilizzare un testo, che fosse Shakespeare o Ibsen, per tirare fuori le sue tematiche, il suo modo di stare in scena, “uccidendo” così la drammaturgia, che diveniva soltanto pretesto, e gli attori al suo fianco, schiacciati dalla sua forza. Timi qui invece è uno “Skianto”, performer a tutto tondo con quel suo modo poetico e vivace, verace e tagliente di raccontare, di portarti fino alle lacrime per poi, sul più bello, lasciarti lì sospeso ed immergerti in una bolla psichedelica e trash, rosa e svolazzante. E' la sua cifra: la ricerca della carezza, della condivisione, dell'apertura con il cuore in mano per poi, quasi accorgendosi di aver fatto trasparire troppo o di essersi troppo lasciato andare, rientrare nei ranghi a lui più congeniali, il video, la canzonatura, il perugino stretto e ruvido che non consola ma ferisce le orecchie, le canzoni trasformate, i balletti, gli immancabili Queen, Lady Gaga, Britney Spears, David Bowie, Elton John. Il suo show (accompagnato dal bravissimo Salvatore Langella al piano che “traduce” le hit in napoletano rivestendole 1 LOW Skianto - Filippo Timi.jpgdi un altro abito ancora più denso, vicino e struggente) sono delle montagne russe esistenziali, emozionali, sentimentali, ti porta in cima alla rupe e poi giù negli abissi ed è vero in entrambi i casi: ti scuote, ti muove, crea empatia, vicinanza, solidarietà con questo brutto anatroccolo nel suo percorso-passaggio doloroso prima di diventare cigno.

“Skianto” è la storia, pinocchiesca (c'è anche il naso; omaggio a Carmelo Bene), di una morte, di ciò che era prima, prima della sua resurrezione e rinascita, che ogni fine è un inizio. E lui, partendo dalla provincia della provincia, Ponte San Giovanni, alle porte di Perugia, sa cosa è stata la fatica di emergere, di uscire da una realtà piccola e misera e claustrofobica. E' la storia di un bambino che non riesce, metaforicamente, a parlare, ad esprimere le proprie emozioni, chiuso in un mondo suo che lo schiaccia e lo inaridisce. Timi è appeso nella sua tutina bianca spermatozoica da astronauta (ci ha ricordato la pellicola “Gravity” con George Clooney) e fa capriole da trapezista consumato ed evoluzioni tra luci e palle stroboscopiche, un canestro e il fondale a pois: “Siamo tutti marziani” come a sottolineare la diversità di ognuno di noi e la non omologazione. “Life is now2 LOW Skianto - Filippo Timi.jpgè il ritornello che chiude i capoversi tragici e drammatici, e cozza (l'inglese ha sempre quel sapore di futuro e progresso, quel gusto di pulito che appiattisce le differenze linguistiche, regionali e geografiche) con il suo umbro strascicante che sa di terra, materico e duro, che sa di tradizioni, di un tempo lontano. L'intimo lascia il posto allo psichedelico, il retrospettivo si discioglie nel conturbante, il racconto toccante e commovente scivola nello scoppiettante sfrenato, il profondo tramuta nel delirio scatenato, euforico, esondante, il dramma e la disco, lacrime e sorrisi, up & down. Non ci sono vie di mezzo. E' una confessione, uno sfogo, un vomito sconsolato. Si piange e si balla.

Puoi togliere Timi da Ponte San Giovanni ma non potrai mai togliere Ponte San Giovanni da Timi, parafrasando Ibrahimovic e il suo “ghetto”. Legato a fili come un burattino, la sua (quella del protagonista; c'è sempre molto di autobiografico anche se romanzato) è una 3 LOW Skianto - Filippo Timi.jpglunga lenta presa di coscienza del proprio corpo, dell'intorno, fino alla liberazione. Accettazione, emarginazione, isolamento, identità: chi sono, chi ero, chi sono diventato, chi sono voluto diventare con estrema fatica, lavoro, sudore. La storia di Timi è una rivincita, è un esempio, deve essere trascinante, è per questo che è così amato ad ogni latitudine, perché, sotto il trucco o le paillettes, i pattini a rotelle o i jingle anni '80, sotto questa patina che è più una difesa colorata, il pubblico ha capito quanto è vero, quanto si conceda, quanto ogni sera si metta in gioco, in ogni replica generosa, quanto, catarticamente, ogni sera sia unica in quell'impasto di hic et nunc che non lascia spazio al mestierante ma lascia posto all'uomo (a tutti noi), con le sue piccolezze, con la sua polvere di stelle. Timi ci dimostra che è possibile farcela, pur partendo dalla provincia, pur senza possibilità, pur con ogni sorta di difficoltà: il pubblico lo ha adottato e, al netto delle canzonature, del non prendersi mai troppo sul serio, Filippo è diventato paladino, vessillo, bandiera di questa grande voglia e desiderio di essere amati e abbracciati senza la paura di ammetterlo. Dovremmo preservarlo, proteggerlo, come uno degli ultimi panda.

Tommaso Chimenti 16/01/2020

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

Digital COM