Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Print this page

Edoardo Ferrario: la comicità della generazione 2.0

Dopo il successo di pubblico riscontrato il 9 luglio in occasione della sua prima serata di spettacolo, Edoardo Ferrario è tornato a esibirsi al teatro di Villa Doria Pamphili il 22 luglio sempre in occasione dell’iniziativa “I concerti nel parco”, e ancora una volta si è registrato il sold-out. Un giovane di soli 28 anni, ma carico di esperienza, passione, voglia di divertirsi e far divertire in un modo nuovo, diretto e semplice; solo sul palco riesce a intrattenere il pubblico con i suoi sketch, i suoi esilaranti racconti di vita quotidiana, le sue ineccepibili imitazioni. Con uno slang che lo rende assolutamente attuale, vicino più che mai alla generazione del web 2.0, racconta come quest’epoca nelle sue difficoltà e infinite contraddizioni, potrebbe rivelarsi in fondo il seme delle opportunità future, come questi possano essere i nuovi anni sessanta, perché come allora per rinascere ci si deve reinventare.

Edoardo Ferrario senza mai cadere nella volgarità o anche nella banalità di immagini che accumunano molti comici di oggi, ironizza sulle stravaganze della società moderna, punta la lente di ingrandimento sui particolari della realtà e della gioventù attuale; ben ci riesce, forse perché la vive da dentro, ne fa parte e ne conosce a fondo i meccanismi, forse perché si pone al di fuori delle etichette, mettendosi alla pari del pubblico con la sua satira pulita, intelligente, in grado di gettare un messaggio o un appiglio per riflettere. Nel suo show trae spunto dalle notizie più fresche e attuali come il caso delle intercettazioni di Mafia Capitale per poi ricavarne una chiave di lettura per le serie tv più acclamate, da Gomorra a Romanzo Criminale, mostrando così tra una risata e l’altra quanto televisione, web, cronaca e società siano oggi fortemente interconnesse. Spazia in continuazione dai grandi riferimenti letterari alla velata critica verso il canale tv del momento, “Real Time”, e lo fa con un approccio semplice ma che rivela buono studio e accurata preparazione. Diretto ma mai eccessivo, Edoardo Ferrario stupisce il pubblico con il suo variegato repertorio e allontanandosi dai soliti cliché si rivela una buona scoperta per una comicità rinnovata.

Giada Carlettini 29/07/2015