Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

“Desaparecidos #43”: al Teatro delle Moline di Bologna va in scena lo spettacolo che dà voce alle drammatiche scomparse dell’America latina

La compagnia Instabili Vaganti, dopo un periodo di residenza dal 2 all’8 febbraio, porterà in scena dall’11 al 14, presso il Teatro delle Moline di Bologna, in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione-Arena del Sole, il loro nuovo lavoro “Desaparecidos #43”.
Lo spettacolo ha l’obiettivo di dar voce alla drammatica vicenda dei 43 studenti di Ayotzinapa scomparsi a Iguala, in Messico, il 26 settembre del 2014.
Gli autori, Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola, per la creazione della performance, partono dalla loro esperienza di lavoro in Messico, Uruguay e Argentina, e dalle testimonianze e dai racconti degli studenti messicani coinvolti nel progetto internazionale Megalopolis.
Metteranno in scena una drammaturgia originale, bilingue, che unisce diversi linguaggi espressivi, dalla parola recitata, alle azioni fisiche, dal canto, alla musica, fino alle video proiezioni. Tutto l’insieme darà vita a un coro di voci che ancora adesso si uniscono al grido “Todos somos Ayotzinapa”, il quale continua ad animare le piazze di città del Messico e di altre città del mondo, e a diffondersi attraverso il web con gli hashtag #megalopolisproject43.
Una performance forte, di impatto, un atto di protesta che si unisce alle azioni dal basso, una re-azione artistica e performativa che mira a mettere in luce una tragica realtà, che ancora oggi affligge il Messico e altri paesi dell’America latina.
“Desaparecido #43” è un vero è proprio atto di ribellione, un’opera che inneggia alla libertà d’espressione ancora non riconosciuta in molte parti del mondo, è un modo per reagire, attraverso l’arte, all’ingiustizia e all’oppressione, uno spettacolo che racchiude in sé un forte sentimento di speranza: “Volevano seppellirci, ma non sapevano che eravamo semi.”
Lo spettacolo sarà preceduto da un incontro gratuito con il pubblico, che si terrà lunedì 8 febbraio, alle ore 18, presso il Teatro delle Moline, nel quale si potranno ripercorrere le varie tappe dell’esperienza della compagnia Instabili Vaganti e approfondire la drammatica vicenda degli studenti di Ayotzinapa scomparsi ad Iguala nel 2014.

Maresa Palmacci 08/02/2016

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM