Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e rispetta la tua privacy in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

                                                                                                             

Al Teatro Grassi di Milano il cinismo sul rovesciamento della vita coniugale in “Contratto matrimoniale”

Continua la maratona teatrale del Festival Trame d’Autore dedicata alle trasformazioni della Cina. Dopo il divertente “Fake single” che indaga sulla vita di coppia in relazione alla carriera professionale, in “Contratto matrimoniale” di Pan Jun, assistiamo all’assurdo rovesciamento del concetto di matrimonio, in un testo dove l'autore restituisce le inclinazioni della vita del ceto medio nelle grandi città come Pechino, i mutamenti socio economici in rapida crescita e i trasferimenti improvvisi, l’incertezza lavorativa. Uno spettacolo cinico, sadico, dove i personaggi, specie quello maschile, è vittima del proprio destino. Divorziato, tenta di rifarsi una vita con un’altra donna, una collega. È possibile sposarsi anche a tempo determinato? Questo uno dei quesiti del protagonista che interpella il pubblico. Pan Jun è un autore che conosce bene la realtà della popolazione fluttuante e delle conseguenze da essa scaturite. Pan Jun difatti è stato uno dei cosiddetti "giovani istruiti" inviati in campagna durante la Rivoluzione Culturale. Inizialmente conosciuto per i suoi romanzi e racconti, la sua popolarità come autore teatrale si afferma con il gran successo di “Contratto matrimoniale”, tratto dal suo romanzo “Il modo di divorziare in Cina” (2003), da cui sono stati tratti una versione cinematografica e un serial televisivo con un grandissimo seguito in Cina. In quest’opera tradotta da Annalisa Annuvolo e diretta dal quarantenne Sergio Basso, ci imbattiamo in un altro testo che potremmo definire universale. Il modo di divorziare in Cina non è poi lontano da quello del mondo Occidentale. Le problematiche a cui far fronte sono le medesime, la precarietà lavorativa, idem. Si tratta di uno spettacolo tradotto e recitato in italiano con attori italiani, tra cui Giusi Emanuela Iannone, Silvia Giulia Mendola, Ivan Olivieri, Valeria Perdonò, Michele Radice. Ben interpretato anche se un po’ statico.

Adele Labbate 17/09/2015

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Recensito su Twitter

Digital COM